Cookie Policy

A Monaco vince il principe Ricciardo!

by • 27 Maggio 2018 • ConcretaBox, evidenza, newsComments (0)467

Week end straordinario per Il pilota australiano della RedBull, che conquista la sua prima vittoria sul tracciato monegasco, e la seconda stagionale, rilanciandosi nella corsa al mondiale; con  lui sul podio Vettel e Hamilton.

Daniel che è stato l’assoluto dominatore del Weekend di Monaco, ma ha comunque sofferto per più di metà gara a causa di una perdita di potenza alla parte elettrica della Power Unit. In classifica ora i tre si trovano a parti invertite, con Ricciardo terzo, Vettel secondo, che con la seconda posizione di oggi riesce a rosicchiare qualcosina a Hamilton, che si trova ancora in testa al mondiale, nonostante l’ennesima gara difficile per lui, conclusa comunque con un podio che era il massimo risultato raggiungibile.

Dietro di loro il duo finlandese Raikkonen Bottas, e dopo di loro, un po’ a sorpresa, il duo francese composto da Ocon e Gasly.

 

Pagelle:

 

Ricciardo 10: un weekend perfetto per lui, il primo da dominatore assoluto. E’ l’uomo del momento, quello per cui i top team strabuzzano gli occhi in ottica 2019, e lui da di che strabuzzarsi, dimostrandosi perfetto durante tutto il weekend. Anche quando la faccenda si fa più complicata per la perdita di potenza, che lo costringe a mantenere un passo da safety car per oltre 50 giri, riesce a mantenere le spalle larghe e a tenersi dietro Vettel; con questa è la seconda vittoria stagionale, uguagliando il numero di vittorie di Vettel e Hamilton e dimostrando ancora una volta tutto il suo valore, nonostante in RedBull il cocco sia un altro.

Gasly 8: un altro ottimo week end per il giovane talento della Toro Rosso. Partito in 10.a posizione, il che è già un ottimo risultato,  attraverso una strategia diversificata riesce a guadagnare qualche posizione rispetto quella di partenza. Per adesso l’azzardo di aver puntato su motori Honda sembra ripagare il team di Faenza.

Ocon 7: Torna a farsi vedere in zona punti, concludendo in un’ottima 6.a posizione. In un anno che si sta dimostrando avaro di emozioni per il pilota francese, weekend come questi sono manna dal cielo; utili soprattutto per risollevarlo in classifica e farlo uscire dai bassifondi.

Vettel 7: in questa gara l’obiettivo principale era sicuramente quello di terminare la gara davanti ad Hamilton, cercando di accorciare la distanza in classifica il più possibile; riesce a qualificarsi in prima fila, il che è già una “mezza vittoria”, ma la “vittoria completa” oggi era alquanto difficile da conquistare, con un Ricciardo così in forma. Avrebbe forse potuto rischiare un poco di più, una volta che si sono presentati i problemi all’australiano, ma nel casinò di monte-carlo azzardare un sorpasso si può dimostrare nefasto, quindi meglio accontentarsi di guadagnare qualche punticino in classifica.

Verstappen 6.5: costretto a partire ultimo per l’ennesimo errore grossolano della stagione, conclude una gara spettacolare, riuscendo ad arrivare in zona punti e compiendo sorpassi da Playstation. Tutti si aspettavano un’altra delle sue marachelle, per rimescolare le carte in tavola del gran premio, ma Max stupisce compiendo una gara egregia e senza quasi sbavature. Detto ciò deve comunque mangiarsi le mani perché, senza l’incidente di sabato, la doppietta RedBull quest’oggi era quasi certa.

Williams 3: la Williams è uno dei più vittoriosi in F1, ma la scuderia inglese ormai rasenta il ridicolo: prima del via Sirotkin  viene penalizzato per aver montato gli pneumatici in ritardo; poi scontando la penalità, viene ri-penalizzato per aver commesso un’altra infrazione; poi la gara è un costante entrare e uscire dai box per cambiare gomme, senza un minimo di strategia. Ragazzi qua c’è bisogno di staccare la spina e resettarsi un attimo.

 

 

 

 

Edoardo Bursi

 

Fonte Immagini:

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy