Cookie Policy
Roberto Malverti

Modena-Reggio Audace 4-1, il post-partita con Malverti, Antonioli e Salerno

by • 26 Maggio 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafcComments (0)57

Al termine di Modena-Reggio Audace 4-1, decisa dalla reti di Ferrario (doppietta), Sansovini e Baldazzi, (Zamparo ha accorciato le distanze per la Reggio Audace), i tecnici delle due squadre, Malverti e Antonioli, e il presidente del Modena, Carmelo Salerno, hanno commentato il match appena concluso. Queste le loro parole:

Roby Malverti, allenatore Modena: “In questi dieci giorni avevo un compito e siamo arrivati all’obiettivo. La società ha dimostrato di essere di altissimo livello, i tifosi hanno sempre fatto il loro dovere, dimostrando il loro amore. La squadra oggi ha dimostrato di essere all’altezza di società e tifosi. Il merito di questa vittoria va ai ragazzi, che hanno dimostrato di essere veri uomini. La prestazione di oggi è figlia di un modo di fare determinate scelte: le scelte vanno condivise con i giocatori più esperti. Ho cercato di mettere i ragazzi nella condizione di essere sereni e tranquilli. Ho cercato di essere me stesso e di ragionare come ho sempre fatto. Dedichiamo questa vittoria a Ferretti, che non è potuto essere con noi oggi. Futuro? La società sa cosa deve fare e io mi auguro di continuare a lavorare per il Modena, in qualsiasi ruolo. Ero sicuro che oggi avremmo fatto un’ottima partita.”

Mauro Antonioli, allenatore Reggio Audace: “Oggi è venuto fuori il diverso tasso tecnico e i diversi valori delle due squadre. Non posso rimproverare niente ai miei ragazzi: abbiamo creato tanto, potevamo andare in vantaggio e trovare anche l’1-1, ma il Modena ha sfruttato ogni occasione per merito dei suoi giocatori, capitalizzando in ogni circostanza. Non abbiamo mai mollato, anche con il palo di Zamparo nel finale. Non mi piace cercare alibi, ma le nostre condizioni oggi non erano ottimali. Ripescaggio? Mi auguro che ci siano lo stesso le condizioni, ma oggi è una giornata triste per noi.”

Carmelo Salerno, presidente Modena: “Malverti? Devo ringraziarlo. E’ arrivato con molta umiltà e ha cercato di condividere con i ragazzi e con il direttore sportivo le scelte. E’ stata la nostra fortuna, è riuscito a condividere con i giocatori un anno di lavoro. Il merito va al mister e al direttore Tosi, che ha scelto questi giocatori. Nomino Pettarin e Berni, che, pur non giocando sempre hanno dimostrato di essere uomini oltre che calciatori. Nessuno ci cancellerà la delusione di essere arrivati primi e non essere promossi. L’avremmo meritato per i due derby vinti in stagione e per le due vittorie contro la Pergolettese. Non smetterò mai di ringraziare i giocatori per queste due partite. Devo ringraziare chi ha condiviso con noi questo percorso, come mister Apolloni, che ha costruito col direttore Tosi questa squadra. La città non era contenta per il gioco della squadra, che era prima. Anche Bollini va ringraziato, con lui abbiamo avuto un’intensità che prima non c’era. Purtroppo a questi allenatori è mancata la condivisione con la squadra. La squadra era nettamente più forte delle rivali. Ripescaggio? Non ostacola il nostro lavoro. Sapremo in che campionato giocheremo tra fine giugno e inizio luglio. Tanti giocatori hanno dimostrato di poter giocare anche in Serie C. Società? Cercheremo di portare il Modena il più in alto possibile. In stagione sono stati spesi circa tre milioni, di cui 1,4 per costruire la squadra. Tosi? Si è dimesso, ma gli va riconosciuto il merito di aver costruito questa squadra. Dopo di me, è quello che ha sofferto di più per questa stagione. Dobbiamo tenere presente quanto di buono ha fatto in stagione e valuteremo cosa fare per il futuro.”

 

Simone Guandalini

Foto: concretamentesassuolo.it

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy