Cookie Policy

La Virtus fa il bis, al PalaDozza sconfitta la Torino di Larry Brown

by • 18 Novembre 2018 • evidenza, Virtus BolognaComments (0)145

Legabasket Serie A – 7^ giornata

Virtus Segafredo Bologna – Fiat Torino 82-79

(26-15, 44-42, 61-58)

 

I tabellini

Bologna: Punter 16, Pajola 3, Taylor To. 12, Baldi Rossi 5, Cappelletti 3, Kravic 8, Aradori 18, Berti ne, M’Baye 10, Cournooh 2, Qvale (K) 5. All. Sacripanti, 1° Ass. Griccioli, 2° Ass. Fedrigo

Torino: Wilson 9, Rudd 5, Anumba, Carr 15, Poeta (K) 15, Delfino 7, Cusin 8, Taylor Ty. 10, Jaiteh 10, Portannese, Stodo ne. All. Brown, 1° Ass. Galbiati, 2° Ass. Comazzi

Arbitri: Sardella G. (RN) – Paglialunga F. (TA) – Borgo C. (VI)

Segnapunti: Ferrarini M. (PR)

Cronometrista: Sandri F. (BO)

24 Secondi: Bertolini R. (RE)

Spettatori: 5000 ca.

 

18.11.2018, PalaDozza, Bologna (BO) – Si esalta Bologna, che centra la seconda vittoria casalinga di fila, battendo un’orgogliosa Torino che, trainata dall’eterno Poeta, arriva ad un passo dal colpaccio al Paladozza. Come solito, determinante la partenza sprint dei bianconeri, che dopo un primo quarto in controllo, subiscono il rientro dei piemontesi, capaci anche di mettere il naso davanti nel corso del terzo periodo.

Trascinante Aradori, Punter intermittente, Kravic più solido di Qvale, ma è tutta la gestione Sacripanti (che spreme fatturato anche da Cappelletti e Pajola) a dare solidità a questa squadra, capace di esaltare, sbagliare ma trovare nell’unità del gruppo un ottimo rimedio anche nei momenti più difficili.

Torino incappa nel secondo referto giallo consecutivo, il tiro di Delfino è l’immagine di una squadra arrivata corta, con qualche passaggio a vuoto di troppo, pur avendo in rosa giocatori di calibro come il capitano Poeta e un positivo Cusin.

La Virtus arriva con morale alla trasferta di Pesaro, formazione storica e di tradizione, contro cui confermare un buon momento di fiducia e profondità.

E in tutto questo manca – e molto – Martin.

 

La cronaca

Sbaglia M’Baye, Carr è impreciso in sospensione; Taylor To. attacca Poeta, ma è Aradori a fare il 2-0 a 8’45”. Cusin pareggia dall’angolo, Poeta fa 0/2 in lunetta; attacchi imprecisi, punteggio che stenta a decollare, ma Aradori e Punter fanno volare la Virtus sul 11-4, aprendo un parziale importante per Bologna. Ancora Punter, risponde Poeta con il 14-7 a metà quarto; Torino attacca con continuità, ma sbaglia con costanza, e ne approfittano Cappelletti e Aradori, per il 20-7 a 4’ su cui coach Brown chiama timeout. Punter ruba e schiaccia il 22-7, Wilson torna a muovere il tabellone gialloblù; sbaglia Baldi Rossi dall’angolo, la Virtus lotta bene con Qvale, che si prende il meritato riposo cambiando Kravic. Jaiteh corregge per il 22-13 a 1’42”. Ancora errore di Baldi Rossi, Carr ricuce fino a -6 prima del 4-0 a firma Aradori-Baldi Rossi, per il nuovo +11 Virtus, su cui si chiude il primo periodo.

Inizio a marchio Aradori: buona difesa su Rudd e canestro, seguito dal tap in di Baldi Rossi per il 30-15 bolognese; Delfino segna da sotto il 30-17, Bologna commette infrazione di 24” su azione troppo leziosa: ne approfitta Delfiino per il jumper del 30-19  7’30”. Tony Taylor non fa rimpiangere Aradori: tripla immediata e Virtus a +14, poi Punter spende fallo da tre su Carr: 3 su 3 per il -11 Torino; buona l’intesa fra Tony Taylor e Kravic (35-22), al canestro di Wilson risponde Punter da 3 (38-24). Fallo di M’Baye su Rudd, che segna entrambi i liberi e riporta Torino a -10 grazie al canestro di Carr; Brown si gioca Cusin per uno spento Rudd, Sacripanti ributta dentro Aradori, ma a segnare è Wilson, la cui tripla scrive 38-31 e timeout Virtus. Taylor rifiuta un tiro aperto, non ne approfitta Torino, mentre è bravo Cournooh ad attaccare il fondo per il 40-31; proprio Cournooh si vede comminato tecnico per proteste, ma Wilson sbaglia dalla lunetta. Segna Cusin nel traffico (40-33), che poi si ripete dall’angolo (40-35); M’Baye trova i primi 2 punti nel match, Tyshawn Taylor punisce la pigrizia difensiva di Bologna segnando il 42-37 in penetrazione: timeout Sacripanti e Virtus in evidente flessione senza Punter in campo. Qvale buca la zona proposta da coach Brown, M’Baye ruba ma non segna in contropiede, mentre Rudd sì: 2 su 2 e Torino a -5; non va il tiro di Cappelletti, mentre è l’ex Poeta a segnare la tripla che manda Torino al riposo con 2 soli punti di svantaggio.

Al rientro in campo subito errori per Carr e Aradori, con Brown a cavalcare Poeta e Cusin; Tony Taylor sblocca il punteggio, Torino prende tre rimbalzi consecutivi in attacco, andando a segnare con Poeta il 47-44 a 8’07”. Tony Taylor vuole accelerare ma sbaglia, Rudd non ci prende dalla lunga, mentre Qvale usa bene le finte e appoggia il +5. Wilson in solitaria tiene Torino a contatto, Poeta sfugge alla guardia di Tony Taylor e va in lunetta: 2 su 2 e -1 Fiat a 6’43”. Aradori torna a far respirare la Virtus (51-48), Punter prova a rimettersi in ritmo ma sbaglia,  favorendo la corsa di Torino e 2 punti di Jaiteh (51-50). M’Baye si mette in proprio, ma il problema rimane a rimbalzo, con Qvale sovrastato dal #16 ospite; Rudd ci prova dalla lunga, Qvale lotta a rimbalzo e mantiene il possesso. Punter è spaesato, entrambe le squadre giocano male, ma è Torino che trova con Jaiteh il primo vantaggio a 13’20” dalla fine; M’Baye fa 2+1 per il 56-54, Sacripanti indovina la carta Pajola, che aiuta i lunghi a rimbalzo e recupera palla contro Rudd, per poi segnare la tripla del 59-54 a 1’43”. Carr segna, ma Taylor corre con Kravic a cui serve la schiacciata del 61-56; Jaiteh si fa trovare pronto sulla rimessa per il canestro del 61-58, punteggio su cui si chiude il terzo periodo.

Ultimo quarto che inizia con Pajola in campo per la Virtus, assistito da Taylor, mentre prolunga il suo riposo Punter; palla persa di Pajola, che lancia il contropiede di Tysahwn Taylor, prima che l’altro Taylor segni da 3 il +4 bianconero. Torino sparacchia, Kravic strappa il rimbalzo e permette ai suoi di ripartire, con Baldi Rossi ad attaccare bene Rudd: 1 su 2 e +5 Virtus a 8’15”. Fallo in attacco Torino, per la Virtus torna Punter, ma è Kravic a segnare prima di Carr (67-62); Torino vive dei lampi dei singoli, mentre Bologna attacca con più pazienza la difesa ospite, gudagnandosi la lunetta con Punter: 2 su 2 e +7 Virtus a 6’50” dal termine. Delfino punisce dalla distanza (69-65), così come Punter dopo un primo tentativo sfortunato, per il 72-65 a 5’55”. Persa sanguinosa di Pajola, Tyshawn Taylor appoggia indisturbato il -5; Kravic si guadagna la lunetta e fa +7 Virtus a metà periodo, ma Cusin si muove bene e schiaccia il 74-69 a 4’23”. Torna Aradori per Pajola, Kravic sbaglia a fil di sirena, ed è Poeta con due canestri di fila a riportare Torino a contatto, sul 74-73 a 3’24” dalla fine. Infrazione di passi M’Baye, Torino non approfitta dei numerosi rimbalzi in attacco, mentre è bravo Aradori a guadagnarsi la lunetta con 2’18 da giocare: 1 su 2, ma M’Baye taglia fuori e conquista il rimbalzo per andare a tirare altri due personali (77-73) a 2’11”. Torna Cusin, ma è Carr a rimanere un’incognita per la difesa bianconera; Wilson prova l’isolamento, M’Baye conquista il rimbalzo e torna in lunetta per il fallo di Tyshawn Taylor: 1 su 2 e +3 Virtus a 1’29” dal termine. Torino non crea più nulla, la Virtus ha speso solo 3 falli e può controllare, ma ci pensa Tony Taylor a segnare la tripla dell’81-77; Carr ricuce, Aradori in lunetta con 8”: 1 su 2 e fallo con 5” da giocare, sul punteggio di 82-79 per Bologna. Torino gioca la rimessa per Delfino dall’angolo, che sbaglia e permette a Bologna di vincere con il punteggio di 82-79.

 

(Foto: Virtus Segafredo Bologna)

 

Lorenzo Gualandi

 

 

Iscriviti a Timeout Basketball

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy