Cookie Policy

Modena, il D.s. Tosi: “La settimana più delicata da quando sono tornato”

by • 17 Agosto 2018 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafcComments (0)681

È stata una settimana molto calda, quella vissuta dalla dirigenza del Modena F.C. 2018. Prima, a sorpresa, la notizia improvvisa dell’addio dell’esperto difensore Luca Cacioli, poi, nella giornata di ieri, la scoperta che l’attaccante Carlo Emanuele Ferrario era ancora sotto contratto con la Pergolettese, che ha diffidato la società canarina dal farlo allenare agli ordini di mister Apolloni. In precedenza, poi, la decisione della punta Brega di lasciare la squadra per problemi familiari e la scelta della società di non confermare i giovani Martorel e Favre.

Per parlare della situazione in casa gialloblù e presentare la gara di domenica contro il Mezzolara, valida per il turno preliminare della Coppa Italia Serie D, il D.s. Doriano Tosi e mister Apolloni hanno tenuto una conferenza stampa nel pomeriggio.

Queste le loro parole:

Doriano Tosi D.s. Modena F.C. 2018: “Da quando sono tornato qua, questo è uno dei momenti più delicati, stanno accadendo cose un po’ strane. Questo produce nella tifoseria un po’ di dubbi e di scoramento, perché, vista da fuori, sembra che i giocatori vogliano andare via da Modena.

Per quanto riguarda l’addio di Brega, per noi è stata una sorpresa, inaspettata e imprevedibile, avvenuta per motivi familiari riservati; in questa situazione siamo stati sfortunati. Poi, sono andati via due giovani, Favre e Martorel; avevo detto già prima del ritiro che alcuni ragazzi erano in prova e sarebbero stati valutati. Avevamo più di 30 giocatori, era previsto che qualcuno non rimanesse.

La vera sorpresa è stata l’addio di Cacioli, bisognerebbe chiedere a lui cosa è successo. Un calciatore che era venuto a Modena di corsa per ripetere quanto fatto a Parma ed essere la chioccia per giovani, che aveva addirittura preso casa in centro a Modena, poi ha chiesto di andarsene perché aveva una prospettiva di vita importante che non poteva rifiutare. Dobbiamo chiedere a Cacioli perché le tante stette di mano che ci siamo scambiati per lui non sono valse. Ci siamo tutti fidati di lui, è stata una grossa sorpresa. Come Brega, comunque, verrà sostituito adeguatamente, penso anche con giocatori più forti. La prossima settimana arriveranno una punta e un difensore.

In questo contesto, già complicato, ci è capitato il problema di Ferrario; per nostra sfortuna abbiamo avuto accesso al sistema informatico della federazione solo il 13 agosto. In quel momento abbiamo saputo che Ferrario, al contrario di quanto mi aveva garantito a precisa richiesta, era ancora sotto contratto con la Pergolettese. Abbiamo subito cercato di abbassare i toni con la Pergolettese e abbiamo lasciato a lui e al suo procuratore il compito di svincolarsi, quando avverrà noi lo aspettiamo a braccia aperte. Era un rapporto tra di loro, lui è il suo agente non hanno fatto richiesta di svincolo, il Modena centra poco; al momento Ferrario è una persona distrutta moralmente, gli è stato vietato di allenarsi con noi. Ci vorrà almeno una settimana, poi lui è squalificato per la prima di campionato, per cui non lo vedremo a Modena prima del 9 settembre, ma ho abbastanza fiducia.

Mercato? Mi dispiace che oggi non possiamo più accedere a giocatori di Serie D, perché i più bravi si sono già accasati; per cui dobbiamo accedere a un mondo più complesso, quello dei professionisti, dove le trattative sono molto più lunghe e complesse. Se saremo bravi e fortunati a superare il Mezzolara, già dalla partita in casa contro il Fiorenzuola potremmo essere a posto a livello di organico. Cercheremo anche un portiere giovane in più. Chi arriverà a Modena prossima settimana sarà di valore superiore a quello che c’era.”

 

Luigi Apolloni, allenatore Modena F.C. 2018: “La società mi ha messo a disposizione una rosa molto ampia; nonostante qualche defezione, ho altrettante cartucce importanti, che hanno dei valori. In questo momento chi è andato via non mi interessa, adesso penso a chi è rimasto, perché tutti i ragazzi hanno le caratteristiche giuste per affrontare il Mezzolara. Quella di Budrio sarà una partita insidiosa, perché noi conosciamo poco di loro; sappiamo che si esaltano nelle partite importanti e che avranno altissime motivazioni, come noi, perché indossiamo una maglia importante e finalmente iniziamo a fare sul serio. La cosa che mi fa stare tranquillo è l’aver visto una squadra attiva e viva anche senza gli elementi persi.

I disponibili? Anche Laura ha recuperato, adesso tutti i giocatori sono a disposizione per la partita di domenica.

Modulo? A grandi linee ho deciso, potremmo anche cambiare in corsa; contro il Castelfranco ho provato qualcosa di diverso e ci sono state risposte positive.

Mercato? Sono proiettato esclusivamente sulla gara di domenica; non voglio distrazioni dalle voci di mercato, dopo la partita mi confronterò col direttore e vedremo cosa manca per completare la rosa.

Condizione fisica? Il test contro il Castelfranco è stato importante anche per dare minutaggio ai ragazzi; la percentuale di forma è alta, ci siamo allenati sempre al massimo, chiaramente non siamo al top, ma è normale in questo periodo.”

 

 

Simone Guandalini

Foto: www.concretamentesassuolo.it

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy