Cookie Policy
Ferrario Fiorenzuola-Modena

Modena corsaro a Fiorenzuola (0-3): la Pergolettese rimane a +3

by • 3 Marzo 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafcComments (0)84

Il Modena ritrova il successo esterno, battendo per 0-3 il Fiorenzuola, grazie alle reti nella ripresa di Duca e Ferrario (doppietta). I canarini giocano in superiorità numerica dal 18′ del primo tempo per l’espulsione di Corbari per fallo da ultimo uomo su Spaviero. A causa del contemporaneo successo della Pergolettese nel derby contro il Fanfulla (2-1), però, i gialli rimangono a -3 dai lombardi in classifica. La settimana prossima la Serie D vivrà un turno di pausa; il Modena tornerà in campo domenica 17 marzo, al Braglia, contro il Classe.

 

FIORENZUOLA-MODENA 0-3

Reti: 59′ Duca, 72′, 85′ Ferrario.

FIORENZUOLA (4-3-3): Libertazzi; Bedino (65′ Colantonio), Bruzzone, Corbari, Guglieri; Zaccariello, Bouhali (77′ Contini), Tunesi (70′ Matera); Saporetti (22′ Varoli), Kacorri, Anastasia (84′ Cosi). A disposizione: D’Apolito, Davighi, Saia, Rivi. Allenatore: Lucio Brando.

MODENA (4-3-3): Piras; Ndoj, Gozzi, Perna, Berni; Rabiu (86′ Messori), Loviso (88′ Boscolo Papo), Calamai (56′ Duca); Sansovini (68′ Montella), Ferrario (88′ Letizia), Spaviero. A disposizione: Dieye, Cortinovis, Bellini, Ferretti. Allenatore: Alberto Bollini.

Arbitro: Sig. Galipò di Firenze (Assistenti: Paggiola-Mari).

Note: Ammoniti: Zaccariello (F), Colantonio (F), Ferrario (M). Espulso al 18′ Corbari (F) per fallo da ultimo uomo.

 

La partita

Per la trasferta di Fiorenzuola, Bollini conferma l’11 che ha battuto il Fanfulla al Braglia domenica scorsa, con l’eccezione della presenza di Berni al posto di Dierna, nemmeno in panchina, probabilmente per un problema fisico delle ultime ore. Nel consueto 4-3-3, Perna ritorna al suo ruolo di centrale affiancando Gozzi davanti a Piras, mentre Ndoj e Berni si posizionano sulle corsie laterali. Loviso gioca davanti alla difesa, supportato dalle mezzali Rabiu e Calamai, mentre in avanti bomber Ferrario può contare sull’aiuto degli esterni Sansovini e Spaviero. Il Fiorenzuola si presenta con un modulo speculare, in cui il tridente è formato dalla punta Kacorri e dalle ali Saporetti e Anastasia.

Allo stadio Pavesi, su un campo in pessime condizioni, che limita la qualità delle giocate, partono bene gli ospiti: al 3′, Loviso calcia in porta direttamente da punizione, ma trova la respinta di Libertazzi. Il Fiorenzuola risponde al 13′, quando Piras esce a vuoto su un lancio da lontano e Saporetti lo salta, ma spara alto da ottima posizione. Al 18′ arriva l’episodio che indirizza la gara verso la squadra di Bollini: Calamai serve Spaviero in profondità, il giovane classe ’99 punta la porta, ma viene steso al limite dell’area da Corbari, espulso per fallo da ultimo uomo. Il Modena prova a sfruttare la superiorità numerica e a chiudere i padroni di casa nella propria metà-campo e al 33′ è ancora Spaviero, tra i migliori nel primo tempo a centrare la traversa su cross di Calamai dalla sinistra. Sul finire di tempo, altre due occasioni per i giallo: al 43′, è il solito Spaviero a calciare in porta e a trovare la risposta di Libertazzi, mentre, due minuti più tardi, tocca a Sansovini impegnare il portiere di casa su calcio piazzato dal vertice sinistro dell’area di rigore.

Nella ripresa, il Modena continua a spingere alla ricerca del vantaggio, mentre il Fiorenzuola fatica sempre più ad uscire dalla propria metà-campo. Al 56′, Bollini si gioca la carta Duca al posto di Calamai, e, tre minuti più tardi, la sua scelta viene premiata dal centrocampista ex Pavia: Rabiu serve Duca in profondità con un delizioso tocco di esterno e il numero 20 gialloblù supera Libertazzi con un morbido pallonetto che porta in vantaggio il Modena. I canarini continuano a spingere sull’onda dell’entusiasmo e, al 66′, è Sansovini, prima di lasciare il posto a Montella, a sfiorare lo 0-2 in contropiede, ma la sua conclusione su sponda di Ferrario, viene respinta dall’ottimo Libertazzi. Negli ultimi venti minuti si scatena Ferrario, che firma una doppietta, raggiungendo quota 20 reti in campionato e superando quota 100 gol in carriera in Serie D: prima, al 72′, Montella ruba palla sulla trequarti e Spaviero serve il numero 9 canarino, che di sinistro batte Libertazzi, poi, all’85’, è ancora Rabiu, tornato sui livelli di inizio stagione, a servire in profondità Ferrario, che, sempre di mancino, trova il diagonale dello 0-3. Nel finale, Bollini concede la standing ovation al bomber canarino e a Loviso, che lasciano spazio a Letizia e Boscolo Papo per gli ultimi minuti.

Il Modena porta, così, a casa un importante successo esterno, ma rimane a -3 dalla Pergolettese, vittoriosa sul campo del Fanfulla.

 

 

 

Simone Guandalini

Foto: modenacalcio.com

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy