Cookie Policy

Modena, a Crema non basta Sansovini (1-1). La Pergolettese allunga a +6

by • 17 Febbraio 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafcComments (0)116

Il Modena rallenta nuovamente il proprio passo in trasferta, venendo fermato sull’1-1 dal Crema e vedendo allontanarsi la vetta della classifica, ora distante ben 6 punti, complice la contemporanea vittoria della Pergolettese sul campo dell’Axys Zola (0-1). Dopo un buon avvio dei canarini, il Crema passa in vantaggio al 23′, al primo tiro in porta, con Ganci. Il Modena risponde al 37′ con Sansovini, su sponda di Ferrario, ma nella ripresa i gialli calano notevolmente e non riescono a trovare la rete del sorpasso. A completare la giornata storna, gli uomini di Bollini terminano la gara in dieci a causa dell’espulsione al 78′, per doppia ammonizione, di Cortinovis.

 

 

CREMA-MODENA 1-1

Reti: 23′ Ganci (C), 37′ Sansovini (M).

CREMA (4-4-2): Marenco; Matei, De Angeli, Scietti, Porcino; Pagano, Radrezza, Guercio (92′ Campisi), Cesari (94′ Anastasia); Ferrari, Ganci (79′ Magrin). A disposizione: Simonetti, Colombini, Di Stefano, Cazè, Grassi, D’Apollonia. Allenatore: Marius Stankevicius.

MODENA (4-3-3): Piras; Cortinovis, Gozzi, Dierna, Perna; Messori, Loviso (82′ Ndoj), Bellini (69′ Spaviero); Sansovini (69′ Boscolo Papo), Ferrario (84′ Ferretti), Montella (57′ Letizia). A disposizione: Dieye, Zanoni, Di Giorno, Calamai. Allenatore: Alberto Bollini.

Arbitro: Sig. Frascaro di Firenze (Assistenti: D’Ilario-Mattera).

Note: Ammoniti: Matei (C), Messori (M), Porcino (C), Gozzi (M). Espulso al 78′ Cortinovis (M) per doppia ammonizione.

 

 

La partita

Mister Bollini propone, per la gara contro il Crema, due novità nel 4-3-3 del Modena rispetto alla vittoriosa gara casalinga contro l’Axys Zola: lo squalificato Falanelli viene sostituito nel tridente offensivo, completato da Ferrario e Sansovini, dal rientrante Montella, mentre a centrocampo, per riequilibrare il numero degli under, Bellini prende il posto di Calamai e, insieme a Messori, affianca il regista Loviso. Dietro, confermato nel ruolo di terzino sinistro capitan Perna, Gozzi e Dierna formano la coppia di centrali, mentre Cortinovis completa la retroguardia a protezione di Piras. Il Crema di mister Stankevicius risponde con un 4-4-2 in cui la coppia d’attacco è formata dagli esperti Ferrari (ex della gara) e Ganci.

Allo stadio Voltini di Crema, sono gli ospiti a partire meglio, prendendo nelle proprie mani il pallino del gioco fin dai primi minuti e sfiorando in diverse occasioni il gol del vantaggio. Dierna si rende pericoloso due volte su calcio piazzato: prima, al 9′, calcia al volo sul primo palo, mandando di poco a lato, poi, al 16′, sbaglia un facile tap-in su punizione di Loviso respinta in malo modo dal portiere di casa Marenco. Tra le due occasioni del centrale siciliano c’è spazio per una conclusione dal limite di Sansovini, che, ben imbeccato da Bellini su sponda di Ferrario, spara alto da buona posizione. Il Modena crea occasioni, ma manca di cinismo, e il Crema lo punisce alla prima occasione utile: al 23′, Ganci libera un destro dalla distanza, che non lascia scampo a Piras, portando in vantaggio i lombardi. I canarini sembrano accusare il colpo, quando,, tre minuti più tardi, il Crema va vicino al raddoppio con una conclusione da lontano di Radrezza, che lambisce il palo alla destra di Piras, ma al 37′ arriva il meritato pareggio: su cross dalla destra di Messori, Ferrario fa da sponda per Sansovini, che calcia al volo di sinistro battendo Marenco. Sulla scia del gol del pareggio, al 41′, Sansovini calcia direttamente in porta su punizione dalla destra, colpendo il palo esterno alla sinistra del portiere ospite.

Dopo un primo tempo ben giocato e ricco di occasioni da gol, il Modena scompare nella ripresa, non riuscendo più a rendersi pericoloso dalle parti dell’area di rigore dei padroni di casa. Il Crema prova, così a prendere campo e a imporre il proprio gioco, mentre i canarini sembrano in calo dal punto di vista fisico fin dai primi minuti del secondo tempo. Bollini prova a inserire forze fresche, mandando in campo prima Letizia per Montella e poi Spaviero e Boscolo Papo per Sansovini e Bellini. A rendersi pericoloso al 61′ è, però, il Crema: il solito Ganci, su punizione, trova la pronta risposta di Piras. Al 78′, per il Modena le cose si fanno ancora più difficili: Cortinovis, già ammonito, sbaglia lo stop ed entra duramente su un avversario, rimediando il secondo giallo e lasciando, così, in dieci i suoi compagni. Bollini decide allora di inserire Ndoj per Loviso per rinforzare la linea arretrata, ma all’83’ c’è ancora un’occasione per il Crema: Radrezza viene lanciato in contropiede a tu per tu con Piras, molto bravo nell’occasione a uscire e a fermare l’avversario. Nel finale c’è spazio anche per Ferretti, che prende il posto di Ferrario, ma a sfiorare il gol è nuovamente il Crema, con la conclusione di Ferrari in diagonale, che viene respinta da Piras all’88’.

La gara termina, così, sul punteggio di 1-1 e i canarini, complice la vittoria della Pergolettese sul campo dell’Axys Zola, vedono allontanarsi la vetta della classifica, ora distante ben 6 lunghezze.

 

 

Simone Guandalini

Foto: modenacalcio.com

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy