Privacy Policy

Virtus bad, Avellino Wells: al Pala Del Mauro non c’è partita per Bologna

by • 7 gennaio 2018 • Virtus BolognaComments (0)536

Serie A PosteMobile, 14^ giornata 

Sidigas Avellino – Virtus Segafredo Bologna 87-59

(22-10, 44-25, 57-41)

 

I tabellini

Avellino: Zerini, Wells 17, Fitipaldo 18, Sabatino, Leunen (K), Scrubb 8, Filloy 6, D’Ercole 5, Rich 13, Fesenko 14, Ndiaye 6, Parlato. All. Sacripanti, 1° Ass. Oldoini, 2° Ass. De Gennaro

Bologna: Gentile A. 18, Umeh 9, Pajola ne, Baldi Rossi, Ndoja (K) 4, Lafayette 7, Aradori 4, Gentile S., Lawson 11, Slaughter 6. All. Ramagli, 1° Ass. Cavicchi, 2° Ass. Fedrigo

Arbitri: Seghetti D. E. (LI) – Attard B. M. (SR) – Perciavalle A. (TO)

Osservatore: Colucci G. (CE)

Segnapunti: D’Andrea D. (CE)

Cronometrista: Ciaravolo G. (NA)

24 secondi: Maestrini M. (NA)

Spettatori: 5000 ca. 

 

07.01.2018, Pala Del Mauro, Avellino (AV) – Tonfo bianconero, decollo biancoverde: non c’ storia al Pala Del Mauro, con la Sidigas che si prende la (momentanea) testa della classifica, a spese di una Virtus fiacca e molle, scesa in irpinia ebbra della vittoria casalinga con Pistoia, e così travolta da una Scandone cinica, a tratti straripante, guidata nei primi 20′ da uno strabordante Fesenko. A chiudere la pratica ci pensano (nell’ordine) Rich, Wells e Fitipaldo, cavalieri senza paura di un esercito addestrato perfettamente dall’ottimo Sacripanti, che scava il solco con Bologna già nei primi 10 minuti, senza più perdere il manubrio fino all’ultima sirena.

Torna il referto giallo in tasca a Ramagli, un giallo amaro non tanto per la sconfitta in sè, quanto per la mancata sufficienza di chiunque dei 9 giocatori scesi in campo: Gentile tira male (6/18), Aradori resta nascosto, e pure in area le cose non migliorano, con Slaughter e Lawson costretti al fallo sistematico su Fesenko e Ndiaye, veri padroni dell’area biancoverde.

Sabato 13 (ore 20:45) al PalaDozza arriva la Grissinbon di coach Menetti, ultimo banco di prova per le Final Eight di Coppa Italia.

 

La cronaca

Ottima difesa Lafayette e palla persa Filloy, con Slaughter a guadagnarsi il fallo in attacco dello stesso Filloy; D’Ercole si incolla a Lafayette, che sbaglia il jumper, con Avellino che non riesce a concretizzare l’azione offensiva con Fesenko Alessandro Gentile fa 0-2 a 8’45”, ma Fesenko pareggia in schiacciata, ben servito da Filloy. Slaughter perde palla, D’Ercole segna ma Gentile risponde: 5-4 a 7’40”; Slaughter non riesce a limitare Fesenko, cercato con insistenza dai biancoverdi. Fesenko va in lunetta, Slaughter schiaccia il 9-6, ma Avellino è più attenta a rimbalzo con un attivissimo Fesenko, ma è Filloy a segnare la tripla, a cui subito risponde Aradori: 12-8 e 6’ alla fine del periodo. Avellino viaggia sull’asse Filloy-Fesenko, ma è brava la Virtus a non mollare con il 3 su 3 di Gentile, che porta Bologna sul 12-10 a metà quarto; Rich attacca con successo Gentile, segnando il canestro del +5 avellinese, ma Slaughter mantiene il possesso subendo fallo da Leunen. Sacripanti lavora con la panchina (Fitipaldo per Filloy), con Aradori e Leunen a sbagliare, ma sull’errore di Lafayette è D’Ercole ad appoggiare indisturbato il 17-10, con Gentile a dover ricorrere al fallo su Fesenko, per evitare un’altra schiacciata. Due errori per Fesenko, con Ramagli ad inserire Stefano Gentile, ma la Virtus viene annullata da un’ottima difesa Sidigas, su cui Ramagli chiama timeout per sistemare i meccanismi virtussini. Sbagliano Ale Gentile e Fitipaldo, mentre segna Rich su una dormita difensiva dei bianconeri; entra Wells, e la partita rimane in pugno alla Sidigas, con i bianconeri che subiscono il canestro del -12 da Fitipaldo, mentre Slaughter viene stoppato da Ndiaye. Altro errore di Gentile, con Rich che vede annullarsi un canestro per infrazione di passi, ma Avellino rimane in controllo con un rassicurante +12 al primo intervallo.

Dentro Umeh e Lawson per Ramagli, ma la musica non cambia, con i bolognesi in affanno e i biancoverdi in controllo, che mandano Aradori in lunetta: 2 su 2 e si sblocca la Virtus, che tuttavia non riesce a contenere la fisicità degli interni avellinesi, con Wells a schiacciare il +16 per la Sidigas. Lawson sposta Ndiaye, Wells non sbaglia il +18, con Umeh a muovere la retina per il -15. Ancora Wells fa 32-15, sbaglia Gentile con Ndiaye a fare la voce grossa in area; la seconda tripla di Umeh fa -14, ma Lawson deve spendere fallo sul solito Ndiaye, che segna dalla lunetta il 34-18 avellinese. Torna Fesenko per Sacripanti, ma Rich è incontenibile e la Virtus non può far altro che spendere falli per fermare l’attacco biancoverde: 2 su 2 di Rich e Avellino sul 36-18 a metà quarto, con la Virtus che muove palla con difficoltà, cercando spazio nell’ottima difesa biancoverde. Primo canestro di Lafayette a 3’30 dall’intervallo, con Fesenko ad abusare di Slaughter in post basso; Avellino difende da grande squadra, Lafayette perde il controllo e riconsegna palla ai padroni di casa, ma Avellino prende il largo, con Bologna totalmente in confusione sul 42-23, e la successiva schiacciata del +21 del solito  Fesenko, e il secondo quarto che si chiude sul 44-25 avellinese.

Tiro in corsa di Lafayette, per il 44-27 di inizio terzo quarto, con Ndoja a firmare il parzialino di 0-5 a favore di Bologna, subito interrotto da Rich in isolamento; Gentile ci prova da tre, senza prendere nemmeno il ferro per la Virtus, e sul ribaltamento di fronte è Fesenko a far tremare di nuovo il Pala Del Mauro con la schiacciata del +18. Palla persa dei padroni di casa, errore di Ndoja in sospensione, ma il capitano bianconero si fa perdonare causando il fallo in attacco di Leunen, seguito dal secondo personale di Filloy su Aradori. Altro errore di Gentile, mentre non sbaglia Filloy con il canestro del 51-32 a 4’30”; Slaughter segna ma spende un altro fallo su Fesenko, con Bologna che si conquista un possesso subito perso dal terzo fallo di Slaughter, che riconsegna palla alla Sidigas. La Virtus prova ad alzare la pressione difensiva, ma Rich è bravo a tirare fuori 4 punti consecutivi (segnando il sesto canestro su 7 tentativi) che costringono Ramagli al timeout, con i bianconeri inchiodati a quota 34 nel match. Ndoja fa 1 su 2 dalla lunetta, Fitipaldo segna allo scadere dei 24 il 57-35, e Lafayette fa -20 (sempre in lunetta), seguito da Lawson per il 57-41 con due buone giocate in area, punteggio su cui si chiude il terzo periodo al Pala Del Mauro.

Errore di Baldi Rossi dalla lunga distanza, seguito da Scrubb e Aradori per un brutto primo minuto di periodo, fino alla schiacciata di Ndiaye, a cui risponde Lawson per il 59-43 avellinese; fallo antisportivo di Stefano Gentile su Fitipaldo, che produce 4 punti sigillati dalla schiacciata di Wells, a cui risponde Umeh per il 63-46. Si muove bene Avellino, che con 4 punti di fila di Scrubb vola sul 65-46, ponendo il punto esclamativo alla vittoria che lancia la squadra di coach Sacripanti in testa alla classifica.

 

 

Foto: Virtus Segafredo Bologna

 

Lorenzo Gualandi

 

Iscriviti a  TimeOut Basketball e seguici su Facebook

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy