Cookie Policy
Bollini

Modena-Mezzolara 3-0, il post-partita con Bollini, Falanelli, Ferretti e Sansovini

by • 27 Gennaio 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafcComments (0)71

Al termine di Modena-Mezzolara, finita 3-0 con le reti di Sansovini, Ferrario e Ferretti, i tecnici delle due squadre, Alberto Bollini e Romulo Togni, oltre ai giocatori canarini Andrea Falanelli, Marco Sansovini e Gustavo Ferretti hanno commentato il match appena concluso.

Queste le loro parole:

Alberto Bollini, allenatore Modena: “Dobbiamo stare con i piedi per terra nonostante la vittoria e i complimenti. Abbiamo visto nel primo tempo la difficoltà di questo campionato. Oggi siamo stati un po’ imprecisi e frettolosi nel gioco offensivo nella prima frazione. Il Mezzolara, poi, ha fatto un’ottima gara difensiva mettendoci in difficoltà, soprattutto sui fuorigioco. Gli avversari, comunque, non hanno fatto un tiro in porta. Nella ripresa abbiamo sbagliato il rigore, ma abbiamo reagito bene a livello psicologico e siamo riusciti a sbloccare la gara. Quel gol è stato determinante per il gruppo. Intervallo? L’allenatore deve essere molto lucido. Ho detto di cambiare il tipo di giocate. Avevamo preventivato il cambio di modulo per sfruttare al massimo le potenzialità della squadra. Ferrario-Ferretti? Con l’avversario in dieci non è cambiato molto a livello difensivo. Ho messo Ferretti per lavorare di sponda per Ferrario e per gli esterni. Serve equilibrio per giocare in questo modo. Pergolettese? Dobbiamo pensare solo a noi stessi. Sono soddisfatto dello spirito di gruppo dimostrato oggi. Guarderemo la classifica a fine campionato. Condizione fisica? Ho fatto colloqui individuali con i ragazzi. Adesso stiamo monitorando i ragazzi con il gps e stiamo lavorando anche sulla prevenzione. I ragazzi dicono che è aumentato il volume e anche l’intensità rispetto a prima. Rabiu? I ragazzi giovani si lasciano andare facilmente agli eventi della gara.”

Romulo Togni, allenatore Mezzolara: “Oggi ho visto un Modena con idee diverse col nuovo mister, rispetto alla gara di andata e a quella di Coppa Italia: cercava sempre la verticalizzazione sugli esterni per trovare poi al centro Ferrario. Poi, il Modena adesso è molto più quadrato difensivamente. Arbitro? Per me non c’era l’espulsione in occasione del rigore. Forse Mutti non era l’ultimo uomo, è stato un episodio dubbio. A volte serve una lettura migliore del valore di una partita da parte dell’arbitro. Dopo l’espulsione la partita è finita.”

Andrea Falanelli: “Appena entrato ho cercato di fare ciò che mi ha chiesto il mister. Nuovo mister? Quando si cambia mister, tutti tornano in gioco. Io spero di essere utilizzato di più, mi impegno in allenamento. Ruolo? Nasco come trequartista, ma ho fatto anche la mezzala e la seconda punta; sono disposto ad adattarmi. Braglia? E’ stata un’emozione particolare, non capita tutti i giorni. Ho cercato di fare il meglio possibile per soddisfare questo pubblico.”

Gustavo Ferretti: “Gol sotto la curva Montagnani? E’ stato bellissimo, lo aspettavo dall’errore dal dischetto alla prima giornata. E’ stata un’emozione molto grande, per l’attaccante segnare è sempre molto importante. Ci sono annate in cui sei protagoniste e altre in cui lo sei meno; mi sto adattando a fare la riserva. Non è facile, ma quando c’è un gruppo del genere con giocatori che davanti segnano, può capitare. Io sto cercando di usare la mia esperienza per dare il mio contributo. Gol? C’è stato un colpo di testa di Dierna, poi la palla è rimasta lì e mi sono buttato per fare gol.”

Marco Sansovini: “Oggi siamo stati bravi tutti a sopperire ad episodi negativi, come l’errore dal dischetto. Non abbiamo abbassato la testa, dobbiamo continuare così. Gol? Baldazzi mi ha dato una palla molto intelligente, rasoterra. E’ andata bene. Nella ripresa ho cercato di dare un incitamento, un incoraggiamento in più alla squadra, fa parte del ruolo di chi è più esperto.”

 

 

Simone Guandalini

Foto: modenacalcio.com

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy