Cookie Policy

A Rise in The Road – Yellowjackets (2013)

by • 26 Luglio 2013 • Kind of JazzComments (0)1863

 

 

 

Alberto Spagni new

 

Kind of Jazz è un nuova rubrica di ConcretaMusic, nata con l’intenzione di dare spazio alla musica Jazz, troppo spesso considerata musica di nicchia o “vecchia”. Andremo ad esplorare la moderna scena musicale del Jazz, con particolare attenzione alle uscite più recenti, ma sempre con un occhio di riguardo ai grandi classici, come suggerisce il titolo della rubrica (ispirato a Kind of Blue, forse il più famoso album Jazz della storia). Tutto questo non ci impedirà ovviamente di spaziare verso altri generi musicali parenti stretti del Jazz, dalla classica al blues, fino alla fusion. Vi aspettiamo numerosi, mese per mese, per scoprire insieme le grandi sonorità di questa musica meravigliosa, nata nel passato ma più attuale che mai.

 

 

 

 

 

 

 

 

YellowjacketsQuando una band, pur di grande successo, rimane in attività per un lungo periodo, è molto probabile che diversi stravolgimenti avvengano al suo interno, ed in particolare nella formazione del suo organico. E’ il caso degli Yellowjackets, storico quartetto jazz-fusion americano, nato ad inizio anni ’80. Nel corso degli anni la band ha cambiato vari componenti, mantenendo però sempre due colonne fisse: il tastierista Russel Ferrante e il bassista Jimmy Haislip; fino al 2011 la band era completata da Will Kennedy alla batteria e da Bob Mintzer al sax, senonché proprio quell’anno Haislip abbandono la formazione. Il vuoto trentennale lasciato dal bassista è stato colmato da Felix Pastorius; il nome è di quelli pesanti, e l’eredità lo è anche di più: si tratta del figlio di Jaco Pastorius, leggendario bassista dei Weather Report, tanto geniale quanto maledetto, poiché la propria psiche non gli consentì di andare oltre i 36 anni. In questo album in tre tracce si aggiunge anche il trombettista Ambrose Akinmusire.

A tutti questi cambi di formazione sono sempre conseguiti anche dei cambi stilistici della band, che è passata dall’ R&B degli inizi ad un periodo più fusion, fino a raggiungere atmosfere più spiccatamente jazz di recente.Yellowjackets

Il titolo dell’album “A Rise in The Road” simboleggia quindi il cammino tortuoso ma sempre produttivo di crescita e di sviluppo di questa formazione, che ha tracciato un solco profondo nella musica jazz degli ultimi decenni.

La traccia di apertura “When the lady dances” apre con un introduzione molto “funky” del piano, su un accompagnamento semplice e lineare della ritmica. Il tema viene esposto all’unisono dal sax e dal piano, in un’atmosfera molto “smooth” e rilassata, senza particolari tensioni, né di carattere armonico né ritmico; inizia poi la sezione degli assoli, prima del sax e poi del piano, per chiudere di nuovo con il tema iniziale.

An informed decision” inizia sempre col pianoforte, con un groove dal ritmo irregolare ma nonostante tutto circolare, di Jarrettiana memoria.  Il tema del sax inizia immediatamente seguendo questo ritmo, e modulando subito. In seguito iniziano una serie di break, dove il pianoforte dialoga con la ritmica, prima di tornare al tema Yellowjackets -Recording-Sessionprincipale, e poi ai soli, decisamente più tradizionali, costruiti su un solido accompagnamento swing. Prima il sax e poi il piano si snodano brillantemente, non facendo mai mancare qualche inciso blues, forse memori dei trascorsi della band in questo senso. Un brusco troncamento fa ricominciare l’accompagnamento iniziale, con l’esposizione del tema ad opera del sax e della tromba e con il finale in fade out.

Madrugada” ha un inizio quasi lounge, con toni sommessi ma molto d’atmosfera; il bel tema di sax viene sapientemente accompagnato dal piano, prima degli assoli e di una serie di scambi tra i due strumenti principali.

(You’ll Know) When It’s Time è una ballad molto gradevole, dove si scambiano come solisti il sax e il basso (sempre adatto a questi tipi di pezzi) sull’accompagnamento molto soft del pianoforte e della batteria.

Un bell’album, frutto di una band che ormai è una garanzia assoluta, dopo tanti anni di onoratissima carriera, riuscendo ad esplorare diverse sfaccettature e varie espressioni, sia dal ounto di vista timbrico che ritmico. Potrà non essere l’album che rivoluzionerà la vostra vita musicale, ma di sicuro può valere la pena di ascoltarlo, anche più volte.

.

Tracklistyellowjackets_cover

01. When The Lady Dances
02. Civil War
03. Can’t We Elope
04. An Informed Decision
05. Longing
06. Thank You
07. Madrugada
08. An Amber Shade of Blue
09. (You’ll Know) When It’s Time
10. I Knew His Father

.

.

Alberto Spagni

@187zen

.

.

©2013 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

 

 

 

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy