Cookie Policy

No pain, no Gaines: la Virtus Bologna cade a Desio

by • 10 Marzo 2019 • evidenza, Virtus BolognaComments (0)68

Legabasket Serie A – 21ª giornata

Acqua S. Bernardo Cantù – Virtus Segafredo Bologna 96-94

(20-22, 42-42, 68-62)

 

I tabellini

Cantù: Gaines 23, Carr 12, Blakes 16, Baparapè ne, Parrillo (K), Davis 7, Tassone ne, La Torre 2, Olgiati ne, Pappalardo ne, Stone 7, Jefferson 27.

All. Brienza, 1° Ass. Ducarello, 2° Ass. Viscaglia

Bologna: Punter 36, Martin 7, Moreira 4, Pajola, Taylor 8, Baldi Rossi ne, Cappelletti, Kravic 9, Aradori (K) 14, Berti ne, M’Baye 13, Cournooh 3.

All. Sacripanti, 1° Ass. Griccioli, 2° Ass. Fedrigo

Arbitri: Lo Guzzo C. (PI) – Weidmann L. (CB) – Paglialunga F. (TA)

Osservatore: Colucci G. (CE)

Segnapunti: Colombo S. (CO)

Cronometrista: Morello T. (CO)

24 Secondi: Pengue A. (MI)

Spettatori: 6000 ca.

 

10.03.2019, PalaDesio, Desio (MB) – Non c’è pace per la Virtus, che nel giorno del ricordo del Presidente Bucci non riesce a passare a Desio, casa di un’Acqua San Bernardo più unita e con più voglia di portare a casa il risultato.

Non serve un Punter da 36, strepitoso nell’ultimo quarto, ma i suoi punti sono stati frutto di una serie di iniziative singole e personali, che nel momento in cui la magia è finita hanno avuto il solo risultato di tagliare fuori gli altri del quintetto.

Amara la frittata, amarissima la classifica, con la Virtus a scivolare al decimo posto, momentaneamente fuori dai playoff.

La cronaca

Subito Gaines per il 2-0, replica Punter dalla lunetta: pareggio a 9’28”. Non va il semi-gancio di Davis, così come M’Baye spreca un buon tiro aperto; errore di Carr in avvicinamento, che commette anche il proprio 2° personale su Punter. Si aggiusta la mira di M’Baye (2-5), Moreira punito per fallo su Jefferson: 2 su 2, -1 Cantù. Canestro dell’ex Aradori (4-7), bene Taylor in chiusura su Gaines, ma è Jefferson a creare problemi per la Virtus. Si iscrive al match La Torre (8-7), che poi spende fallo su Aradori in penetrazione; M’Baye converte lo spazio creato da Taylor per il nuovo +1 virtussino. Jefferson è caldissimo, Moreira spinge a rimbalzo, il neo-entrato Kravic non riesce a fermare lo strapotere del #41: canestro e fallo per il 12-9 a 5’30”; Gaines sbraccia su Taylor, che poi lo punisce con il canestro del 12-12. Altro fallo di Cantù, Taylor ha troppa fretta, Jefferson raggiunge la doppia cifra e porta Cantù sul 16-14; M’Baye viene sfidato e sbaglia, Blakes segna il +4, ma Davis manda Punter in lunetta (18-16 a 3’15”). Difende bene M’Baye su Stone, ma Aradori perde palla per infrazione di passi; Taylor pesca Martin per il pareggio, errori per Blakes e Aradori, poi il #21 si rifà con il canestro del 18-20. Blakes si mangia un altro pallone, la Virtus prova a ragionare ma è ancora con Aradori a tutto campo che la Virtus va sul +4, con Carr a sistemare il punteggio sul 20-22 a fine primo quarto.

Subito Stone in area, Pajola manda in lunetta Blakes – 2 su 2, +2 Cantù. I padroni di casa alzano l’intensità difensiva, ma è Blakes a commettere fallo in attacco; Pajola sbaglia la tripla aperta, Kravic spazza sul ferro, errore di Punter, con conseguente fallo difensivo su Jefferson, che va in lunetta per il +1 canturino. Punter attacca bene in penetrazione, provocando il 3° personale di Carr e il nuovo +2 virtussino; Carr risponde bene, Pajola recupera e lancia la transizione, con Cournooh a segnare la tripla del 27-30 a 6’55”. Proteste canturine per un fallo non sanzionato a Pajola, poi Davis vola sul passaggio di Carr e inchioda il -1 di casa; Kravic lotta bene a rimbalzo e trova con lucidità un bel taglio di Punter, poi ancora un motivato Carr segna contro Taylor i 31-32 a 5’50”. Persa Taylor, entra Cappelletti, poi è Punter a cascare nella trappola di Gaines: 3 su 3 e +2 Cantù. Kravic si muove bene spalle a canestro, ancora il #11 a strappare il rimbalzo difensivo e lanciare Cappelletti per dare energia alla Virtus senza americani in campo; recupero Virtus sul pick and roll canturino, e ancora Kravic a prendere possesso dell’area, prima che Jefferson sbagli tre (!) tiri consecutivi da pochi centimetri. Timeout richiesto dall Virtus, ma è Gaines a sprintare per il 36-36; persa di Cappelletti, errore di Blakes, ma è sempre Kravic a tenere vivo il possesso bolognese. Martin si conquista 2 tiri liberi contro Gaines (2 su 2, +2 Virtus a 1’45”), spendendo poi un buon fallo su Jefferson che va in lunetta (2 su 2, 38 pari); Aradori inventa un bel canestro, risponde Blakes in penetrazione per il nuovo pareggio a quota 40. Aradori d’esperienza contro La Torre, +2 Virtus a 40” dall’intervallo; sbaglia La Torre, ma è rapace Jefferson in area per il 42-42. Persa Aradori, timeout Brienza a pochi secondi dalla fine del quarto, ma non va il tentativo di Blakes: pareggio a quota 42.

Sacripanti preserva Punter, Davis attacca con convinzione e fa +2 Cantù; infrazione di passi Moreira, ancora Davis con 5 punti di fila per il 47-42. Taylor  strappa il rimbalzo e punisce il rientro pigro di Cantù: -3 Virtus. Jefferson si svita e segna il +5, Moreira e M’Baye pasticciano in attacco regalando un altro possesso a Cantù; secondo fallo di Jefferson su Taylor, che prende il rimbalzo su tiro libero e dà vita ad un altro possesso, per il 49-47 a 6’30”. Persa di Davis, errore di Taylor che invola Gaines: 2+1 e +5 Cantù; pick and pop tra Aradori e M’Baye per il -2 bolognese. Jefferson si inventa il 54-50 dall’angolo, una palla persa per parte, ma è bravo M’Baye a leggere gli spazi e far tornare la Virtus sul -1 con 4’ sul cronometro. Jefferson si mangia Moreira per il 56-53, ma proprio il #41 di casa si vede fischiare il proprio 3° personale su Kravic: 1 su 2, 56-54. Punter risponde a Gaines, la Virtus compensa una brutta difesa con i numeri del #0, che in lunetta perà sbaglia (60-58); Jefferson tiene in piedi Cantù, Gaines taglia bene in backdoor per il +6 canturino. M’Baye in lunetta fa -4, ma Gaines e Blakes fanno esplodere il PalaDesio sul +8. Punter tiene viva la Virtus, Kravic intimidisce quanto basta per chiudere dopo 30’ sul +6 canturino.

Subito Martin per il -3 Virtus, Taylor risponde a Carr, che però non ci sta e segna da 3. Punter è ispirato e si guadagna l’8° fallo subito (73-70); sbaglia Carr dalla lunetta, Stone prende 2 rimbalzi in attacco e segna 5 punti di fila per il 78-70 a 7’40”. Errore di Kravic, Cantù si distende bene con Blakes, che da 3 segna il +11 a 7’13” dalla fine; Punter fa tutto da solo (81-73), Gaines ritorna a +10, poi Parrillo stoppa Aradori, e Punter segna il proprio 27° punto per il -4 Bologna. Jefferson esagera e perde palla, la Virtus cerca Punter per il -2, a cui risponde Blakes con la tripla del 86-81 a 4’50”; Punter in lunetta per il -3 Virtus, Jefferson si guadagna l’area e va ai liberi, ma Punter è caldissimo per il -3 Virtus. Kravic più presente in area, Jefferson non trova il fallo di Bologna, che in attacco trova ancora Punter per il pareggio a quota 88. Gaines rimette 2 punti di distanza, stavolta Punter sbaglia, e Carr può andare in lunetta: +3 Cantù con 2’45”. Blakes stoppa Taylor e segna il 93-88, per poi commettere il proprio 5° fallo. Grande canestro Taylor (-3 Virtus), Davis segna ma Jefferson si aggrappa al canestro, ma Taylor spreca tutto dalla distanza. Infrazione di passi Carr, M’Baye è lucido e serve Kravic per il -1, poi forzata di Carr e 34” secondi mal giocati dalla Virtus, che con meno di un secondo sul cronometro dei 24” deve costruire un canestro a 10” dalla fine, sul 93-92: timeout Sacripanti. Rimessa di Punter per Taylor, ma la Virtus perde palla: timeout Brienza con rimessa Cantù a 8”. Fallo immediato su Gaines: 2 su 2 e +3 Cantù; fallo su Aradori: 2 su 2, -1 Bologna, timeout Brienza. Parrillo alla rimessa sul 95-94 con 4”, fallo su Gaines: 1 su 2, sporca Jefferson e la preghiera di M’Baye non trova accoglimento.

Foto: Virtus Segafredo Bologna

 

 

Lorenzo Gualandi

 

 

Iscriviti a Timeout Basketball

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy