Cookie Policy

GRISSIN BON IN SEMIFINALE! 86-62 CONTRO UNA BRINDISI SENZA CUORE

by • 27 Maggio 2015 • TimeOutComments (0)935

 

Campionato di Pallacanestro Maschile Serie A Quarti Playoff Gara 5

Grissin Bon Reggio Emilia – Enel Brindisi 86-62

 

 

I tabellini

Reggio Emilia: Mussini 5, Chikoko 4, Polonara 10, Lavrinovic 15, Della Valle 4, Pini 4, Kaukenas 10, Cervi 8, Diener 11, Cinciarini 9.

Brindisi: Pullen 15, Harper 3, James 9, Bulleri 1, Cournooh 7, Pacifico, Denmon 7, Morciano, Zerini, Turner 6, Mays 13, Eric 1.

Parziali: 23-21, 23-13, 21-9, 19-19

Arbitri: Taurino, Begnis, Bettini

 

Grissin Bon vs Brindisi gara 5 1Tutto pronto al Palabigi per l’ultima e decisiva gara 5 dei quarti di finale playoff. Reggio Emilia è riuscita a rimontare la serie dopo la sconfitta casalinga in gara 2 ed ora, tra le mura amiche, vuole vincere la serie per proseguire la post-season. Brindisi, d’altro canto, ha dimostrato di sapere come far soffrire la Grissin Bon e se la giocherà a viso aperto.

La partita inizia subito con ritmi forsennati da entrambe le parti: Cinciarini spinge sull’acceleratore e insieme a Cervi segnano i primi punti dei padroni di casa. Non stanno a guardare i brindisini che rispondono con Cournooh e con una super schiacciata di James che “posterizza” Cervi. Le difese, in questo inizio, latitano e ne approfitta Reggio che converte diversi rimbalzi offensivi in canestri. Percentuali sopra il 50% per entrambe le formazioni e l’Enel conclude i primi 10 minuti con 7/9 da due e rimane attaccata ai biancorossi. Secondo parziale che parte con il break di Reggio Emilia e Bucchi corre subito ai ripari, con una zona-press a tuttocampo. Rimedio tuttavia che non da i suoi frutti, perché la Grissin Bon Grissin Bon vs Brindisi gara 5 3regge in difesa e la coppia Kaukenas-Lavrinovic conduce la squadra sul +10 (41-31). Brindisi fatica a trovare canestri facili e Polonara la punisce ulteriormente sulla sirena del primo tempo con un rimbalzo offensivo e canestro in appoggio.

Al rientro sul parquet, gli ospiti iniziano a cercare con regolarità Mays nel pitturato che, quando non subisce fallo, segna con facilità. In uno di questi possessi viene fischiato una dubbia infrazione di passi al brindisino e Bucchi, sul capovolgimento di fronte, perde le staffe: doppio tecnico in pochi secondi e l’allenatore è costretto ad uscire dal campo. Episodio che risulterà decisivo, in quanto i pugliesi non riusciranno più a mantenere la concentrazione e  un certo ordine in campo. Diener approfitta del fallo tecnico ospite e infila 5 punti consecutivi che gli fanno ritrovare la fiducia. La difesa dei reggiani continua a Grissin Bon vs Brindisi gara 5 2salire di intensità e l’Enel esce dalla partita; Kaukenas lanciato in contropiede a 3 secondi dal termine del quarto fissa il risultato sul 67-43. Gli ospiti si fissano con il tiro dalla distanza, che non vuole entrare, e le percentuali crollano al 37%, mentre i reggiani continuano a tirare con ottime medie. Solo James prova a risvegliare i suoi, ma le palle perse di Brindisi continuano ad aumentare e anche il giovane Mussini entra in ritmo con la tripla dall’angolo. Pullen, fino a qui un fantasma, segna un paio di canestri e finirà con 15 punti, ma tutti realizzati quando la partita ormai non conta più nulla. La difesa ospite è già in vacanza e Polonara chiude definitivamente la giocata del match: schiacciata in contropiede, su alley-oop di Cinciarini.

Il tabellone dice 86-62 e può iniziare la festa del meraviglioso pubblico reggiano, che invade il campo di gioco per abbracciare i suoi beniamini. La Grissin Bon ora se la vedrà in semifinale con Venezia, che ha sconfitto Cantù nell’altra gara 5 della serata.

 

Davide Menechini

 

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy