Privacy Policy
Francia foto promozione serie c

È Francia time: Zola piega Parma in gara 3 e vola in C Silver

by • 9 giugno 2018 • Serie D, TimeOutComments (0)1396

Serie D Finale Playoff Gara 3

F. Francia Pall. – Magik Basket Parma 73-63 (2-1)

(16-11, 36-27, 56-46)

 

Francesco Francia Zola Predosa: Galli, Perrotta 4, Gamberini 21, Mazzoli, Maselli ne, Barilli Fe. 9, Masina 8, Barilli Fi. 10, Zanotti ne, Bosi 11, Bavieri 4, Romagnoli 6. All. Benini

Magik Basket Parma: Donadei 4, Malinverni N., Bocchia 7, Malinverni L.5, Paulig 25, Ceci, Caravita 2, Montagna ne, Diemmi 8, Allodi ne, Fabiano 12, Berlinguer ne. All. Padovani.

Arbitri Cascioli e Venezia

 

galli franciaSi torna a Zola per la bella, anzi, a Monte San Pietro, ancora al PalaOwens. Pubblico ospite che occupa tutta una tribuna e parte dell’anello superiore ed è rumoroso, allegro, festoso. Sono le 20:15 ed i locali iniziano a riempire ogni angolo del palazzetto mentre i giocatori assaggiano tabelloni, canestri, retine. Manca poco alla palla a due e si sentono in lontananza dei cori: stanno arrivando gli Ultras di Zola Casual: occupano il loro angolo della tribuna e si può iniziare con tamburi, canzoni, cori, bandiere… uno spettacolo che si placa solo nell’intervallo per poi ricominciare e accompagnare la Francesco Francia alla promozione in Serie C.
Questo, infatti, il verdetto della serie finale per i Play Off della D Regionale, Magik Parma a testa alta ma sconfitta in una partita dove non è mai riuscita a mettere il naso avanti ma dove è stata capace di far tremare più volte gli avversari con parziali incredibili prima di essere ricacciata a distanza di sicurezza da una Francesco Francia concentrata, non nervosa, che ha visto più giocatori caricarsi di responsabilità durante tutto il match.
L’inizio è caratterizzato da errori, le squadre sono un po’ tirate, si difende a uomo, Zola prende 3 rimbalzi consecutivi in attacco ma non concretizza nulla. È Perrotta con un 2 su 2 ai liberi a muovere i punteggio, quando sono passati quasi 2’. Gamberini apre il proprio tabellino con una tripla segnata dopo un altro errore di Filippo Barilli da sotto. Ancora Gamberini con 1 su 2 dalla lunetta ed è time out per gli ospiti dopo una palla persa e poca sostanza vista fino a quel momento in campo per loro. La prima segnatura è di Bocchia a 6:02. Altre due triple di Gamberini (ottima questa serie finale per lui) e Donadei dall’arco scrive 12-7 a 3:40, dopo un paio di errori grossolani dei locali. Ancora Gamberini dalla lunetta per il +6 mentre le uniche segnature di Paulig in questa frazione arrivano da un doppio 1 su 2 ai liberi. Arbitri attenti ai contatti sporchi, pescano Mazzoli falloso in attacco ed il bonus inizia a far cambiare campo ma solo per tiri a gioco fermo. Magik ha ottime gambe, spesso le partenze dei suoi atleti lasciano in ritardo i locali che finiscono per essere pescati in azioni fallose.
Secondo periodo che inizia con Magik a zona e Bosi che punisce con una tripla dopo una palla persa in attacco dagli ospiti. Assist dello stesso Bosi per Masina e 21-13 a 6:39. Ancora Masina dalla sua mattonella e Gamberini sfrutta un gioco da 3 portando a 9 il vantaggio di Zola. Mancano 4’ e si sveglia Paulig che subisce falli e segna 4 liberi sui 5 concessi, conditi da una tripla (e siamo 26-24) cui risponde da 3 un Romagnoli acciaccato (caviglia in gara 2) ma comunque stoicamente in campo ad aiutare il gruppo. Bavieri assiste Barilli che segna e successivamente fa una bella entrata di sinistro ributtando indietro gli avversari. A 42” dalla sirena del riposo lungo Diemmi segna 1 su 2 ai liberi seguito da 2 punti di Filippo Barilli e 2 su 2 ai liberi di Paulig. Si va negli spogliatoi sul 36-27.
Si ricomincia e Magik ha improvvise difficoltà, culminate in un fallo in attacco di Diemmi seguito da due bei canestri di Federico Barilli e di Bavieri. È il massimo vantaggio Zolese mentre gli ospiti difendono a zona, 40-27. Con le unghie i ragazzi di Parma rosicchiano qualcosa ai liberi ma con percentuali basse. Bosi concretizza la punizione data a Diemmi (fallo tecnico) e a 5:43, sul 41-29 e alla fischiata del 3° personale di Paulig, Coach Padovani chiama time out. Zola ha sbagliato parecchi tiri, Magik ha perso troppi palloni e ha subìto la buona difesa locale. Dopo la pausa è Fabiano, al limite dei 24”, a centrare una tripla ma la precisione di Bosi dalla lunetta ne riduce gli effetti, annullati del tutto dalla sua bomba che esalta il pubblico locale. Caravita commette prima fallo in attacco e poi subito dopo ne fa uno in difesa, Federico Barilli scrive 48-32 a 3:57. È ancora lunga ma la Francesco Francia sente la discesa davanti a sé. Un facile canestro di Bocchia smuove il punteggio degli ospiti, seguito da un buon tiro di Filippo Barilli. Paulig non ci sta, da quasi 9 metri si alza come se fosse vicino all’area e centra la retina, poi dall’arco altri 3 punti di Fabiano, poi ancora 2 di Paulig e a 2:08 siamo sul 50-42. Time out per Zola ma…altra tripla di Paulig da distanza siderale per il 50-45 che riapre la partita. Francesco Francia che si mette a zona e respira grazie ad un buon canestro di Masina dalla sua mattonella. Paulig è braccato e conquista liberi ma realizza 1 su 2 mentre Perrotta e Masina tirano successivamente col 100% mandando all’ultimo riposo con nuovamente 10 punti di vantaggio per la Francesco Francia.
Si ricomincia con le difese a zona e dal campo segnano solo Roma e Fabiano (altra tripla per lui). 5:33 alla fine e sul 59-50 Caravita sbatte sul ferro due liberi mentre Filippo Barilli li mette entrambi. Situazione falli di Zola abbastanza preoccupante, Paulig sbaglia un libero mentre Federico Barilli scrive, dalla lunetta, il 63-54. 2 su 2 di Diemmi, freddissimo, ma i due fratelli Barilli segnano 4 punti fondamentali che sbloccano improvvisamente la partita. I falli frenano la difesa su Paulig che ne approfitta e risponde a Zola con due belle azioni. Gamberini senza timori spara dall’arco e insacca la tripla del 70-60 a 1:10. Sembra finita ma tutti gli scontri con Parma hanno insegnato alla Francesco Francia che nulla è certo fino al fischio finale. La tabella aiuta Fabiano nella sua quarta tripla della serata e dopo il libero (1 su 2) fondamentale di Bosi, Magik chiama time out. L’azione ricominciata in attacco non produce nulla e Federico Barilli scrive la parola fine con due punti prima che la caccia all’uomo per il fallo tattico si esaurisca con Paulig che palleggia da fermo ed attende il fischio finale quando mancano poco meno di 20”.
Francesco Francia festeggia col pubblico che invade il campo e Capitan Galli sul cerchio a staccare la retina. Bella partita, giocata intensamente da entrambe le squadre, degna finale di un campionato che ha visto il girone A produrre la prima assoluta e semifinaliste e finaliste dei Play Off. Risultato entusiasmante per Zola approdata in D solo 2 anni fa e che ha avuto un percorso esaltante nonostante infortuni a ripetizione. Magik che ha mostrato di non essere solo Paulig ma di avere nelle gambe e nelle mani tanti punti da ottimi atleti. Pubblico delle 3 partite decisamente da categoria superiore, tantissimi spettatori, tantissimi cori, tifo corretto e bello da vedere.
Questo è stato vero Basket !

 

Paolo Gasparino

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy