Cookie Policy

Modena, Salerno: “Bollini l’uomo giusto per vincere”. Tosi: “Scelta fatta all’unanimità”

by • 11 Gennaio 2019 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, modenafcComments (0)102

A margine della presentazione del neo-allenatore del Modena, Alberto Bollini, che ha preso il posto dell’esonerato Apolloni, sono intervenuti a nome della società canarina il Presidente, Carmelo Salerno, e il D.s., Doriano Tosi, che hanno spiegato i motivi di questo avvicendamento sulla panchina gialloblù. Queste le parole di Salerno e Tosi:

Carmelo Salerno, Presidente Modena F.C. 2018: Quando una società cambia l’allenatore, è sempre una sconfitta per tutti. E’ come quando un’azienda cambia l’amministratore delegato. Per questo voglio ringraziare chi c’è stato prima, ovvero mister Apolloni, per quello che ha fatto per il Modena, perchè anche lui ha partecipato alla rinascita del Modena calcio. Quella di esonerarlo è stata una decisione sofferta sia a livello economico che umano. Non è stata una decisione affrettata, ma presa per il bene del Modena, e viene da lontano. I risultati fuori casa li abbiamo visti tutti e non ci soddisfacevano. Speravamo che le cose migliorassero, ma poi abbiamo capito che c’era da cambiare qualcosa. Seguendo l’indicazione del Direttore Tosi abbiamo deciso di cambiare l’allenatore.

Squadra? Con questa decisione abbiamo anche voluto togliere ogni alibi alla squadra. Credo che sia arrivato il momento, per i giocatori, di dimostrare qualcosa alla società, che li ha sempre sostenuti, supportati, incoraggiati, difesi e premiati. Devono dimostrare ai tifosi e alla città di essere attaccati alla città dentro e fuori dal campo. Devono dimostrare forte senso di appartenenza al Modena calcio.

Bollini? Ringrazio mister Bollini che è sceso in una categoria che non gli appartiene. Siamo sicuri che sia la persona giusta per vincere il campionato. Bollini ha firmato un contratto fino a giugno, che verrà prolungato automaticamente di altri due anni in caso di promozione. Domenica dopo la partita abbiamo detto che saremmo andati avanti col mister; in quel momento era la linea della società. Io devo difendere i miei dipendenti, e, in quel frangente, era giusto difendere l’allenatore prima della decisione definitiva.

Social? Leggo ciò che viene scritto sui social, dove ognuno può dire la sua verità. Noi, però, come società, non commentiamo i social e, soprattutto, non prendiamo decisioni sulla base dei social; rispettiamo i pensieri di tutti.

Apolloni? Se la squadra non fa risultati, qualche problema c’è. Non ci sono stati episodi particolari, che ci hanno portato a prendere questa decisione; è una scelta che viene da lontano. 

Ci tengo a precisare, che questo non è un funerale: siamo primi da inizio anno, ma dobbiamo continuare a vincere. Vorrei che la squadra fosse sostenuta dai tifosi come è successo fino ad ora.”

 

Doriano Tosi, D.s. Modena F.C. 2018: “Questa scelta è stata fatta all’unanimità martedì. Ho cercato sul mercato il miglior allenatore possibile e con Bollini ci siamo sentiti mercoledì. In serata avevamo già chiuso l’accordo. Bollini ha già allenato la squadra ieri e oggi: sta facendo una full-immersion sul campo per avere un quadro completo della situazione. Bollini ha ancora un po’ di modenesità. Ha già lavorato qui, ci conosciamo, è nel bel mezzo della carriera, e ha due caratteristiche importanti: ha lavorato con i giovani, e noi abbiamo bisogno di un istruttore per gli Under. Poi lui ha fatto esperienze importanti in A, B e C, è già stato in ambienti caldi e complicati, come Lecce e Salerno. Credo che sia una buona scelta, spero che contribuisca ad aiutarci a vincere il campionato. E’ il momento più delicato da quando è nata questa società: dobbiamo ricominciare a vincere.”

 

Simone Guandalini

Foto: modenacalcio.com

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy