Cookie Policy

AIR – MOON SAFARI (1998 Source\Virgin)

by • 5 Ottobre 2012 • ConcretaMusic, Il disco dei ricordiComments (0)2362

 

 

 

Una nuova rubrica che guarda al passato, per capire da dove veniamo, attraverso alcuni dischi fondamentali, o dischi che in un qualche modo ispirano le nostre emozioni… Andare alla scoperta di personaggi e dischi, per fare riemergere ricordi ormai andati, epoche a cui siamo legati, anni della nostra giovinezza, periodi particolari di cui abbiamo sentito parlare. Per i piu’ giovani sarà un motivo in piu’ per vedere dove si è formata la moderna scena musicale. Non sarà un documentario o una storia cronologica, ma un viaggio attraverso la musica, in tempi neanche troppo lontani, che mese per mese affronteremo insieme: benvenuti a bordo!

 

 

 

Disco di pregio, elegante, raffinato, su cui soffia fresco e leggero il vento della formazione di Versailles.

 

AIR “a French Band”: duo francese composto da  Jean-Benoit Dunkel e Nicolas Godin, con “Moon Safari” danno una svolta al suono degli anno 90.
Via le camicie a quadri del grunge, via i suoni claustrofobici di questa decade, si riparte da un nuovo progetto ambizioso di elettronica vintage, richiami a certe sonorità analogiche degli anni 70, ma sicuramente innovativi, come dire: ritrovare il futuro nel passato.

“Easy listening” ma di assoluta qualità, un viaggio nelle atmosfere oniriche attraverso la navetta spaziale degli AIR, il mondo visto da un’altra dimensione.

Melodie rarefatte che ritroviamo già nel brano iniziale “La Femme d’Argent”, completamente strumentale e con i due artisti parigini al lavoro tra manipolazioni di tastiere, basso e percussioni.
Melodie ipnotiche che ci riportano alla mente certi film di fantascienza (non a caso scriveranno anche colonne sonore).
Melodie avvolgenti che ci fanno accomodare nel comodo salotto della formazione francese.

Maestosa e dal cantato sensuale è invece “Sexy Boy” , robotica, coinvolgente, uno dei singoli estratti dall’album. Accompagnato dal celebre videoclip che vede un  gorilla-pelouche vestito di magliette con la scritta “I love Moon” e “Sexy Boy”,  in cui compare anche il camper-astronave riproposto anche nel retro copertina del disco.

La voce di “All I Need” è di Beth Hirsch, magia sonora tra elettronica e chillout, il riverbero finale è interrotto dall’acustica di una chitarra e mentre si spengono i sospiri della cantante si apre la finestra sul tappeto di stelle di “Kelly watch the stars”:
voce effettata, ping pong ipnotico,un videogame virtuale realizzato nel perfetto videoclip. Ritornello ossessivo per il brano piu’ballabile di Moon Safari.

La stupefacente “Talisman”dagli arrangiamenti orchestrali sopra a suoni di sintetizzatore, fu realizzata e composta in una sola notte , “Remember” tra voci in vocoder, miscela varie influenze funk e disco music, mentre “You make it easy” riporta di nuovo la Hirsch con la sua voce cristallina in primo piano, a descrivere con una semplice ma efficace ballata, i paesaggi quasi psichedelici degli AIR.

“Ce Matin la” si presenta come un pomposo intermezzo, mentre  l’ispirazione per “New Star in the Sky”  è la leggenda  che vuole l’apparizione di una nuova stella nel cielo, alla nascita di un bambino…  (“my baby blue is a new star”) anche qui atmosfere quasi pinkfloydiane e richiami a sonorità spaziali.

Tra il jazz sperimentale e le dilatazioni elettroniche di “Le Voyage de Penelope”  si  pone il sigillo di chiusura di “Moon Safari”: la registrazione di questo lavoro fu molto lunga e calma, tanto che gli Air pensarono a Penelope che aspettava il ritorno di Ulisse.

Nel 2008 la EMI ripropone una deluxe edition : nella ricorrenza del decennale di “Moon Safari” viene quindi ristampato l’album originale, un secondo disco che include rarità, remix e radio session, il fondamentale dvd per rivivere le emozioni dei videoclip, piu’documentari e altro materiale per entrare nel sognante mondo degli AIR.

 

“Moon Safari is the musical feeling of mysterious destiny that you get when you look up at the milky way in the sky.”

 

Vittorio Ferrari

 

©2012 Concretamente Sassuolo

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy