Cookie Policy
Rapsody - Laila's Wisdom

Laila’s Wisdom – Rapsody

by • 23 Novembre 2017 • ConcretaMusic, evidenza, newsComments (0)438

Probabilmente molti di voi non hanno mai sentito parlare di Rapsody, una rapper originaria della North Carolina,  eppure sono certo che dopo aver ascoltato questo disco ve ne ricorderete a lungo.

Laila’s Wisdom, uscito per Jamla Records il 22 Settembre, è il disco della maturità.
Dopo svariati mixtape ed un solo album ufficiale (risalente al 2012), Rapsody riesce finalmente ad unire in maniera sublime la forza e la dolcezza di una donna afroamericana, i suoni e le liriche si completano in maniera naturale e coinvolgono l’ascoltatore, cullandolo.

Il titolo è infatti un tributo a ciò che sua nonna ha rappresentato per lei e a tutto ciò che le ha tramandato, la saggezza di Laila non è un semplice album ma anche una “raccolta” di consigli, pensieri, ricordi e desideri, la musica è utilizzata come veicolo di condivisione e trasuda tutta la passione che i testi esprimono in parole.

Rispetto ai suoi lavori passati, a mio parere, da questo punto di vista ci sono stati enormi passi avanti, ascoltandola mi è sempre parso che mancasse quel qualcosa in più, in questo disco invece è tutto al posto giusto, dal primo all’ultimo secondo il tappeto musicale ti trascina dentro ad un vortice di energia, suoni dolci e ruvidi si alternano risultando sempre omogenei, la cura del suono è veramente impressionante, la scelta di aggiungere spesso voci femminili secondarie crea un atmosfera unica e perfetta per il suo stile, anche le collaborazioni sono molto azzeccate, in particolare:
Kendrick Lamar in Power assieme a Lance Skiiwalker;

Anderson Paak in OooWee e in Nobody assieme a Black Thought e Moonchild;
Bj The Chicago Kid in Black&Ugly e Knock On My Door;
Busta Rhymes in You Should Know;
GQ in Ridin.

Il team di produzione è interno al SoulCouncil, infatti le produzioni sono per la maggior parte di 9thWonder che a mio modo di vedere si è superato nel dare un mood unico a questo disco, la title track è prodotta da Nottz mentre un paio di altre tracce sono prodotte da Khrysis, sono stato molto contento di vedere anche Eric G tra i produttori che regala al disco una strumentale perfetta per ballare o per “far muovere i c*li” come direbbero loro.

Ridurre questo disco ad un semplice disco rap sarebbe riduttivo, la musicalità è sicuramente il punto forte che emerge ad un primo ascolto eppure non è certo la parte più importante, le canzoni sono godibili anche da chi non è amante del genere mantenendo uno spessore lirico sempre più difficile da trovare di questi tempi.

Per concludere consiglio caldamente di ascoltare questo disco, perché è bello, perché è musica piena di passione (e si sente), anche se non siete appassionati di rap.

Voto: 4,5/5.

 

Gianluca Solinas

 

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy