Privacy Policy

Carpi, Calabro: “Contro la Pro Vercelli la partita più difficile della stagione”

by • 18 marzo 2018 • Carpi1909, ConcretaCalcioComments (0)430

Alla vigilia del posticipo casalingo contro la Pro Vercelli (domani sera, ore 20.30), reduce da sette risultati utili consecutivi (cinque pareggi nelle ultime cinque gare), e in piena lotta per non retrocedere, l’allenatore del Carpi, Antonio Calabro, è intervenuto in conferenza stampa per presentare la gara che attende i biancorossi, tornati al successo nel recupero infrasettimanale sul campo del Pescara. Queste le sue parole:

“Non so se quella di Pescara sia stata la partita della svolta, ma sicuramente fino ad ora i ragazzi hanno mantenuto le aspettative e stanno facendo un grande campionato. Il merito è di tutti, ma per continuare così dobbiamo continuare a mettere in campo le prerogative del Carpi.

Pro Vercelli? Adesso ha cambiato modulo, ma ama sempre fare la partita, fa tanto possesso palla e porta tanti giocatori sopra la linea della palla. Per noi le partite non finiscono mai prima del 90esimo, a maggior ragione in questo caso, perché la Pro Vercelli ha una sua identità ben chiara e prova sempre a fare risultato, anche se è sotto di più gol. Dobbiamo mettere in atto la strategia giusta, che abbiamo preparato in allenamento.

Malcore? Tutti saranno utili in questa partita, tutti saranno essenziali a seconda della situazione. Valuterò chi schierare dopo l’allenamento di domani mattina. Per adesso abbiamo ottenuto risultati importanti con determinate prerogative che chiedo a tutti; ho la fortuna di avere intorno uno staff che mi aiuta a studiare le partite e a preparare le strategie. I punti fatti derivano dall’atteggiamento di alto livello di tutti, compreso Malcore quando ha giocato.

Giorico? Daniele ha bisogno di prendere fiducia, gli serve trovare la giusta intensità in allenamento. Quella di domani è la partita più difficile della stagione per il momento storico del campionato, quindi chi scenderà in campo domani dovrà avere la condizione fisica e mentale massima.

Salvezza? Questa squadra deve giocare per salvarsi se vuole fare risultato, per cui vogliamo mantenere lo spirito del Carpi per fare bene. Il raggiungimento della salvezza non dipende dagli avversari che affronteremo ma dall’atteggiamento che riusciremo a mettere in campo.

Melchiorri? Ha lavorato in modo differenziato in settimana, ma era presente quando abbiamo preparato la partita. Sono fiducioso per l’uomo che è; ha sempre offerto disponibilità e sacrificio per il bene della squadra.

Tante formazioni diverse? Non mi pento di nessuna formazione che ho deciso di schierare; ogni volta si pensa che quella scelta sia la formazione giusta. Forse solo a Perugia se tornassi indietro cambierei strategia. Al di là del modulo, comunque, la squadra deve sapere cosa fare per sfruttare al meglio le caratteristiche dei giocatori n campo.

Nzola? Domani sarà convocato. La rigenerazione di una rosa rispetto ai giocatori degli anni scorsi porta a fare delle scommesse, come Nzola, Malcore e Saric che hanno avuto la fortuna di incontrare una società come quella che c’è a Carpi, dove tutto viene notato e curato nel dettaglio. Nzola è un giocatore atipico, non abituato ad allenarsi con intensità; lo stiamo aiutando per completare la sua crescita che passa anche da questi passaggi.”

 

 

Simone Guandalini

Foto: www.carpifc.com

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy