Cookie Policy

Fine anno amaro per la Bondi, contro Roseto è una disfatta

by • 28 Dicembre 2018 • Kleb Basket Ferrara, Serie A/2, TimeOutComments (0)86

Campionato di Pallacanestro Serie A2

Bondi Ferrara-Roseto Sharks 59-89

(25-19; 17-20; 11-32;6-18)

Tabellini

Ferrara: De Zardo 4, Conti ne, Swann 27, Petrolati ne, Hall 5, Fantoni 10, Molinaro, Mazzoleni ne, Mazzotti ne, Panni 5, Calò 4, Liberati 4. All. Bonacina.

Roseto: Person 18, Rodriguez 16, Ianelli ne, Pene’, Nikolic 5, Eboua 3, Bayehe 4, Sherrod 20, Akele 17, Panopio, Pierich 3, Bushati 3. All. D’Arcangeli.

Arbitri: Masi, Gagliardi, Del Greco

 

14° giornata di campionato. Tracollo Bondi nell’ultima gara del 2018 contro Roseto. Dopo aver giocato un buon primo tempo persa completamente la bussola nel terzo quarto e vanificata l’occasione di chiudere l’anno con un bis di vittorie dopo aver trovato a Piacenza il primo successo esterno della stagione.

Marce più alte per Roseto ad inizio partita che sorprende Ferrara con due canestri facili. Dopo due minuti di assestamento anche la Bondi entra in partita prima con il piazzato di Hall poi con l’appoggio facile di Calò, servito da Swann. 

Dopo lo scambio di triple tra Person e il predetto Swann arriva il primo sorpasso estense, firmato da Fantoni sul 9-7.

Scaldata la mano il cecchino ferrarese Swann infila altre due pesanti triple per allungare il vantaggio dei padroni di casa (15-9 al 6’) e timeout obbligato per Roseto.

Due facili scorribande in area per gli ospiti riducono lo scarto ma Ferrara si scuote con due giocate spettacolari e la schiacciata di Calò sancisce il più 9. Ci pensa poi il solito Swann con un tiro dei suoi a varcare la soglia della doppia cifra di vantaggio.

Si scuotono gli ospiti sul finire di quarto, e la tripla di Pierich vale il meno 6. 25 a 19 dopo i primi dieci minuti di gioco.

Ancora troppo molle la difesa estense che concede due appoggi facili, ma sempre la mano fatata di Swann dall’arco tiene a bada i tentativi di rimonta. Scarica di energia dalla panchina con De Zardo che entra con l’atteggiamento giusto dando il suo contributo in difesa e guadagnandosi liberi dall’altra parte.

Bayehe con la schiacciata riduce il distacco degli abruzzesi a due possessi (31-25 al 15′), mentre Ferrara fatica a trovare canestri soffrendo l’atletismo degli avversari. Roseto continua a mettere la sabbia negli ingranaggi ai padroni di casa e a recuperare terreno. Varcata la metà del quarto Akele manda a bersaglio il canestro del meno due convincendo coach Bonacina a fermare la partita. Alla ripresa del gioco però è ancora Roseto ad avere la meglio e trova la tripla del sorpasso.

Capitan Fantoni replica subito per il più uno estense e assieme a Swann, autore già di 22 punti, consente a Ferrara di andare negli spogliatoi con un margine di tre lunghezze (42-39 al 20′).

Un parziale di 5 a 0 per Roseto apre la seconda metà di gara, Panni lo chiude ma gli abruzzesi mettono più energia sorpassando e mettendosi al volante della gara. Il terzo quarto ha decisamente un padrone, gli ospiti segnano 21 punti in cinque minuti e cominciano a far perdere la testa ai giocatori della Bondi. Un fallo antisportivo sanzionato a Mike Hall segna il punto più basso della partita dei padroni di casa che si ritrovano a dover recuperare più di dieci punti di ritardo.

Il canestro di Roseto sembra più largo e il divario si amplia sfiorando i 20 venti punti sul finire di frazione.

Dopo un terzo quarto disastroso da 32 a 11 Ferrara ha le chance di vittoria ridotte ai minimi termini sul meno 18. Roseto continua a infierire e respinge i timidi tentativi di rimonta della Bondi. Il controllo della partita non è mai messo in discussione e gli ultimi minuti di gioco servono solamente a definire il punteggio da scrivere a referto.

Roseto passa a Ferrara per 89 a 59 rifilandole 30 punti e dandole qualche spunto di riflessione prima di cominciare il 2019.

 

Matteo Bellinazzi

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy