Privacy Policy

Modena, Capuano: “Giocare a Forlì sconfitta per tutti. In campo sputeremo sangue”

by • 3 settembre 2017 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafc, newsComments (0)257

Terminato il calcio-mercato, con gli arrivi di Sosa, Carraro e Maritato nella serata di giovedì, a poche ore dal gong,  per il Modena è finalmente tempo di pensare al campo; è, infatti,  in programma per domani pomeriggio, alle ore 16.30, allo stadio Morgagni di Forlì, causa l’indisponibilità del Braglia, la difficile gara contro il Vicenza, valevole per la seconda giornata di campionato.

Proprio dal tema stadio è partito Ezio Capuano, tecnico dei canarini, nel presentare la gara contro i biancorossi nella consueta conferenza stampa della vigilia: “Il fatto che la partita di domani si disputi a Forlì è una sconfitta per tutte le parti in causa; è una sconfitta di Modena e una bruttissima pagina per lo sport modenese. Per noi è un grande rammarico non poter iniziare questa stagione davanti ai nostri tifosi; lo dico da persona appassionata di questo sport, che cerca sempre di ottenere ciò che va a vantaggio del popolo. Detto questo, noi cercheremo di rappresentare al meglio la città di Modena e per questo sputeremo sangue.”

Alle difficoltà legate allo stadio, che di fatto obbligheranno il Modena a giocare nuovamente in trasferta dopo l’esordio di San Benedetto del Tronto, si vanno ad unire quelle legate all’avversario; il Vicenza, infatti, è sicuramente tra le squadre favorite per la promozione in Serie B e ha iniziato la stagione nel migliore dei modi, sconfiggendo per 3-0 il Gubbio nell’esordio casalingo: “Quella di domani sarà una partita difficilissima; giocheremo contro quella che, a mio parere, è una delle squadre più forti di tutti e tre i gironi della Serie C. Noi cercheremo di scendere in campo con la solita determinazione; metteremo in campo il cuore e l’orgoglio per sopperire a una miriade di difficoltà. Ritengo che quella che abbiamo costruito sia una squadra importante, che, però, ha bisogno di tempo per conoscersi e per migliorare a livello fisico, visto che tanti giocatori sono arrivati da poco. Tra un mese vedremo il vero Modena e ce la potremo giocare contro chiunque. “

Mister Capuano, in seguito all’addio del d.s Pavarese, si è dovuto occupare, nel mese di agosto, oltre che della preparazione della squadra, anche delle trattative di mercato: “Ci tengo a ringraziare tutti i calciatori che hanno deciso di venire a Modena; i ragazzi mi hanno commosso accettando di fare parte di questo progetto. Questo vuol dire che sia io che Modena abbiamo ancora credibilità, anche se un tempo venire a giocare qua era un privilegio, mentre in questo mercato abbiamo ricevuto tanti rifiuti. Ha aiutato la grande tradizione calcistica di questa città, ma ringrazio anche la proprietà, che mi ha permesso si portare a termine queste operazioni. Abbiamo fatto un mercato molto intelligente, senza spese folli, con un ottimo rapporto qualità-prezzo. I giocatori arrivati giovedì sono disponibili, ma deciderò domani se farli giocare dall’inizio oppure no. Carraro? Era uno dei prospetti più importanti del calcio italiano; è un ragazzo intelligente, che io vedo nel ruolo di regista davanti alla difesa. Oltre che essere un giocatore di qualità, sa aggredire in modo efficace gli avversari e, inoltre, può giocare anche sulla trequarti. I giocatori fuori rosa? Abbiamo dovuto fare delle scelte perchè potevamo inserire un numero limitato di giocatori in lista; qualcuno non era convinto del progetto e ha preferito tirarsi fuori, ma non è stata colpa mia. Abbiamo deciso di tenere un posto in lista, perchè forse opereremo sul mercato degli svincolati per prendere un esterno destro che possa sostituire Calapai in caso di necessità.”

Venerdì avevano fatto scalpore le dichiarazioni del d.s. della Reggiana, Magalini, che, a proposito del mercato del Modena, insinuava che i calciatori canarini potessero essere pagati sotto-banco. Capuano ci tiene a precisare, nonostante le scuse arrivate dalla società granata: “Sono rimasto basito dalle dichiarazioni del d.s. della Reggiana; non voglio ribattere, ma ci tengo a dire che, innanzitutto, bisognerebbe guardare in casa propria, perchè chi pensa certe cose probabilmente le ha fatte in passato. Quello che ha detto mi rattrista per i ragazzi che sono venuti qua, perchè è un’offesa alla loro dignità e al loro nome.”

 

Simone Guandalini

Foto: www.modenafc.net

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this pageEmail this to someone
©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy