Cookie Policy
Bollini

Modena-Adrense 1-0, il post-partita con Bollini, Montella, Perna e Piras

by • 18 Aprile 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafcComments (0)61

Al termine di Modena-Adrense 1-0, decisa dal gol di Montella nella ripresa, gli allenatori delle due squadre, Alberto Bollini e Sergio Volpi, e i giocatori canarini Montella, Piras e Perna hanno commentato il match appena concluso.

Queste le loro parole:

Alberto Bollini, allenatore Modena: “Da quando sono arrivato, abbiamo sempre dovuto vincere ogni partita. Fa parte del mestiere, ma fa piacere aver vinto oggi per questo meraviglioso pubblico, che ci ha sostenuto anche in un giorno di lavoro. Voglio fare un ringraziamento speciale al popolo gialloblù. Alla squadra le tabelle non facevano bene. A calcio si gioca coi piedi e con la testa, in queste settimane abbiamo fatto un grande lavoro di gestione dei ragazzi. Volevamo arrivare allo scontro diretto rosicchiando punti, ma la gara di oggi non era semplice. Abbiamo giocato con la testa, anche se nel primo tempo non siamo stati perfetti dietro. Abbiamo creato tante occasioni e nel primo tempo ci è mancato solo il gol, che abbiamo trovato nella ripresa, quando siamo stati più attenti in fase difensiva. Abbiamo vinto meritatamente. Diffidati? I centrali sono stati bravi, ho gestito Loviso anche per problemi fisici. Rabiu ha bisogno di continuità e tranquillità. Gli servono affetto e di insegnamento Ferrario e Ferretti? Serviranno valutazioni nelle prossime 48 ore. Ferrario aveva i crampi, ha chiesto lui il cambio. Cortinovis? Ha avuto qualche problema a livello psicologico dopo gli errori commessi, ma ho sempre creduto nelle sue potenzialità. Pergolettese? Dobbiamo avere entusiasmo e lucidità per vivere la partita insieme al nostro pubblico. Dobbiamo recuperare gli acciaccati con la consapevolezza che affronteremo una gara determinante per il nostro futuro.”

Sergio Volpi, allenatore Adrense: “Nel primo tempo potevamo sfruttare meglio qualche occasione, anche se il Modena poteva segnare in più circostanze. Noi abbiamo provato a fare la nostra partita, ma non è facile in casa del Modena. Proteste sul gol del Modena? Era da due minuti che chiedevo il cambio e l’arbitro non ce l’ha concesso, quindi mi sono arrabbiato. Meritiamo più rispetto. Modena? Io guardo a casa mia, il Modena era la squadra favorita a inizio campionato. Credo che la gara contro la Pergolettese sarà una bellissima partita, dura e maschia, che si deciderà con gli episodi. Ci sarà una bella cornice di pubblico. Loviso? Ha sempre fatto categorie superiori. Ha grandi qualità, anche a 34 anni può ancora dire molto, ha piede ed esperienza. E’ un giocatore che non si discute, come altri del Modena, che in questa categoria fanno la differenza.”

Antonio Montella: “Finalmente mi sono sbloccato in casa. Ogni attaccante ha piacere di segnare, poi in questo stadio è speciale farlo. Oggi il mio gol ha anche dato la possibilità alla squadra di recuperare punti sulla Pergolettese e crederci fino alla fine. Gol sbagliati? Un’occasione mi è capitata sul destro che non è il mio piede, nell’altra occasione mi sono disperato, ma nel calcio c’è sempre un’altra occasione e sono contento di aver trovato la zampata giusta. Fine partita? Abbiamo saputo della sconfitta della Pergolettese, è stato un momento intimo per gioire dei punti rosicchiati alla Pergolettese. Eravamo consapevoli di poter guadagnare punti vincendo. Il nostro destino è di nuovo nelle nostre mani.”

Armando Perna: “E’ importante essere arrivati allo scontro diretto a tre punti di distanza dalla Pergolettese. Siamo stati bravi ad alzare la testa dopo la sconfitta contro il Classe. A Crema sarà come giocare in casa, oggi il pubblico lo ha confermato. Oggi avevamo l’obbligo di vincere, c’era un po’ di tensione e nel primo tempo abbiamo rischiato qualcosa. Dopo ci siamo chiusi bene. La forza di questo gruppo sta nel fatto che tutti abbiamo sempre dato il massimo. Tutti si sono sempre fatti trovare pronti, anche dopo partite in tribuna. Pergolettese? Nessuno sbaglierà la preparazione di questa partita, è una gara troppo importante, non possiamo lasciare nemmeno una virgola. Dobbiamo andare a Crema a fare il Modena, quello dell’andata e della rimonta di queste giornate. Ci alleneremo forte, non vogliamo farci trovare impreparati. Siamo in debito con la società e con la piazza. Domenica prossima potremo pareggiare questo debito e fare loro un regalo in campo.”

Mattia Piras: “In queste partite stanno capitando poche occasioni avversarie, stiamo lavorando bene in fase difensiva. Io cerco di farmi trovare pronto in ogni occasione. Noi abbiamo sempre creduto nell’obiettivo che volevamo raggiungere e non abbiamo mai mollato neanche nelle situazioni più difficili, a maggior ragione ci crediamo adesso. Non ho mai giocato una partita di questa importanza in carriera. Se continuiamo ad allenarci in questo modo, non avremo difficoltà ad appocciare alla gara di Crema”

 

 

Simone Guandalini

Foto: modenacalcio.com

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy