Cookie Policy

Gara uno dei playoff in rosa per i Rose & Crown Villanova Tigers

by • 13 Aprile 2019 • Promozione, TimeOutComments (0)55

Promozione

Rose & Crown Villanova Tigers – Tatanka Imola 57-54

(14-12; 33-24; 43-37)

 

Tigers: Di Giacomo 3, Bronzetti, Giordani, Panzeri 6, Rossi M. 8, Buo A. 6, Ambrassa 6, Semprini, Guiducci T., Serpieri 9, Saccani 18, Bollini 1. All. Rustignoli

Tatanka: Ciampone 6, Manaresi 3, Pederzoli, Selva 6, Guadagnini, Costantino 3, La Ferla 4, Tabellini 14, Franceschelli 1, Castagnetti 6, Giudici 4, Conti 8.

Arbitri: Bianchi e Perazzini

 

Iniziano I playoff e, alla Tigers Arena, non mancano le emozioni: al termine di una gara1 equilibrata e vibrante, i Rose & Crown Villanova Tigers riescono a domare i Tatanka Imola per 57-54, conquistando così il primo match point della serie.

Sarà pure la sfida tra prima e ottava, ma in campo la differenza non si vede: Imola sporca la partita difensivamente con tanta tattica, trovando in Selva l’uomo giusto in attacco, mentre dall’altra parte sono una bomba di Saccani ed un volitivo Serpieri a fare bottino, dando il vantaggio ai padroni di casa nonostante un ispirato Tabellini.

Nel secondo quarto, i Tigers continuano a controllare il match e, grazie al solito Saccani e ad un Michele Rossi cattedratico, riescono a volare via nel punteggio, sfiorando la doppia cifra di vantaggio. Tatanka, però, non cede un centimetro: le folate di Conti fanno male nel pitturato, mentre un chirurgico Ciampone riporta i suoi sul -8 alla pausa lunga.

Al rientro dagli spogliatoi, però, Imola è brava a rimettere subito le cose in discussione: Giudici e Costantino trovano, nel pitturato, buone soluzioni, mentre i Tigers vacillano, complici i quattro falli di Saccani e un attacco fattosi macchinoso e poco produttivo. Nel momento di maggior difficoltà, ci pensa Ambrassa a muovere il tabellino, fermando l’emorragia.

Di tempo, però, ne basta poco ai bisonti per tornare col fiato sul collo: le bombe ancora di Ciampone e e di Tabellini riportano a contatto gli ospiti, mentre dall’altra parte solo una magia dall’arco di Saccani permette ai Tigers di resistere. Nel finale, però, succede di tutto: la boma di Castagnetti vale il 50-48 a due minuti dal gong, ma i padroni di casa resistono dalla lunetta. Sul +4, tutto sembra finito, l’indomito Tabellini firma l’irreale canestro del -1 a due secondi dalla sirena finale. Sulla rimessa, però, prima Saccani subisce poi un fallo antisportivo, poi Ambrassa, dalla lunetta, chiude la partita, rinviando la questione a gara2, in programma giovedì 18 a Castelguelfo.

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy