Privacy Policy

ConcretaMotori Maggio 2017: Abarth 124, Mazda MX-5, Mini Cabrio e Aprilia RS 125

by • 22 maggio 2017 • ConcretaMotori, evidenza, newsComments (0)108

 

 

Abarth 124

La sorella cattiva della Fiat 124 condivide come la sorella la piattaforma con la Mazda MX-5. Il motore è il fascino però è quello italiano.

La caratteristica che la differenzia maggiormente rispetto alla sorella, oltre all’aspetto reso molto più corsaiolo grazie a dettagli quali in cofano anteriore verniciato di una tinta nero opaca e i doppi terminali di scarico sdoppiati, sono i 30 cv in più erogati dal piccolo 1.4 a benzina che arriva ad una potenza complessiva di 170 cv.

L’abitacolo a due posti secchi è derivato direttamente dalla cugina orientale – ben curato negli assemblaggi e dotato di materiali di buona qualità. La plancia è dominata dal grande schermo del navigatore, comode e avvolgenti le sedute, piccolo il bagagliaio che con una capienza di soli 140 litri di capienza, adatto solo ai bagagli di un weekend.

Il prezzo per portarsi a casa un altro gioiello italiano è di 40.000 euro per la versione con cambio manuale, mentre bisogna aggiungere altri 2.000 euro per avere il cambio automatico a 6 rapporti derivato dalla Mazda.

 

Mazda MX-5

La Mazda più apprezzata e venduta di sempre ha alle spalle ben 25 anni in produzione.

Con l’ultimo restilyng non si è persa la tradizione che da sempre vuole il motore montato anteriormente in posizione arretrata e trazione spostata sull’asse posteriore, in modo da ottenere un bilanciamento dei pesi 50:50, che fanno sì che si abbia una spiccata agilità in mezzo al traffico di tutti i giorni.

Entrambi i motori disponibili in listino spingono sempre in modo più che adeguato questa piccola sportiva 2 posti.

L’abitacolo è piccolo ma molto ben rifinito e curato, nonché ricco di gadget che torneranno molto utili, mentre la posizione di guida è ribassata ma si trova facilmente la posizione migliore.

Il prezzo per questa piccola orientale varia dai 25.000 euro per la versione con il 1.5 con 131 cv fino ad un massimo di 30.000 euro per la versione con il 2.0 con 160 cv.

 

Mini Cabrio

La Mini, da sempre auto modaiola, nella sua nuova versione Cabrio sfoggia un look ancora più accattivante e personale.

Leggermente più grande rispetto alla vecchia versione fa sì che sia migliorata l’abitabilità. Cresce di conseguenza lo spazio per i passeggeri posteriori che adesso hanno a disposizione più centimetri per le gambe e aumenta pure il volume di carico del bagagliaio che con il tetto chiuso arriva a 215 litri.

L’abitacolo è da sempre dominato dal grande quadro strumenti circolare, alloggiato al centro della plancia che ingloba svariate funzioni fra cui l’ormai indispensabile navigatore.

Per quanto riguarda le motorizzazioni disponibili si hanno a disposizione più scelte: per i benzina saranno disponibili il 1.5 con 136 cv; il 2.0 192cv riservato alla versione S; il 2.0 con 231cv riservato alla versione John Cooper Works; per i diesel invece sono disponibili un 1.5 con 116 cv e il 2.0 con 170 cv della versione SD.

 

Aprilia RS 125

Quando si parla di moto da 125cc torna sempre in mente l’Aprilia RS 125 2 Tempi: ora che le restrizioni anti inquinamento ci impongono tipologie di motori differenti (4 tempi) anche per le cilindrate più piccole, anche Aprilia si è dovuta adattare.

Da qualche anno il modello 125 4 Tempi è in listino, ma la versione 2017 è letteralmente una bomba: la nuova ciclistica è davvero pronta a tutto ed è ben gestibile.

Anche dai meno esperti.

Il motore è brillante, anche se va lasciato su di giri perché fatica a riprendere dal basso: questo è dovuto più alla cilindrata (125cc) che al motore.

Piccolo optional con una spesa giustificabile è il cambio QuickShift: 100 euro vi permetteranno di cambiare marcia senza utilizzare la frizione (dalla seconda in poi).

Il prezzo è importante: 5099 Euro la versione base.

 

(Foto Aprilia Kit)

 

 

Francesco Ligato e Francesco Zanti

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy