Cookie Policy
marco faenza l'angolo del regolamento fimba

Pallacanestro: l’angolo del regolamento

by • 26 Gennaio 2018 • L'angolo del regolamentoComments (0)435

Salve a tutti e bentornati ad una nuova puntata di Pallacanestro: l’angolo del regolamento.

Spesso durante le partite, e non solo quelle internazionali, si verificano episodi talmente inusuali e rari che,una volta visionati gli eventuali filmati o fatta una descrizione dettagliata da osservatori e tecnici del settore,intervengono gli specialisti.

Nel dettaglio la Commissione tecnica Fiba è composta da 19 membri provenienti da varie nazioni e ovviamente non necessariamente arbitri o ex arbitri. Tra i nomi più noti vi sono Kotleba, Vandeweghe, Divac e Ivkovic. La commissione ha il gravoso compito di studiare i casi anomali e di emanare  le ormai arcinote Interpretazioni Fiba.

E oggi parleremo di interpretazioni, anche di quelle alla luce del nuovo regolamento in vigore dal 1 ottobre 2017.

I casi che presenterò non sono forse a conoscenza di tutti, pertanto hanno valenza di norma nel caso si presentino appunto durante i match.

5/6: Un giocatore appare seriamente infortunato e l’arbitro fischia segnalando la sostituzione. Prima che un qualunque sostituto sia entrato in campo uno degli allenatori chiede un timeout. Al termine del timeout il giocatore precedentemente infortunato è in grado di riprendere il gioco. Il giocatore potrà rimanere sul terreno di gioco senza essere sostituito.

5/7 e seguenti: Se durante l’effettuazione di tiri liberi uno qualunque dei giocatori deve essere sostituito in quanto sanguinante, anche la squadra avversaria può effettuare una sostituzione. Sembra banale ma l’esempio riportato recita che tra il 1° e il 2° tiro libero il tiratore è sanguinante. Il tiratore dovrà essere sostituito da un qualunque compagno di squadra tra quelli in panchina. Se la squadra avversaria vorrà potrà sostituire uno e un solo giocatore.

7/2: Micidiale per molti versi ma coerente con le norme del R.T. Il segnapunti appone i nominativi della squadra A sul referto copiandoli dall’apposita lista  consegnata in tempo utile dal dirigente. Nel fare questa operazione tralascia di scrivere uno qualunque dei giocatori della lista. Quando l’allenatore firma il referto egli non seleziona solo i 5 giocatori partenti, ma conferma l’esattezza del referto scritto dal segnapunti. Se la dimenticanza del nome del giocatore viene scoperta prima dell’inizio della gara il nome verrà aggiunto al referto ma se questa dimenticanza viene scoperta a gara iniziata il nome non potrà essere aggiunto e il giocatore non potrà partecipare alla gara.

10/1: Particolarmente importante perché chiarisce in maniera perentoria lo status della palla (cioè viva o morta). Se A5 inizia un movimento continuo e in questo momento un qualunque giocatore/sostituto/allenatore si rende responsabile di un fallo personale su un giocatore diverso da A5 o di un fallo tecnico,la palla non diventa morta in seguito al fischio dell’arbitro e nel caso A5 realizzi il canestro sarà convalidato. Esempio estremo: A5 inizia un movimento continuo e B8 commette un fallo personale su A9 con la squadra B che ha esaurito il bonus. A5 realizza il canestro. Il canestro verrà convalidato e A9 tirerà 2 tiri liberi.

12/3: Subito dopo la palla a 2 tra A4 e B6 il giocatore A4 prende la palla con le mani. Questa è una violazione del R.T. ma nessuna squadra è entrata in possesso della palla. Quindi la squadra B effettuerà una rimessa per effetto della violazione con la freccia di P.A. congelata, e solo dopo il primo chiaro possesso di una delle 2 squadre il segnapunti girerà la freccia nella direzione corretta.

12-11 Esempio: Mentre la palla è in volo per un tiro a canestro su azione di A1, l’apparecchio dei 24” suona, seguito dalla palla che si blocca tra anello e tabellone. La squadra A ha diritto alla rimessa in gioco per possesso alternato.  

Interpretazione: Poiché la squadra A non ha tempo residuo sull’apparecchio dei 24”, si è verificata una violazione di 24 secondi. La squadra B avrà diritto ad una rimessa in gioco. La squadra A non perderà il suo diritto alla rimessa per possesso alternato sulla successiva situazione di salto a due.

38-6 Example: A1 has been charged with his 5th personal foul. Frustrated, he verbally insults the official. A1 is charged with a disqualifying foul.

Interpretation: A1’s disqualifying foul is charged to the coach A and recorded as ‘B2’. The penalty shall be 2 free throws and possession of the ball for team B.

In questo caso il giocatore già escluso A1 che fino all’anno scorso veniva sì squalificato ma il suo allenatore veniva sanzionato di fallo tecnico B1 da quest’anno la registrazione è B2 e la squadra avversaria tirerà 2 tiri liberi più ovviamente il possesso dalla linea centrale estesa opposta al tavolo degli Ufficiali di campo.

E veniamo alle gare di questa settimana.

GARA SERIE D GIRONE A: Match tirato risolto con scarto risicato. Buon arbitraggio, 1 fallo tecnico sanzionato al coach squadra B giustissimo, ma il fischio successivo è sembrata una compensazione,un fallo in attacco veramente al limite come se ne sono visti altri durante il match senza alcuna sanzione. In compenso il 1° arbitro segnala un fallo in attacco a rimbalzo con la palla già in volo verso il canestro. Ovviamente l’arbitro sapeva bene ciò che stava facendo e sapeva che la segnalazione non era corretta. Infatti con la palla in volo nessuno ha il possesso di palla (articolo 14/1/3), di conseguenza chiunque avesse commesso il fallo non sarebbe mai stato fallo in attacco. Fortuna che nessuna delle squadre aveva esaurito il bonus.

Voti: 1° arbitro 7,5  2° arbitro 7,5

GARA SERIE C SILVER: Al mio fianco era presente un noto allenatore del bolognese. In occasione del fischio in cross (diagonale) dell’arbitro guida sul rettangolo opposto a quello nel quale si trovava, l’allenatore mi guarda e mi chiede: ”Ma come ha fatto a vedere quel fallo dalla  sua posizione?” Appunto! Evitare assolutamente le valutazioni se non si è in grado di vedere perfettamente quel che accade.Valutare ciò che si vede e non ciò che si immagina. Un giocatore della squadra B entra in campo per alcuni minuti e asfissia il play avversario con una marcatura fin troppo aggressiva.Troppo body check, troppo hand checking, troppo di tutto. Mai un fischio! La condotta troppo permissiva degli arbitri conduce spesso ad un aumento del gioco violento (articolo 33/11). Nonostante queste piccole lacune e alcuni falli di sfondamento non troppo convincenti, la direzione è stata all’altezza.

Voti: 1° arbitro 7; 2° arbitro 6,5

E anche per questa settimana è tutto.

 

Marco Faenza

 

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy