Cookie Policy

Hamilton vince ad Austin!! sul podio anche Rosberg e Ricciardo

by • 24 Ottobre 2016 • ConcretaBoxComments (0)780

Ad Austin, in Texas, Lewis Hamilton ottiene la 50° vittoria della carriera e rosicchia qualche punto in classifica piloti al compagno Rosberg, che riesce a limitare I danni concludendo in seconda posizione. Gara priva di duelli per le posizioni che contano, condizionata fortemente dalla virtual safety car e con I ritiri di Verstappen e Raikkonen come unici colpi di scena là davanti.

Le emozioni principali coinvolgono le posizioni più defilate, con un gran duello nel finale tra Sainz, Massa e Alonso, dove a spuntarla alla fine è il pilota McLaren.
In partenza Rosberg e Verstappen partono in sordina e si fanno superare rispettivamente da Ricciardo e Raikkonen; I primi quattro viaggiano molto vicini fino al momento della prima sosta, da quel momento I distacchi aumentano e le posizioni sembrano ormai definite. Al 30° giro però, Verstappen ha dei problemi alla monoposto e percorre metà circuito a 40 Km/h prima di arrestare la propria corsa sul prato; in questa situazione I commissari decidono di esporre regime di Virtual Safety Car e da questa circostanza ne coglie maggior profitto Rosberg, il quale effettuando la sosta in quel momento riesce a guadagnare la posizione su Ricciardo, che si era già fermato prima.
Da qui la gara sembra procedere verso un binario prestabilito, ma a 17 giri dal termine c’è ancora tempo per il colpo di scena in casa Ferrari, con Raikkonen che deve ritirarsi a causa di un pneumatico avvitato male al pit stop.

 

 

 

 

 

Ordine di partenza:
Hamilton, Rosberg, Ricciardo, Verstappen, Raikkonen, Vettel, Hulkenberg, Bottas, Massa, Sainz

Ordine di arrivo:
1)Hamilton, 2)Rosberg, 3)Ricciardo, 4)Vettel, 5)Alonso, 6)Sainz, 7)Massa, 8)Perez, 9)Button, 10)Grosjean.

Classifica Piloti:
Rosberg 33, Hamilton 305, Ricciardo 227, Vettel 177, Raikkonen 170, Verstappen 165, Perez 84, Bottas 81, Hulkenberg 54, Alonso 52

Classifica Costruttori:
Mercedes 636, Red Bull 400, Ferrari 347, Force India 138, Williams 130, Mclaren 74, Toro Rosso 55.

 

Pagelle:

Ferrari 4: Sono le due vetture con Il giro più veloce in gara, potrebbe sembrare qualcosa di positivo; in realtà a Maranello non c’è nulla da festeggiare, perché una macchina si è dovuta fermare per un pneumatico non fissato (con tanto di parcheggio in retromarcia in Pitlane) e l’altra che se ha compiuto dei giri in testa era solo perché non aveva ancora effettuato la sosta, allora il risultato finale è abbastanza deludente, ma ormai di questi risultati non ci sorprende più a questo punto della stagione.

Alonso 8: sta pur sicuro che se la davanti qualcuno ha dei problemi quello che riesce ad approfittarne di più è quella vecchia volpe di Fernando. Compie una delle sue solite gare tutto cuore e grinta, e alla fine con due sorpassi decisi riesce a scavalcare Massa e Sainz e a prendersi il primo posto tra I comuni mortali. Degno di nota, lo Yee Haw dopo il sorpasso sul connazionale, che dire, con Fernando non ci si annoia mai!

Hamilton 9: non è facile, questa volta è lui che parte svantaggiato nel rush finale, ogni suo errore potrebbe essere letale, una partenza sbagliata, un Pit troppo lento, una uscita di curva; ma oggi Lewis è riuscito ha compiere una gara perfetta, con buona partenza e buon controllo al comando della corsa per il resto del gran premio, riuscendo a rosicchiare qualche punto al compagno. Si prospettano tre gare al cardiopalma in casa Mercedes.

Rosberg 7.5: un errore in partenza lo mette alle spalle anche di Ricciardo, cerca di recuperare, ma neanche troppo, dopotutto il vantaggio in classifica è abbastanza amplio da potersela prendere comoda per un week-end; la fortuna è però nuovamente dalla sua parte, dato che il problema incorso a Verstappen costringe i commissari a dichiarare l’ennesima imbarazzante finestra di Virtual Safety Car, nella quale Nico effettua una sosta che gli consente di superare Ricciardo.

Ricciardo 7: brillante al via come un vero toro da rodeo texano, riesce a superare Rosberg e a stare dietro a Hamilton fino al pit stop, dopo perde le tracce dell’inglese ma riesce comunque a stare davanti all’altra Mercedes.. Alla fine meriterebbe anche quel secondo posto, peccato però che il problema incorso al compagno lo costringe paradossalmente a cedere la posizione a Rosberg.

Verstappen 5: più che un toro oggi è sembrato un mulo; sbaglia la partenza, sbaglia il pit, sbaglia pure ad ordinare un Hamburger al Mc. Battute a parte, oggi è sembrato molto distratto, oltre all’errore clamoroso ai box (entrando al giro sbagliato e cogliendo i meccanici impreparati), ha compiuto diversi errori in pista che non gli hanno permesso di stare vicino al compagno e alle Mercedes. Semina un po’ il panico in pista quando, una volta palesati i problemi tecnici, procede molto lentamente diventando un ostacolo in movimento per gli altri piloti.

 

Edoardo Bursi

 

Fonte Immagini:

https://www.facebook.com/SkySportF1HD

https://www.facebook.com/LewisHamilton

https://www.facebook.com/Formula1

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy