Cookie Policy

La Virtus cala il poker in Champions

by • 30 Ottobre 2018 • evidenza, TimeOut, Virtus BolognaComments (0)226

Basketball Champions League – 4^ giornata

Segafredo Virtus Bologna – Medi Bayreuth 74-67

 

I tabellini 

Virtus: Punter 13, Martin 11, Pajola, Taylor 13, Baldi Rossi 8, Cappelletti 2, Kravic 10, Aradori 6, Berti ne, Mbaye 10, Cournooh 2, Camara. All Sacripanti.

Bayreuth: Thomas 2, Robertson 12, Stockton 7, Doreth 3, Seiferth 11, Martin 10, Wachalski, Hrovat 4, Meisner 8, Dimec ne, Brooks. All Korner.

Parziali: 19-19; 34-31; 53-51

 

Quarta giornata di Champions League che vede la Virtus ospitare i tedeschi del Bayreuth nel più classico dei testa-coda. Infatti mentre la Virtus ha finora ottenuto 3 vittorie in altrettanti match, dall’altra parte i tedeschi sono ancora a secco nel girone. Bologna è reduce dalla pesante sconfitta casalinga contro Cremona e per questo la voglia di reagire è tanta.

Bologna parte con Taylor-Punter-Aradori-Mbaye-Kravic. L’inizio di partita è fatto di tanta confusione da entrambe le parti, con le Vu Nere che però sembrano più reattive sulle palle vaganti, mentre la fisicità dei tedeschi si vede a rimbalzo offensivo. Per i bavaresi il terminale offensivo è Hassan Martin, autore di 6 punti importanti per non far fuggire i padroni di casa. Kravic non sta certo a guardare e con due tap-in consecutivi fissa il 13-8 di metà primo quarto, permettendo così a coach Sacripanti di attingere presto dalla panchina per iniziare le rotazioni. L’aggressività non cala e i bianconeri approfittano del bonus conquistato per andare in lunetta. Aradori si sveglia, ma il primo quarto termina in parità a quota 19.

Nel secondo periodo la Virtus parte con una circolazione di palla di primissimo livello che permette a Kravic di realizzare due facili appoggi. In difesa i bolognesi cambiano su tutti i blocchi, ma sono bravi ad anticipare i lunghi nonostante lo svantaggio fisico, saturando quindi il gioco avversario. Finalmente Robertson alla terza occasione legge alla perfezione e si arma da 3 punti. Gli errori sotto le plance sono veramente tanti da entrambe le parti e questo a dimostrazione della partita maschia prevista da Sacripanti in fase di presentazione di gara. MBaye in questo clima ci va a nozze e infiamma l’ambiente con evidente trash talking dopo un fallo dubbio vistosi fischiare a sfavore. Tuttavia la Segafredo fatica offensivamente e il digiuno in attacco viene sbloccato solo nel finale da Punter, che manda tutti negli spogliatoi con il punteggio di 34-31.

Dopo un primo quarto a trazione offensiva e un secondo periodo più conservativo, la seconda parte di gara si apre con la Medi che pareggia e sorpassa 36-38. Ai liberi di Stockton risponde Taylor dalla lunga distanza. La Virtus esagera con le palle perse, ma finalmente si sblocca dalla lunga distanza Baldi Rossi. Punter dalla media distanza costringe i bavaresi al timeout sul 44-42. La musica però non cambia e Baldi Rossi ne scocca un’altra dalla lunga distanza e subito dopo l’appoggia  al vetro infiammando il pubblico del Paladozza. Due triple consecutive dei tedeschi però azzerano il gap.

Si entra nell’ultimo quarto con il tabellone che dice 53-51. La Medi prova la zona, ma la regia di Cappelletti è solida e la palla gira in fretta. La Segafredo dorme in difesa e concede due triple e un facile canestro con tanto spazio a Seiferth. Le due formazioni si alternano perfettamente e la parità si protrae a lungo. E’ Kevin Martin che prova a dare la zampata per allungare, con 7 punti nei primi 5 minuti. La scossa si trasmette a tutti i compagni e Kravic schiaccia dopo rimbazlo offensivo, siglando il +5 che costringe coach Korner alla sospensione. Al rientro in campo, dopo due minuti di nulla, la partita riprende con la stessa sinfonia dei minuti precedenti. La tripla di tabella di Punter è brutta ma importantissima per ottenere il +7 a 2 minuti dalla fine. I bavaresi frequentano ripetutamente la lunetta per cercare di tornare sotto. L’appoggio di Hrovat vale il -4 ospite con un minuto da giocare. La bomba di Mbaye allo scadere dei 24 secondi chiude la gara sul 74-67, liberando i cori di festa per i tifosi bianconeri.

In questo match la Virtus ha dominato il primo tempo, dove si è trovata sotto solo per i primi 18 secondi. Bayreuth ci prova nella ripresa e spaventa Bologna. Alla lunga però la miglior qualità dei padroni di casa si vede e le Vu Nere riescono così ad ottenere la quarta vittoria consecutiva.
Il prossimo impegno per la Segafredo è la complicata trasferta a Venezia, mentre in Champions il prossimo impegno è in casa del Besiktas il 7 Novembre.

 

Vittorio Scagliarini

foto: Virtus Pallacanestro Bologna

 

Iscriviti a  TimeOut Basketball e seguici su Facebook

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy