Privacy Policy

Ferrara lotta fino alla fine a Treviso ma il colpaccio è solo sfiorato

by • 7 ottobre 2018 • Kleb Basket Ferrara, TimeOutComments (0)216

Campionato di Pallacanestro Serie A2

De’ Longhi Treviso-Bondi Ferrara 76-69

(29-18; 15-18; 15-18; 17-15)

 

Tabellini

Treviso: Tessitori 12, Burnett 24, Sarto ne, Alviti 8, Wayns, Antonutti 7, Barbante ne, Imbrò 12, Epifani ne, Chillo 9, Uglietti ne, Lombardi 4. All. Menetti

Ferrara: De Zardo 10, Conti ne, Swann 12, Hall 12, Fantoni 12, Molinaro 10, Zampini 7, Mazzoleni ne, Barbon ne, Mazzotti ne, Panni 6, Calò ne. All. Bonacina.

 

1° giornata di campionato. Al via la stagione 2018/2019 di Serie A2 per il Kleb Basket Ferrara che scende in campo a Treviso. Esordio non facile per la squadra estense, rinnovata e piena di giovani, che se la deve vedere subito con una delle favorite per la promozione.

Per la Bondi l’obbiettivo di quest’anno è la crescita e una salvezza da raggiungere il più in fretta possibile, è quindi d’obbligo provare il colpaccio.

Buono l’inizio del Kleb che scende in campo con la faccia giusta e riesce a mettere la testa avanti nei minuti iniziali, guidata dai suoi veterani. La risposta trevigiana però non si fa attendere e passata la prima metà del quarto riagguanta subito gli avversari. Per i padroni di casa sono Burnett e Antonutti i punti di riferimento in attacco nel primo quarto.

Anche se il vantaggio è perso i ragazzi di coach Bonacina provano a stare attaccati alla De’ Longhi che comincia  le prove tecniche di fuga. Al termine della prima frazione il divario che separa le due squadre è di undici lunghezze. Burnett miglior realizzatore con 12 punti, mentre la Bondi è riuscita a trovare canestri solo da Hall, Swann e Fantoni, troppo poco se si vuole provare a sbancare il PalaVerde.

All’inizio del secondo quarto si fa vedere Zampini con due canestri in fila, ma non bastano a contenere Treviso che aumenta il distacco.

Ferrara riesce comunque a tenere e a non far scappare definitivamente la De’ Longhi provando il riavvicinamento a fine quarto. A due minuti dall’intervallo lungo De Zardo e Molinaro si iscrivono alla partita combinando per 8 punti che permettono al Kleb di tornare sotto la doppia cifra di ritardo. Imbrò non ci sta e sulla sirena ributta indietro gli avversari. Nonostante ciò Ferrara vince il secondo quarto 18 a 15 e riesce a rimanere ampiamente in partita, grazie agli aggiustamenti difensivi messi a punto da coach Bonacina.

Alla ripresa buono l’impatto di Tessitori sia in attacco che in difesa e Treviso prova nuovamente a scappare via. La Bondi ha un’ottima reazione di squadra e non si fa sopraffare ma al contrario costruisce un parziale arrivando fino al meno quattro e costringendo coach Menetti a fermare la partita.

Bene l’uscita dal timeout dei trevigiani che trovano subito 3 punti con Burnett, che con questa tripla raggiunge i 19 punti nel suo bottino personale. Molinaro risponde subito all’americano della De’ Longhi per il nuovo meno quattro. Il Kleb però si avvicina ma non riesce mai a prendere Treviso che rimette 8 lunghezze tra le due squadre.

A fine terzo quarto arriva la zampata di Swann, ex di giornata, che finalmente trova un canestro da  tre punti, dopo il brutto 2 su 11 fino a quel momento. Con questa tripla Ferrara vince anche il terzo quarto 18 a 15.

Ultima frazione tutta da giocare, i trevigiani provano a imporsi fin da subito per chiudere in fretta la gara ma Fantoni non ha intenzione di arrendersi e punisce gli avversari da dentro l’area, poi è Panni, che con il primo canestro della sua partita, porta la Bondi a meno due.

Reazione di orgoglio di Treviso che guidata dal solito Burnett costruisce un parziale di 8 a zero. Molinaro dalla lunetta ferma l’emorragia e con poco più di due minuti da giocare la Bondi ha un’ultima possibilità per provare a vincere la partita.

Con il cronometro che impietosamente si avvicina sempre di più verso lo zero la Bondi non riesce a trovare un parziale decisivo e la De’ Longhi ha solo da gestire il vantaggio fino alla sirena finale.

Ferrara perde di sette, 69 a 76, pagando i 29 punti subiti nel primo quarto, ma uscendo comunque a testa alta.

Complessivamente una buona prova per la squadra estense che però tornerà a Ferrara con il rammarico del brutto primo quarto che ha segnato il resto della partita, giocata alla pari per larghi tratti delle altre tre frazioni con una squadra che sulla carta si preannuncia una corazzata del campionato.

Per la truppa di Bonacina non resta che tornare in palestra e preparare il derby della settimana prossima contro Cento.

 

 

Matteo Bellinazzi

 

 

Immagine in evidenza: credit Kleb Basket Ferrara

 

 

 

 

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy