Cookie Policy

La Bondi ha la meglio su Jesi e infila la terza vittoria consecutiva

by • 17 Febbraio 2019 • Kleb Basket Ferrara, Serie A/2, TimeOutComments (0)83

Campionato di Pallacanestro Serie A2

Bondi Ferrara-Termoforgia Jesi 94-88

(27-27; 20-19; 24-30; 23-12)

 

Tabellini

Ferrara: Conti ne, Swann 18, Petrolati ne, Fantoni 21, Ganeto 7, Molinaro 6, Mazzoleni ne, Barbon, Panni 16, Calò , Campbell 26, Liberati. All. Leka

Jesi: Kouyate ne, Dillard 10, Knowles ne, Mascolo 17, Baldasso 10, Santucci 5, Rinaldi 9, Maspero 11, Valentini ne, Mwananzita ne, Totè 26, Lovisotto. All. Cagnazzo

Arbitri: Cappello, Ciaglia, Bartolomeo

 

22° giornata di campionato. La Bondi esce vittoriosa nella sfida salvezza contro la Termoforgia Jesi pur tirando 9/31 da tre punti e soffrendo per tutta la gara. Onore al merito dei ragazzi guidati da coach Spiro Leka che sono riusciti a tirarsi fuori dal momento di difficolta e ad assestare il parziale decisivo per portare a casa il referto rosa. Miglior realizzatori Campbell con 26 e Fantoni con 21 punti (conditi anche da 8 rimbalzi). Ai marchigiani invece non basta la notevole prestazione di un Totè da 26 punti con 4/5 da tre, che tornano a Jesi con la magra consolazione di non aver perso la differenza canestri con la gara di andata.

Totè parte subito caldo per gli ospiti infastidendo la difesa Bondi dentro l’area. Ferrara si mette in partita con il canestro di capitan Fantoni, ben servito da Panni sul pick and roll centrale. Sempre Panni poi, poche azioni dopo, arma la mano di Swann per la prima tripla di serata e il vantaggio estense.

La truppa di Leka comincia a oliare gli ingranaggi e a muovere bene la palla trovando tiri aperti che aiutano a mantenere la testa avanti nei primi minuti. Jesi aggiusta la difesa e si rifà sotto cominciando a mettere pressione ai padroni di casa. Dillard e Rinaldi infilano due pesanti triple ed è fatta per il -1 Jesi (17-16 al 6′).

Mascolo è l’uomo del finale di quarto con sette punti filati per i marchigiani portandoli in vantaggio. Ferrara però reagisce e la tripla a fil di sirena di Campbell patta la partita a quota 27 dopo i primi 10 minuti di gioco.

Campbell replica da oltre campo per cominciare bene la seconda frazione ma Santucci risponde subito riequilibrando la situazione. Jesi più aggressiva prova a imbastire un parziale ma Ferrara reagisce e nessuna delle due squadre riesce a prevalere. Swann si carica i compagni sulle spalle segnando 7 punti filati per gli estensi che tornano avanti e convincono al timeout Jesi (44-38 al 16′).

La Termoforgia rientra rinvigorita fermando il tentativo di fuga dei padroni di casa che vanno negli spogliatoi con un vantaggio di una sola lunghezza. 47-46 alla pausa lunga. Per gli estensi è la coppia di americani a tenere in piedi Fantoni e compagni con uno Swann da 15 punti e un Campbell da 11. Dall’altra parte il migliore è Totè con 13 punti e già 8 rimbalzi, ma le due rimonte hanno lo zampino di Mascolo, autore di 11 punti nella prima metà di gara.

Due triple di Maspero colpiscono la Bondi alla ripresa. La squadra di coach Leka vacilla vedendosi superata dalla partenza più intensa dei marchigiani e ritrovandosi costretta a inseguire. Un gioco da tre punti di Campbell e il quarto fallo di Dillard danno una scossa di energia a Ferrara che si rimette in sella.

Ci pensa Maspero con un’altra tripla ad allungare nuovamente per Jesi per il 66 a 60. La partita si alza di intensità ed entrambe le squadre non si risparmiano. Nel terzo quarto però la Termoforgia sembra averne di più e chiude la penultima frazione sopra di 7 punti (76-69 al 30′). Tre triple di Totè nel terzo quarto hanno contribuito notevolmente ad affossare la Bondi prima degli ultimi e decisivi 10 minuti di gioco.

Si prende la scena Ganeto che infila rapidamente 5 punti e firma il -2. Jesi ferma subito la partita con un timeout ma Ferrara rinvigorita riagguanta gli avversari a quota 76 dopo due solide difese.

Il fallo antisportivo sanzionato a Baldasso è l’occasione per superare. Campbell fa 1/2 dalla lunetta, confermando la brutta serata ai liberi degli estensi (17/27 alla fine), ma sufficiente per mettere la testa avanti.

Una tripla di Panni dal peso specifico enorme aumenta il margine, accompagnata dall’urlo liberatorio dei tifosi ferraresi. Il rientro in campo di Swann, a lungo in panchina con quattro falli, alimenta il coraggio dei bianco-azzurri, che trovano altri 3 punti, questa volta usciti dalle mani di Campbell (+8 Bondi al 37′).

Mascolo e Dillard frenano l’entusiasmo dei padroni di casa che si stabilizzano attorno alle 8 lunghezze di margine. I marchigiani devono tentare l’assalto nell’ultimo minuto. Baldasso segna per il -5 e Swann dalla lunetta rimette due possessi pieni di distacco. Con il recupero difensivo a poco più di 18 secondi sul cronometro Ferrara mette in ghiaccio la vittoria ma si gioca ancora per la differenza canestri. Molinaro schiaccia nuovamente il +8 ma il canestro all’ultimo secondo di Rinaldi vanifica il tutto lasciando la differenza invariata (Jesi aveva vinto di 6 punti all’andata) e un pizzico di delusione sulla partita.

La Bondi comunque vince 94 a 88 infilando la terza vittoria filata e centrando un altro importantissimo obiettivo in chiave salvezza.

 

 

Matteo Bellinazzi

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy