Cookie Policy
Bollini

Crema-Modena, Bollini: “Partita insidiosa. Dobbiamo pensare gara per gara”

by • 16 Febbraio 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafcComments (0)111

Reduce da tre vittorie e due pareggi nelle cinque gare della gestione Bollini, il Modena sarà impegnato domani pomeriggio (ore 14.30) sul campo del Crema, settimo in classifica e distante tre punti dalla zona playoff, che viene da due pareggi consecutivi contro Calvina e Pavia. I gialli dovranno proseguire l’inseguimento sulla Pergolettese, impegnata in questo turno in casa dell’Axys Zola, battuto dai canarini domenica scorsa al Braglia, grazie alle reti di Ferrario e Sansovini.

Queste le parole con cui il tecnico del Modena, Alberto Bollini, ha presentato in conferenza stampa il match contro il Crema:

“In questo momento dobbiamo pensare solo alla trasferta di Crema. Capisco che per riempire i giornali venga semplice guardare la graduatoria e fare confronti con la Pergolettese, però io ribadisco con forza che il Modena deve affrontare ciò che rimane del campionato gara per gara. Il Crema è un avversario in salute, che ha una forza offensiva importante e di categoria superiore. Quella di domani sarà una partita insidiosa. Dobbiamo avere la mente libera e fare anche in gara ciò che stiamo facendo molto bene in allenamento.

Formazione? Come sempre, gli allenamenti degli ultimi due giorni definiranno la formazione, che deciderò solamente dopo l’ultimo allenamento. Ci tengo a ribadire che faccio molto affidamento anche sui cinque cambi. Anche chi entrerà a gara in corso sarà un grosso valore aggiunto per la squadra. A questo proposito, mi è particolarmente piaciuto lo spirito di chi è entrato nella ripresa contro l’Axys Zola e ci ha aiutato in un momento di difficoltà, data l’inferiorità numerica.

Indisponibili? Piras da venti giorni accusa alcuni acciacchi, ma adesso sta lavorando normalmente col gruppo ed è a disposizione, così come Montella. Rabiu, invece, è da valutare fino all’ultimo. Spaviero si allena con la squadra da 10 giorni, perchè quando è arrivato dalla Cremonese aveva qualche problema fisico. Adesso è in crescita, ma si deve integrare anche a livello agonistico nella squadra. Ritengo, comunque, che un giovane debba saper gestire i 90 minuti.”

 

 

Simone Guandalini

Foto: modenacalcio.com

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy