Privacy Policy

ATP Parigi-Bercy 2018: Primo titolo per Khachanov e Nole riottiene il trono della classifica

by • 5 novembre 2018 • CentreCourt, evidenza, newsComments (0)110

ATP Parigi-Bercy 2018

A Parigi Bercy va in scena l’ultimo ATP 1000 dell’anno. È l’ultimo tentativo per partecipare alle Finals di Londra. Torna in campo Nadal che avrà l’arduo compito di difendere la posizione numero 1. Djokovic è il giocatore più in forma del momento e Federer vuole vincere il 100esimo torneo della carriera.

In finale arrivano Djokovic e la sorpresa Khachanov. Il serbo controlla inizialmente il match e ottiene il break al quarto gioco, ma il russo risponde subito e riporta il match in parità. Khachanov non si scompone davanti all’avversario che ha di fronte e ottiene il break nell’11esimo gioco, che si rivela decisivo per ottenere il primo set. Il russo sfrutta il momento positivo e strappa subito il break ad inizio del secondo parziale. Con un servizio molto solido Khachanov mantiene il servizio e con lo stupore del palazzetto vince il torneo in soli 2 set (7-5 6-4). Primo successo per il russo e ritorno alla posizione numero 1 del ranking per il serbo.

Passiamo al pagellone

10 Karen Khachanov
Il russo è la sorpresa più bella del torneo e uno dei nextgen su cui ci sono tante aspettative. Khachanov compie l’impresa di sconfiggere il nuovo numero 1 del ranking e uno dei giocatori più dominanti degli ultimi anni, ottenendo così il primo titolo prestigioso della carriera. Ma la vittoria su Djokovic non è la sola, durante il torneo il russo ha sconfitto altri 3 top10. Il primo a farne le spese è l’americano John Isner che si deve arrendere al tiebreak del terzo set. Poi Khachanov si sbarazza di Zverev lasciandoli soli 3 miseri game. Infine, in semifinale si sbarazza dell’austriaco Thiem, anche qui in due veloci set. In finale il russo sfrutta le fatiche di Djokovic dimostrando una forza mentale molto solida. Con questo successo Karen sale all’11esima posizione ed è la seconda riserva per le Finals di fine anno.

9 Novak Djokovic
Nole arriva in finale e ottiene la prima posizione del ranking. In semifinale è protagonista con Federer di un grande match che si conclude soltanto al tiebreak dell’ultimo parziale. Dopo aver vinto il primo set, il serbo si fa rimontare cedendo il servizio al 12esimo gioco. Nell’ultimo set Djokovic ritrova il servizio ma non riesce ad influire con la risposta. Nel tiebreak Nole si aggiudica il match dimostrandosi quello più fresco fisicamente. In finale paga le fatiche della partita e della grande solidità del russo. Non avrà vinto ma Djokovic ha riottenuto la prima posizione del ranking e si presenta come testa di serie alle Finals di Londra.

7,5 Dominc Thiem
Dopo la grande impresa di New York in cui l’austriaco fu protagonista di una partita spettacolare con Nadal persa solo al quinto, Thiem sta sfatando il mito di essere un buon giocatore solo sulla terra rossa. L’austriaco se la vede con i due nextgen più promettenti. Prima si libera di Coric al terzo turno ma poi in semifinale si fa sorprendere dal vincitore del torneo, Khachanov. Nel mezzo si sbarazza dell’americano Jack Sock. Se continua a lavorare così potrà ottenere anche buoni risultati sul cemento e alle Finals si presenta come mina vagante.

6,5 Roger Federer
Lo svizzero si presenta al torneo dopo aver ottenuto il 99esimo titolo della carriera nella sua terra di Basilea. Il torneo procede bene fino all’approdo in semifinale con Federer che sfrutta il ritiro di Raonic e poi in sequenza sconfigge il nostro Fognini e Nishikori. In semifinale ritrova Djokovic, giocatore più in forma del momento. Lo svizzero dopo avere perso un combattutissimo primo set riesce a recuperare, ma poi si arrende al tiebreak del terzo. Manca così il primo Master 1000 del 2018 e il 100esimo titolo della sua immensa carriera.

5 Alexander Zverev
Il tedesco arriva ai quarti di finale, ma come successo in altri torneo Zverev si spegne nei momenti decisivi. L’attuale numero 5 gestisce alla grande i match in cui si presenta da favorito, ma appena si presenta una difficoltà Zverev non trova modi per rispondere alla situazione. In questo caso è arrivata una sconfitta con il vincitore Khachanov che si è aggiudicato il match del futuro. Tutte e 2 sono giovani che hanno mostrato che possono mettere in crisi il trono dei big3.

3 Rafael Nadal
Naturalmente il voto non è per le prestazioni del maiorchino, ma l’insufficienza è relativa ai suoi continui infortuni che negli ultimi mesi non gli hanno permesso di difendere la posizione numero 1 sul campo. Dopo il ginocchio si sono messi gli addominali, e per precauzione Nadal ha deciso di rinunciare al match con Verdasco. Con questo problema Rafa ha deciso di non partecipare all’unico torneo che manca al suo repertorio, le Finals, e conclude in anticipo la stagione 2018. Al suo posto subentra l’americano Isner.

2 Grigor Dimitrov
Se l’anno scorso si sperava che il successo delle ATP Finals potesse essere il trampolino di lancio per Dimitrov, quest’anno il bulgaro non partecipa neanche al torneo finale dell’anno. Grigor scende alla 19esima posizione del ranking dopo aver perso al terzo turno con Cilic.

Prossimo appuntamento sarà a Londra in cui i migliori giocatori si sfideranno per conquistare l’ultimo torneo dell’anno. I partecipanti saranno divisi in 2 gruppo. Nel gruppo Gustavo Kuerten ci saranno: Novak Djokovic, Alexander Zverev,  Marin Cilic e John Isner. Nel gruppo Leyton Hewitt: Roger Federer, Kevin Anderson, Dominic Thiem e Kei Nishikori. Le riserve pronte a subentrare sono: Karen Khachanov Borna Coric. Brutte notizie per Del Potro che ha deciso di non partecipare dopo l’infortunio alla rotula

 

Nanni Bellei
Immagini: Facebook, pagina ufficiale

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy