Cookie Policy

Pallacanestro: L’angolo del regolamento

by • 25 Maggio 2016 • L'angolo del regolamento, TimeOutComments (0)920

Pallacanestro: L’angolo del Regolamento

FaenzaMarcoSalve a tutti, bentornati all’ultima puntata di questa stagione sportiva di Pallacanestro: L’angolo del regolamento.

Dopo la velata e voluta polemica insita nella puntata precedente, questa settimana la rubrica sarà rivolta solo a spunti tecnici.

Avevo trattato quei casi insoliti ma comunque accaduti in almeno una gara e quindi chiariti dalle Interpretazioni Fiba uscite il giorno 1 novembre dello scorso anno e poi immediatamente corrette il giorno 10 novembre, eliminando alcuni casi, a mio avviso giusti ma che avrebbero in parte falsato i campionati già iniziati senza quei chiarimenti.

Attendiamo con ansia di sapere se la Fiba inserirà questi chiarimenti a far data dalla prossima pubblicazione e quindi da prima dei prossimi campionati.

Mi riferisco in particolare al caso del giocatore che, iniziato il movimento continuo, cioè raccolta la palla per una penetrazione o un tentativo di tiro, subisca fallo personale da un avversario.

La normativa vigente prevede che vi sia sempre e comunque un atto di tiro evidente, cioè un tentativo plausibile di lanciare la palla verso il canestro avversario, per poter aver diritto ai tiri liberi.

Nel caso vi sia un evidente scarico, cioè un passaggio verso un compagno, il giocatore non avrà’ diritto ai tiri liberi (salvo eventuale bonus esaurito naturalmente).

L’interpretazione Fiba poi eliminata in seconda sede prevede che al giocatore vengano sempre concessi i tiri liberi, indipendentemente dal fatto che concluda con un tiro o con un passaggio.

Il secondo chiarimento prevede che qualunque fallo personale “TATTICO”, cioè il fallo commesso da un giocatore ad esempio sulla linea di metacampo per fermare un avversario lanciato in contropiede, anche se non si tratta di fallo da ultimo uomo, venga considerato sempre antisportivo.

A mio avviso un chiarimento di tale specie non è necessario in quanto la definizione stessa di fallo antisportivo è chiara e non soggetta a fraintendimenti di alcuna natura.

37.1.1 Un fallo antisportivo è un contatto falloso di un giocatore che, a giudizio dell’arbitro, è:

Non un legittimo tentativo di giocare direttamente la palla nello spirito e nell’intento delle regole.

Se tutti gli arbitri applicassero la regola così come è citata, non ci sarebbe bisogno di nessuna interpretazione.

Ora vediamo altri casi codificati dalla Fiba.

Per quanto riguarda il famigerato Smile, o semicerchio no-sfondamento, citerò un esempio per tutti.

Il giocatore A1 è in penetrazione lungo la linea di fondo, giunto all’interno dell’area, sotto il tabellone, scarica ad un compagno posizionato nell’angolo opposto e poi causa un contatto con un difensore posizionato all’interno del semicerchio no-sfondamento.

I.F. 33-3:Interpretazione: Fallo d’attacco di A1. La regola del semicerchio no-sfondamento non si applica poiché A1 è entrato nell’area del semicerchio no-sfondamento dal terreno di gioco direttamente dietro il tabellone e la sua linea immaginaria estesa.

Le Interpretazioni prendono poi in esame alcuni casi in cui gli arbitri non sono in accordo tra di loro.Valga per tutti il seguente esempio: A1 è in atto di tiro quando vi +è un contatto con B1.

Entrambi gli arbitri fischiano, ma uno sanziona il fallo del difensore mentre l’altro sanziona il fallo di sfondamento dell’attaccante. Il tiro di A1 poi si conclude con un canestro.

L’articolo 35 precisa che se una delle sanzioni in caso di doppio fallo prevede l’annullamento del canestro, questa sanzione prevarrà e il canestro verrà annullato.

Pertanto se i due arbitri rimangono fermi nelle proprie decisioni, il canestro verrà annullato e si riprenderà con una rimessa dal fondo per la squadra A. I.F. 35-2

Sui falli tecnici ho già speso più di una puntata con casistiche tra le più varie.

Riassumo con la sola Interpretazione Fiba 36-23. Esempio: A1 ha commesso il suo 1° fallo tecnico durante la prima metà-gara per essersi appeso all’anello. Un 2° fallo tecnico è fischiato contro di lui durante la seconda metà-gara per comportamento antisportivo.

Interpretazione: A1 sarà automaticamente espulso e dovrà recarsi e rimanere nello spogliatoio della sua squadra per il resto della gara oppure, a sua scelta, lasciare l’impianto di gioco. Questo 2° fallo tecnico è l’unico ad essere sanzionato e non deve essere amministrata alcuna ulteriore sanzione per l’espulsione. E’ il segnapunti che deve immediatamente avvertire un arbitro quando un giocatore ha commesso 2 falli tecnici e deve essere espulso.

E con questo spero di aver chiarito definitivamente che a seguito di 2 falli tecnici a carico dello stesso giocatore, cosi’ come anche 2 falli antisportivi, il giocatore dovrà essere espulso e si dovrà allontanare dalla panchina. Sempre.

L’articolo 37 specifica in modo trasparente che il fallo tattico, per essere considerato tale, non può essere commesso se non negli ultimi 2 minuti di gara.

Sembra complicato ma in realtà lo spirito del Regolamento prevede che una delle due squadre, per trarre un vantaggio tattico/strategico,interrompa volontariamente il gioco stoppando il cronometro purchè appunto manchino 2 minuti o meno al termine della gara.

I.F. 37-4 Precisazione – Quando il cronometro di gara indica 2:00 minuti o meno nel 4° periodo ed in ogni tempo supplementare, e dopo che la palla ha lasciato le mani del giocatore incaricato della rimessa, un giocatore difensore, al fine di fermare o non far ripartire il cronometro di gara, provoca un contatto con un attaccante che era sul punto di ricevere o aveva già ricevuto la palla sul terreno di gioco. Questo contatto dovrà essere immediatamente fischiato come fallo personale, a meno che non si tratti di un contatto duro che possa essere considerato antisportivo o da espulsione. Il principio di vantaggio/svantaggio non dovrà essere applicato.

Attenzione, l’Interpretazione chiarisce soprattutto che in questo caso l’arbitro non deve applicare il principio di Vantaggio/Svantaggio.

Termino quindi per questa stagione queste “lezioncine” sul regolamento. Mi auguro di essere stato un po’ di aiuto ad Arbitri, Giocatori e Allenatori.

I Playground mi vedranno impegnato in giro a cominciare dal Torneo Basket D’A..Mare che si disputerà dal 2 al 5 giugno a Cesenatico, presso i campi dell’Eurocamp.

E fino al 31 luglio ce n’è per tutti i gusti.

Buon divertimento a tutti. Al prossimo anno sportivo.

 

Marco Faenza

 

Iscriviti a  TimeOut Basketball e seguici su Facebook

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy