Cookie Policy
Modena Reggiana

Più Modena che Reggiana, ma non basta: il derby è a reti bianche

by • 7 Aprile 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, evidenza, modenafc, newsComments (0)42

I PUNTI di distanza dal primo posto restano sei, ma le giornate a disposizione per tentare la rimonta sono sempre meno. Se vogliamo guardare il bicchiere mezzo pieno, il pareggio della Pergolettese a Pavia (0-0) lascia ancora un po’ di speranza. Come successo due settimane fa, però, il Modena non riesce ad approfittare del passo falso della capolista. E’ stato conservato il secondo posto, vero, ma se c’è una squadra che esce dal Mapei Stadium con l’amaro in bocca non è certo la Reggiana, che in 90 minuti non ha mai creato reali problemi al portiere canarino Piras. Nel 4-3-3 di Bollini ci sono Gozzi e Perna al centro della difesa, con Bellini e Zanoni larghi. In mezzo al campo si rivede Pettarin, affiancato da Rabiu e Calamai. In avanti Sansovini, Ferrario e Baldazzi. Dopo nemmeno una decina di minuti il tecnico dei gialli è costretto ad operare il primo cambio, inserendo Cortinovis per Zanoni, uscito in barella. La prima frazione, molto maschia e tutto sommato equilibrata, scorre via senza vere palle-gol. Al rientro dagli spogliatoi è il Modena a fare la partita, sfiorando il gol in tre circostanze. Al 49′ Sansovini si inventa dal nulla un gran tiro dalla distanza, deviato in angolo da Narduzzo. Ma la chance più clamorosa è sui piedi di Ferrario, che a tu per tu col portiere lo centra in pieno (52′). Poi Baldazzi, al minuto 62, conclude di poco a lato un’ottima azione. Bollini si gioca qualche carta dalla panchina: dentro Montella per Baldazzi, Loviso per Pettarin e Dierna per l’acciaccato Gozzi. Anche la traversa, però, dice no al Modena: all’82’ Loviso calcia una punizione dalla sinistra e, nonostante una deviazione di qualcuno nella mischia al centro dell’area, la palla non entra. Due minuti dopo la Reggiana resta in dieci per la doppia ammonizione del neo-entrato Pastore (ed entra Ferretti al posto di Ferrario), ma il risultato non cambia. Domenica prossima i gialli ospiteranno il Sasso Marconi, mentre la Pergolettese se la vedrà col Fiorenzuola. Bisogna provarci, fino a che la matematica non dirà stop. Anche e soprattutto per lo splendido pubblico che nel derby ha spinto la squadra dal primo all’ultimo istante.

Riccardo Corradini
Inviato al Mapei Stadium di Reggio Emilia

 

REGGIO AUDACE-MODENA 0-0

REGGIO AUDACE (4-3-1-2): Narduzzo; Bran, Spanò, Cicagna, Belfasti; Staiti (86′ Casanova), Cavagna (58′ Alvitrez), Osuji (71′ Pastore); Cozzari (71′ Ponsat); Bardeggia (46′ Dammacco), Zamparo.
A disposizione: Rossi, Palmiero, Ungaro, Rizzi.
Allenatore: Mauro Antonioli.

MODENA (4-3-3): Piras; Bellini, Gozzi (80′ Dierna), Perna, Zanoni (9′ Cortinovis); Rabiu, Pettarin (73′ Loviso), Calamai; Sansovini, Ferrario (87′ Ferretti), Baldazzi (64′ Montella).
A disposizione: Dieye, Duca, Spaviero, Messori.
Allenatore: Alberto Bollini.

Arbitro: Caldera di Como (Assistenti: Castro e Spina)

Espulso: Pastore (R) all’84’ per doppia ammonizione

Ammoniti: Pettarin (M), Cozzari (R), Baldazzi (M), Alvitrez (R), Loviso (M).

 

Foto: concretamentesassuolo.it

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy