Cookie Policy

Ancora auguri per la tua morte – di Christopher Landon (2019)

by • 13 Marzo 2019 • ConcretaMovie, evidenza, newsComments (0)73

Ryan si sveglia in auto, dove sappiamo che va a dormire quando al compagno di stanza Carter serve privacy in camera. Infatti Ryan lo ritrova insieme a Tree nel giorno dopo il compleanno di lei, ossia quello successivo al loop temporale in cui era rimasta misteriosamente incastrata nel precedente capitolo. Questa volta però è Ryan a ritrovarsi aggredito da un assassino mascherato e a risvegliarsi di nuovo al mattino dello stesso giorno, dopo essere stato ucciso. Tree, grazie alla propria esperienza, capisce cosa sta succedendo e prende in mano la situazione, scoprendo che i loop temporali sono causati da una macchina costruita da Ryan e altri due scienziati in erba nel laboratorio della high school. Quando questa viene attivata Tree si ritrova nuovamente nel giorno del proprio compleanno, ma le cose sono diverse da come le ricorda.

Auguri per la tua morte è uno di quegli slasher horror moderni che riescono piacevolmente a sorprendere pur sfruttando idee già viste come il riavvolgimento temporale. Per la prima volta ci troviamo di fronte ad un seguito del genere davvero ben fatto. Ancora auguri per la tua morte si ricollega perfettamente al suo predecessore come se i due capitoli fossero un’unica pellicola, vista l’accuratezza dei dettagli.

Il regista Christopher Landon è consapevole del rischio che corre, ma lo fa  con le giuste intenzioni e raggiunge lo scopo sperato. La protagonista Tree è interpretata da Jessica Rothe, sempre più lanciata nell’establishment hollywoodiano, che regala un’ottima interpretazione, grazie anche all’innegabile chimica tra lei e il collega Israel Broussard.

In questo secondo capitolo si dà più spazio alla vena comica senza però mai far diminuire la tensione, ne tantomeno perdere di vista lo sviluppo del personaggio di Tree. La crescita del personaggio nel primo film e il suo continuo sviluppo in questo secondo capitolo sono un caso più unico che raro per un film horror. Nel primo film Tree imparava ad essere una persona più attenta agli altri, mentre ora deve elaborare la perdita della madre e capire che anche il dolore fa parte della vita.

Ancora auguri per la tua morte è un bel film che verrà senz’altro molto apprezzato dai fan del primo film e che purtroppo sarà meno apprezzato da chi non l’ha visto.

.

.

Daniele Bertani

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy