Cookie Policy

Finale ancora amaro per Ferrara che a Verona incappa nella quarta sconfitta filata

by • 25 Novembre 2018 • Kleb Basket Ferrara, Serie A/2, TimeOutComments (0)154

Campionato di Pallacanestro Serie A2

Tezenis Verona-Bondi Ferrara 79-75

(17-21; 26-21; 19-14; 17-19)

 

Tabellini

Verona: Dieng ne, Ferguson 18, Amato, Guglielmi ne, Oboe ne, Candussi 16, Henderson 18, Maspero, Udom 14, Quarisa, Severini 10, Ikangi 3. All. Dalmonte

Ferrara: De Zardo 6, Conti ne, Swann 18, Petrolati ne, Fantoni 24, Molinaro 10, Mazzoleni, Barbon 1, Mazzotti ne, Panni 13, Calò ne, Liberati 3. All. Bonacina

 

9° giornata di campionato. Ferrara sbarca a Verona con l’obbiettivo di terminare la striscia negativa di tre sconfitte, ma ad aspettarla la truppa di Dalmonte vuole invece continuare il buon momento, dopo il bis di vittorie contro Cagliari e Piacenza.

Ritmi molti alti subito dopo la palla a due. Apre la partita Candussi dalla lunga distanza mentre la Bondi si affida dentro l’area ai suoi lunghi. Uno scambio di triple tra Udom e Swann mantiene l’equilibrio in questo inizio, poi Ferrara guidata dal suo capitano Fantoni e da un Panni da 2/2 da tre, costruisce un mini allungo di 9 punti al giro di boa di metà primo quarto. Il punteggio ristagna sul 19-10 in favore Bondi fino al quinto canestro di Fantoni, perfetto al tiro fino a questo momento.

Per Verona sblocca la situazione Severini con altri tre punti, poi il protagonista del finale di quarto è Mattia Udom che riporta la Tezenis a quattro punti di distanza dagli ospiti prima della sirena.

I canestri continuano a fioccare da una parte e dall’altra anche nel secondo quarto. Con la tripla di Ikangi i veneti si riportano in parità a quota 28. Candussi mette la firma sul canestro del sorpasso ma il vantaggio veronese dura poco perché Swann ne mette tre per il nuovo vantaggio estense, seguito subito da capitan Fantoni con un canestro e fallo che carica lui e i compagni.

Verona rimane sempre attaccata agli ospiti superandoli nuovamente nel finale di quarto andando al riposo lungo avanti di una lunghezza. Per gli scaligeri top scorer Candussi con 12 punti mentre Ferrara è tenuta in piedi dal duo Swann-Fantoni rispettivamente con 10 e 15 punti a referto. Per coach Bonacina però ancora troppo poco dagli uomini in uscita dalla panchina e dalla sua ala piccola titolare De Zardo che sta vivendo un periodo di difficoltà già da un paio di partite.

Ritmi molto più bassi alla ripresa, solo un parziale di 6 a 5 per la prima metà della terza frazione. La partita viaggia sul filo dell’equilibrio con un piccolo vantaggio dalla parte di Verona che i ragazzi di Dalmonte riescono a mantenere fino all’ultimo mini-intervallo.

Ferguson e Swann i primi a bersaglio nell’ultimo quarto, sempre avanti Verona, ma la Bondi non è ancora uscita da questa partita.

Il solito Fantoni per il meno tre poi Panni a pattare la partita. Ferrara c’è e a tre minuti dalla fine torna sopra con un parziale di 12 a 2.

Ferma l’emorragia per la Tezenis, Henderson con due liberi ma un De Zardo in grande spolvero nel secondo tempo mantiene il margine segnando la sua prima tripla della gara.

Udom risponde per l’ennesima parità. Si appresta un finale in volata con la partita ancora senza un padrone all’avvicinarsi dell’ultimo minuto.

Henderson ribalta per l’ennesima volta la situazione poi è Ferguson a mettere un possesso pieno di distacco tra le due formazioni.

Una palla persa sanguinosa della Bondi condanna Ferrara, Udom allunga a più 5, Swann prova a tenere vive le speranze con una tripla, poi si ricorre al fallo sistematico. Ferguson però è ancora una volta perfetto dalla linea della carità e mette quattro punti di distacco. Sul ferro l’ultimo tentativo di Panni che comunque non sarebbe bastato per allungare la partita.

Vince Verona 79-75 condannando la Bondi alla quarta sconfitta consecutiva.

 

Matteo Bellinazzi

 

Immagine in evidenza: credit Kleb Basket Ferrara

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy