Cookie Policy
marco faenza l'angolo del regolamento fimba

Pallacanestro: l’angolo del regolamento

by • 5 Ottobre 2018 • L'angolo del regolamento, TimeOutComments (0)697

Salve a tutti e bentornati alla prima puntata di questo anno sportivo, dove l’Angolo del Regolamento sarà come al solito pronto a rispondere alle esigenze di arbitri, giocatori, allenatori e addetti ai lavori nel comprendere le dinamiche a volte oscure che si nascondono nel Regolamento.Il 16 giugno è stato pubblicato il nuovo R.T. che entra in vigore dal 1 ottobre. Importanti modifiche a volte sostanziali a volte solo formali sono state approvate dalla Commissione Tecnica Fiba.Vediamo nel dettaglio e analizziamo quanto più possibile.

4.4.2 Tutti i giocatori della squadra devono avere maniche e gambali compressivi, copricapo, polsini, fasce per la testa e bendaggi dello stesso identico colore.

Complichiamo la vita a tutti, ma il R.T. è scritto per campionati nazionali e internazionali. Poi se un arbitro dei campionati very minors vorrà fare applicare questa regola qualche problemino potremmo averlo.Comunque le Società sono avvertite.

7.5 L’allenatore può comunicare in modo cortese con gli arbitri durante la gara per ottenere informazioni solo nelle fasi di palla morta e cronometro fermo.

L’allenatore può comunicare ma non è scritto se l’arbitro è tenuto a rispondere. Di fatto cambia poco o niente,se non il ribadire che gli allenatori non possono mai rivolgersi agli arbitri durante il gioco o meglio a palla viva.

7.8 Quando il capitano lascia il terreno di gioco, l’allenatore deve comunicare ad un arbitro il numero del giocatore che dovrà sostituirlo come capitano in campo.

Giusto per allungare i tempi. Vedremo se arbitri, Udc e allenatori si ricorderanno sempre chi è il capitano in campo.

8.1 La gara consiste in 4 quarti di 10 minuti ciascuno.

Il termine Periodo viene sostituito dal termine Quarto. (Questo ovviamente in tutti gli articoli).

15.1.2 Durante il suo atto di tiro il giocatore potrebbe avere il braccio(a) trattenuto da un avversario, in modo tale da impedirgli di segnare. In questo caso non è necessario che la palla lasci la mano(i) del giocatore. Quando un giocatore è in atto di tiro e dopo aver subito un fallo passa la palla, non è più considerato in atto di tiro.

Chiarisce il concetto fondamentale che se un giocatore è impossibilitato a tirare a canestro a causa del contatto di un avversario avrà comunque diritto ai tiri liberi, mentre se passa la palla dopo aver subito il contatto non avrà diritto ai tiri liberi. La situazione era già nota ma la modifica la rende esplicita.

17.2.4 Quando il cronometro di gara indica 2:00 minuti o meno nel quarto quarto o tempo supplementare, a seguito di una sospensione concessa alla squadra che ha diritto al possesso di palla nella propria zona di difesa, l’allenatore di quella squadra ha il diritto di decidere se il gioco sarà ripreso con una rimessa dalla linea di rimessa nella zona d’attacco della squadra o dalla zona di difesa della squadra nel punto più vicino a dove il gioco era stato interrotto dall’arbitro.

Questo articolo è collegato all’articolo 29 (24 secondi) perché il R.T. non prevede che vi siano campionati nei quali non venga utilizzata l’apparecchiatura dei 24 secondi. In ultima analisi l’articolo esiste autonomamente, perciò l’allenatore avrà facoltà di avvalersi di tale decisione, a prescindere dall’utilità o meno di effettuare una rimessa in una zona piuttosto che in un’altra.

17.2.6 A seguito di un fallo tecnico, il gioco sarà ripreso con una rimessa dal punto più vicino a dove si trovava la palla quando il fallo tecnico è stato fischiato, salvo diverse indicazioni delle regole. 17.2.7 A seguito di un fallo antisportivo o da espulsione, il gioco sarà ripreso con una rimessa dalla linea di rimessa nella zona d’attacco della squadra, salvo diverse indicazioni delle regole. 

In attesa di ulteriori linee guida da parte del settore tecnico Cia, così come scritto, appare evidente la differenza tra il punto di rimessa nel caso di fallo tecnico e quello nei casi di espulsione/fallo antisportivo. Per quanto riguarda il fallo tecnico, vedremo dopo come ci si comporta.

17.3.3 Quando il cronometro di gara indica 2:00 minuti o meno nel quarto quarto e in ogni tempo supplementare, in occasione di una rimessa, l’arbitro che la amministra dovrà utilizzare un segnale di attraversamento illegale della linea perimetrale come avvertimento. Se un giocatore difensore: • Muove una qualsiasi parte del corpo al di là della linea perimetrale per interferire con una rimessa, o • Si trova a meno di 1 metro dal giocatore che effettua la rimessa, quando lo spazio fuori campo, libero da impedimenti all’altezza del punto di rimessa, è minore di 2 metri. questa è una violazione e comporterà un fallo tecnico.

Tutto molto chiaro, ma non si capisce perché dovrebbe essere una violazione solo negli ultimi 2 minuti del 4° quarto e non nei restanti 38 minuti? L’Articolo 36.2.1 non la pensa così.  (o ritardando il gioco non permettendo di effettuare prontamente una rimessa in gioco.)

24.1.4 Non costituiscono palleggio:(omissis)-  Lanciare la palla contro il tabellone e riprenderne il controllo.

Ci si avvicina sempre più all’NBA e tale movimento, comune in tante occasioni negli States, diviene legale anche nel R.T. FIBA. Con tutte le conseguenze tecniche che tale movimento comporta.

28.1.3 Il conteggio del periodo di 8 secondi deve continuare per il tempo residuo, quando viene assegnata una rimessa in zona di difesa alla stessa squadra che aveva il controllo di palla, a seguito di: (omissis)• Fallo tecnico.

Esempio facile: squadra A in possesso di palla in zona di difesa,giocatore B viene sanzionato con fallo tecnico. Giocatore A tira 1 tiro libero poi la palla andrà alla Squadra A per una rimessa laterale nel punto in cui si trovava la palla al momento del fischio arbitrale (in difesa). La squadra A avrà solo il residuo degli 8 secondi.

In considerazione del fatto che l’articolo sarà molto lungo in virtù delle modifiche successive,mi fermo qui con la prima parte e concluderò nella prossima puntata. Sono come sempre a disposizione per eventuali chiarimenti,tramite i canali social o tramite la pagina di questo sito.

Ci rileggiamo presto.

 

Marco Faenza

 

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy