Cookie Policy
Sansovini Ferrario

Modena pigliatutto: derby e playoff! Poker alla Reggiana, estate d’attesa…

by • 26 Maggio 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, evidenza, modenafc, newsComments (0)46

FINISCE NELLO stesso modo in cui era cominciato. Sì, il primo capitolo della nuova storia del Modena si chiude con un ‘Braglia’ in festa. Così come in festa era il 16 settembre per il primo turno di campionato (1-0 con la Vigor Carpaneto). Nel mezzo ci sono stati 252 giorni pieni di alti e bassi. L’obiettivo principale non è stato raggiunto, ma non è detto che quella tanto sperata Serie C non arrivi. Chi in questi giorni ha speso tempo per calcolare i vari punteggi utili per il ripescaggio, dice che si possono sognare buone notizie per il popolo canarino. Un popolo che in questi mesi ha avuto la possibilità di riaccendere la propria passione per la maglia gialloblù. E probabilmente, ancora più che i gol, le vittorie o la conquista di una categoria, è questa la cosa veramente importante. Di questi tempi, un anno fa, un gruppo di imprenditori modenesi riportava il calcio in città: a loro, indipendentemente dai risultati, va dato grande merito per la passione e la serietà con le quali hanno affrontato questa stagione.

A seguito dello schiaffone subito due settimane fa a Novara non era facile rialzare la testa. Invece, dopo aver battuto a fatica il Fiorenzuola in semifinale, i gialli giocano una partita da applausi e dominano la Reggiana. Roby Malverti, che si è rivelato il mister giusto per gestire i playoff, affronta il derby con un modulo ad ‘albero di Natale’. Nel 4-3-2-1 in porta c’è Piras, al centro della difesa Perna e Berni, larghi Bellini e Zanoni. Regia affidata a Pettarin, ai suoi lati Rabiu e Calamai. Sulla trequarti Sansovini e Duca, a supporto di Ferrario. L’avvio di gara è equilibrato, poi il Modena la sblocca al minuto 23. Dopo un’azione manovrata, Ferrario sfrutta il cross di Bellini e tira per due volte verso la porta difesa da Rossi: sulla prima conclusione c’è il portiere, ma la seconda va dentro.

Nella ripresa si divertono i gialli e si divertono tanto anche i tifosi. Il raddoppio è qualcosa di stupendo: Sansovini, al 50′, da fuori area si inventa un’imparabile conclusione. Tris al minuto 63: Calamai verticalizza per Ferrario, che scappa alla difesa e da posizione defilata trova un precisissimo destro. Sono ben ventisei i gol in stagione per il numero 9 canarino. Nel finale, poco dopo gli ingressi di Montella e Loviso, la Reggiana accorcia le distanze con una zuccata di Zamparo (84′) e colpisce un palo. Malverti dà spazio anche a Boscolo Papo, Baldazzi e Magliozzi. E proprio uno dei neo-entrati, Baldazzi, chiude i conti con un bel rasoterra al minuto 94 per il definitivo 4-1.

Davvero una prova maiuscola da parte di tutta la squadra canarina: nel derby tutti da lode, sia quelli che nel corso del campionato hanno giocato meno sia quelli che hanno avuto più minutaggio. Una gran prova riconosciuta anche dal pubblico, che si ‘riappacifica’ coi gialli dopo la sconfitta nello spareggio con la Pergolettese. Da apprezzare anche i tifosi reggiani: applausi ai propri giocatori nonostante il poker subito. Ora, per chi vuole bene al Modena, c’è un’estate d’attesa. Se arriva la Serie C, dalle parti di viale Monte Kosica la si accoglie più che volentieri. Altrimenti, se non arriva, resta la consapevolezza di essere ripartiti dopo anni bui. Modena, intanto goditi il derby e i playoff! E poi non resta che attendere…

Riccardo Corradini
Inviato allo stadio ‘Braglia’ di Modena

 

MODENA-REGGIO AUDACE 4-1

RETI: 23’ Ferrario (M), 50’ Sansovini (M), 63’ Ferrario (M), 84′ Zamparo (R), 94′ Baldazzi (M)

MODENA (4-3-2-1): Piras; Bellini, Perna, Berni, Zanoni (93′ Magliozzi); Rabiu, Pettarin (84′ Loviso), Calamai (75’ Montella); Sansovini (93′ Baldazzi), Duca (90′ Boscolo Papo); Ferrario.
A disposizione: Dieye, Letizia, Ndoj, Messori.
Allenatore: Roby Malverti.

REGGIO AUDACE (4-3-1-2): Rossi; Cicagna, Spanò, Rozzio, Casanova (52’ Bran); Staiti, Cavagna (57’ Alvitrez), Pastore (70’ Cozzari); Sanat (52’ Dammacco); Zamparo, Ponsat.
A disposizione: Venturelli, Palmiero, Bardeggia, Cozzolino, Osuji.
Allenatore: Mauro Antonioli.

Arbitro: Galipò di Firenze (Assistenti: Ravera e Landoni).

Ammoniti: Duca (M), Sansovini (M), Bran (R), Cicagna (R), Zanoni (M), Cavagna (R).

Spettatori: 9.167 presenti.

 

Foto: modenacalcio.com

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy