Privacy Policy
Sensi Sassuolo Atalanta

Altro ko esterno per il Sassuolo: neroverdi avanti, poi l’Atalanta rimonta

by • 10 settembre 2017 • ConcretaCalcio, evidenza, NeroVerde, news, U.S. SassuoloComments (0)225

ARRIVA UN’ALTRA sconfitta esterna per il Sassuolo. Anche da Bergamo, come da Torino quattordici giorni fa, i neroverdi tornano a casa senza punti in tasca. E’ un ko meno pesante rispetto a quello maturato contro i granata, come testimonia il 2-1 finale, ma che probabilmente lascia parecchi rimpianti agli uomini di Bucchi. Sì, perché il Sassuolo è stato in partita per tutti i 90 minuti, ha avuto la capacità di portarsi in vantaggio grazie ad un contropiede magistrale e, dopo aver subito la completa rimonta da parte dell’Atalanta, ha provato fino alla fine a strappare un punto. Un po’ per la poca freddezza e un po’ per la bravura di Berisha, tuttavia, ciò non è avvenuto. I padroni di casa trovano così i primi punti del loro campionato, mentre i neroverdi restano fermi a quota uno.

DIFESA A TRE – Sotto la pioggia battente dell’Atleti Azzurri d’Italia, Bucchi disegna il suo Sassuolo con un 3-5-2 che vede Letschert, Cannavaro e Acerbi comporre il terzetto difensivo, a protezione di Consigli. La regia è affidata a capitan Magnanelli, con Mazzitelli e Sensi ai suoi fianchi. Lirola e Adjapong agiscono sulle corsie laterali, mentre il tandem d’attacco è formato da Berardi e Falcinelli. L’Atalanta di Gasperini risponde con un 3-4-2-1 nel quale Ilicic e Gomez si muovono sulla trequarti, alle spalle dell’unica punta Cornelius.

BOTTA E RISPOSTA – I primi venti minuti del match scorrono via senza occasioni degne di nota: i nerazzurri provano a fare la partita, ma il Sassuolo non corre rischi. Poi, nel giro di un minuto, tra il 23′ e il 24′, per due volte si fa vedere Ilicic dalle parti di Consigli: prima, ispirato da una gran giocata di Gomez, con un tiro che termina di poco alto e poi, sugli sviluppi di un contropiede, con una conclusione ravvicinata murata da Cannavaro. A sorpresa, però, sono gli ospiti a passare. Sugli sviluppi di una punizione gestita male dai bergamaschi, parte la ripartenza neroverde: Lirola serve Berardi e scatta sulla fascia destra in attesa dell’uno-due, che l’azzurro completa con un lancio d’esterno, poi lo spagnolo di prima serve al centro dell’area Sensi, che con l’interno destro supera Berisha per l’1-0 al minuto 27. Il vantaggio, tuttavia, dura solo otto giri d’orologio. Il difensore Toloi lancia Ilicic, che manca lo stop, ma il pallone arriva al suo compagno Cornelius e, quando il danese prova ad accentrarsi, la sfera si impenna dopo un rimpallo con Magnanelli: lo stesso Cornelius è bravissimo a colpire al volo e a battere Consigli con un sinistro angolatissimo. L’ultimo acuto della prima frazione è del Sassuolo: nel recupero un cross interessante di Berardi viene sfruttato da Falcinelli, che di testa manda di poco a lato.

IL VAR CONVALIDA – Anche in apertura di ripresa la prima palla-gol è per Falcinelli, che al 55′ su un cross di Sensi è bravo ad anticipare la difesa di casa con una zampata che termina fuori non di molto. Poi tre cambi nel giro di dieci minuti per Gasperini: dentro Petagna per Cornelius, Kurtic per Ilicic e Hateboer per Gosens. Ed è subito pericoloso Hateboer: prima (71′) impegnando Consigli da fuori e poi (72′) con un insidioso cross basso sul quale nessun compagno riesce ad arrivare. Bucchi cambia qualcosa e inserisce Duncan per Mazzitelli e Ragusa per Falcinelli. Ma al minuto 77 arriva il 2-1 atalantino. Palla morbida messa in mezzo da Gomez e tocco con la punta vincente di Petagna, lasciato un po’ troppo solo. Il Sassuolo protesta per una presunta spinta di Kurtic ai danni di Cannavaro: l’arbitro Manganiello si consulta col VAR Irrati e convalida la rete. Ultimo cambio per i neroverdi a dieci minuti dal termine: entra Matri per Magnanelli per aumentare il peso offensivo. E proprio Matri all’88’ serve Ragusa, che trova un abile Berisha in uscita e a tu per tu non è freddo. Anche nel recupero ci provano gli emiliani: Sensi, il migliore dei suoi, prima è abilissimo ad evitare il gol di Gomez con un gran tackle e poi, al 93′, scodella una gran palla per Acerbi. Il bel colpo di testa del difensore ex Milan, però, trova ancora Berisha, che con una gran parata salva il risultato. Ora impegni insidiosi al Mapei Stadium, per entrambe: giovedì l’Atalanta attende l’Everton in Europa League, mentre il Sassuolo domenica se la vedrà con la Juventus.

 

ATALANTA-SASSUOLO 2-1

RETI: 27′ Sensi (S), 35′ Cornelius (A), 77′ Petagna (A)

ATALANTA (3-4-2-1): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Castagne, Cristante, De Roon, Gosens (69′ Hateboer); Ilicic (58′ Kurtic), Gomez; Cornelius (65′ Petagna). A disposizione: Rossi, Gollini, Palomino, Mancini, Bastoni, Freuler, Haas, Orsolini, Vido. All. Gian Piero Gasperini.

SASSUOLO (3-5-2): Consigli; Letschert, Cannavaro, Acerbi; Lirola, Mazzitelli (73′ Duncan) Magnanelli (80′ Matri), Sensi, Adjapong; Berardi, Falcinelli (75′ Ragusa). A disposizione: Pegolo, Peluso, Gazzola, Goldaniga, Missiroli, Biondini, Frattesi, Cassata, Politano. All. Cristian Bucchi.

ARBITRO: Manganiello di Pinerolo (Assistenti: Del Giovane e Santoro; VAR: Irrati e Balice)

NOTE: Ammonito Magnanelli (S)

 

Riccardo Corradini

 

Foto: sassuolocalcio.it

 

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this pageEmail this to someone
©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy