Privacy Policy

La Bondi domina Jesi nella partita più importante della stagione e si guadagna un posto nei playoff

by • 15 aprile 2018 • Kleb Basket Ferrara, TimeOutComments (0)194

Campionato di Pallacanestro Serie A2

Bondi Ferrara-Termoforgia Jesi 75-58

(19-19; 41-36; 63-46)

 

Tabellini

Ferrara: Rush 25, Drigo, Hall 16, Fantoni 6, Carella, Donadoni, Molinaro 2, Cortese 16, Panni 6, Moreno 4. All. Bonacina.

Jesi: Green 7, Fontecchio 10, Marini 15, Piccoli, Rinaldi 12, Valentini, Massone, Montanari ne, Hasbrouck 9, Ihedioha 5. All. Cagnazzo.

Arbitri: Beneduce, Capurro, Marton.

 

29° giornata di campionato. Scontro diretto dal sapore playoff, quello tra la Bondi Ferrara e la Termoforgia Jesi per aggiudicarsi un posto tra le prime otto della classe. Perdere oggi significherebbe abbandonare la corsa con una giornata di anticipo, mentre chi ne uscirà vincente potrà continuare a lottare fino all’ultima giornata. Gara senza domani quindi per entrambe le formazioni, un gustoso antipasto prima della vera post season.

Il primo possesso è per Jesi che va a bersaglio con un sottomano di Hasbrouck, il grande ex di giornata. Moreno risponde subito con un jumper dalla media distanza ma poi una distrazione in difesa regala la schiacciata a Fontecchio. Ritmi subito alti ma Ferrara riesce ad andare avanti grazie alla lotta di Rush che recupera due palloni e segna quattro punti di fila. Allo scoccare del quinto minuto si iscrive alla partita anche Cortese, il Capitano, che stringendo i denti è in campo dopo il leggere infortunio subito a Bergamo, infila una tripla importante per incrementare il vantaggio e per il morale.

Jesi però tiene sempre a bada Ferrara non facendola andare troppo avanti, importante il contributo di Rinaldi che in due occasioni segna col fallo di Fantoni, realizzando entrambe le volte anche il libero supplementare. A pattare la partita poi ci pensa Hasbrouck con una tripla, specialità della casa, come dimostra l’azione successiva mettendone a segno un’altra e portando in vantaggio i suoi.

Ferrara però con un ottima difesa si guadagna l’ultima azione del primo quarto e Hall regala un comodo tiro dall’angolo a Moreno che segna e stabilisce nuovamente la parità.

Ferrara ha commesso vari errori e continua a commetterli ma si fa perdonare lottando su ogni possesso. Quella che sembra una palla persa di Molinaro si tramuta in due punti assolutamente conquistati da Rush, combattivo fin dal primo minuto. Hall sente la partita e piazza la sua prima tripla di serata, dopo i due errori nelle precedenti occasioni. Il maggior merito della Bondi però è la difesa, Jesi per quattro minuti non trova il canestro e si sblocca solamente con un libero di Fontecchio.

Coach Cagnazzo rimette in campo Hasbrouck per risolvere definitivamente la carestia offensiva. L’americano non trova canestri ma basta la sua presenza e la complicità di Ferrara, che perde palloni banali, per trovare il fondo della retina tre volte di fila e convincere Bonacina a fermare la partita. Ferrara esce bene dal timeout e costruisce un ottimo tiro per Panni che non fallisce.

Gli ultimi due minuti sono difficili, la Bondi inizia ad accusare le energie spese per costruire l’ottimo inizio della gara e una Jesi che spinge per la rimonta, guadagnandosi falli e tiri liberi. Nonostante ciò i padroni di casa riescono a stare avanti di otto lunghezze fino alla fine, ma proprio sulla sirena Marques Green tira fuori un coniglio dal cilindro trovando il bersaglio da metà campo.

Si va negli spogliatoi con cinque punti di scarto tra le due squadre, bene Rush e Hall per Ferrara entrambi con nove punti e vicini alla doppia cifra anche con i rimbalzi. Dall’altra parte un ottimo primo tempo per Marini con dieci punti che ha dato non poco fastidio a Ferrara.

Il secondo tempo inizia come il precedente, subito Jesi a trovare il primo canestro, stavolta firmato da Rinaldi. Ferrara reagisce con due ottime difese che tramuta in contropiede, anche se solo uno produce punti.

Cortese poi si guadagna una cosa più importante di un canestro, vale a dire il quarto fallo di Marini, che è costretto momentaneamente a guardare la partita dalla panchina.

In attacco il duo Rush-Hall continua a produrre, in due azioni fotocopia Hall serve l’assist e Rush insacca la tripla, combinando per sei punti.

Bene l’attacco, ancora meglio la difesa, Jesi guadagna ogni tiro con fatica e spesso trova solo il ferro, lasciando il pallone preda dell’ottimo lavoro a rimbalzo di Ferrara. Gli estensi logorano costantemente i marchigiani che cedono sempre più terreno vedendo il distacco aumentarsi.

Tutte le buone cose sommate producono un più diciassette per i ferraresi, rassicurante ma non sufficiente a chiudere definitivamente i conti.

Dopo l’ottimo lavoro nel terzo quarto servono altri dieci minuti solidi.

Il ritmo è decisamente più basso, lo sforzo per costruire il massimo vantaggio della partita si fa sentire per Ferrara, ma anche Jesi accusa la delusione di essere sotto di quasi venti punti e il vantaggio non sembra in pericolo.

La Bondi gestisce fino alla sirena finale prendendosi il meritatissimo applauso del proprio pubblico. Gran prova dei ragazzi e di coach Bonacina nella partita più importante della stagione, concentrati e aggressivi fin dal primo minuto e pronti a dare il colpo di grazia agli avversari nel terzo quarto.

Complice poi la caduta di Ravenna contro Bergamo Ferrara è sicuramente qualificata ai playoff.

 

Matteo Bellinazzi

 

Immagine in evidenza: credit Fotoagenzia HC

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy