Cookie Policy

PRÊT-À-PORTER: MILANO SI FERMA PER MOSCHINO & ADIDAS TUBULAR X

by • 30 Settembre 2015 • Prêt-à-porterComments (0)2239

2015092812094220150928120924Prendete di corsa il vostro elmetto e infilatevi il giubbotto catarifrangente: Milano sta per andare in tilt! Si sta infatti svolgendo la sfilata di Moschino firmata, anche per la primavera/estate 2016, dal creativo deisgner Jeremy Scott, che recentemente ha saputo fare degli accessori di Moschino veri e propri “pezzi da collezione” (ricordate la collezione ispirata alla catena MCdonald’s, al mondo di Barbie, e a Teddy Bear dello scorso inverno?) .

20150928120924 (1)

20150928120925

Questa volta la sfilata si svolge in mezzo al traffico, tutto è caotico: divieti di sosta, senso vietato, cartelli d’obbligo, spazzole lavavetri. Il tutto ci prefigura una stagione davvero frenetica! Jeremy Scott blocca decisamente il traffico: “ No parking couture zone” dice un cartello, e un altro “Clothedforconstruction”. Insomma, tutto è pronto per una grande creazione e ricostruzione della moda.

 

20150928121001

Lo stilista riprende i capi femminili degli anni cinquanta (il classico tailleur, per intenderci) e lo rivoluziona: ne sottolinea la bidimensionalità delle linee e lo rende moderno tramite il forte contrasto di colori: giallo lime, arancio acceso e bianco ottico sembrano, grazie a una misteriosa alchimia, abbinarsi perfettamente tra loro!L’abbigliamento e gli accessori rimandano volutamente ai cantieri stradali: camicie, pantaloni e perfino abiti hanno dettagli di bande catarifrangenti, i tessuti utilizzati sono fatti di materiali tecnici; e perfino coni stradali vengono scambiati per borsette, grazie all’aggiunta di una (apparente) semplice catena. Potremmo definirla una vera e propria “rivoluzione alla Duchamp”.  E’ come se le strisce bianche e rosse che usiamo per delimitare il perimetro del cantiere e le spesse reti arancioni che ne

20150928121016

impediscono il passaggio non aspettassero altro che essere trasformate in altro, reinventate: paradossalmente l’abito o il tailleur in rete sono sì di grande impatto, e sicuramente riceveranno un giudizio amaro dai più scettici, ma sono anche inaspettatamente donanti, femminili e in un  certo senso futuristici.  Il successo crescente di Jeremy Scott è dovuto proprio a questo talento: saper cogliere oggetti che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni e trasformarli, con qualche disegno, in Arte. Lasciando tutti di stucco!

Semplice ed Elegante: Adidas Tubular X

adidas-tubular-similar-to-yeezy-boost

Qualche mese fa abbiamo parlato delle nuove Nike Air Max Zero, realizzate su un progetto del 1987: proprio in questi giorni Adidas ha presentato la nuova scarpa Tubular X, creata con una visione futuristica, ma con radici che affondano nel passato. Per definire questo nuovo paio di scarpe potremmo parlare di un’ assoluta fusione di forma e funzionalità, probabilmente senza precedenti: queste nuove Adidas sono contraddistinte dalla pulizia delle linee e dalla tecnologia, sempre all’avanguardia nella casa a tre strisce.

Il modello Primeknit Snake è stato costruito basandosi al design sock-fit in neoprene: questo combinato alla tecnologia Primeknit sulla parte alta della scarpa e all’Adifilm per rinforzare la scarpa stessa, vengono assicurati comfort e appoggio. Colori al lancio: nero e azzurro.

Invece l’altra shilouette disponibile si chiama Mid Lux Primeknit Pack prende spunto dalla tradizione più artigianale della casa: come si può intendere dal nome è caratterizzata da un taglio mid-cut di lusso ed è realizzata in tre colori: nero, sabbia e petrolio, ispirati dalle capitali mondiali della moda (Milano, Londra e Parigi). Ogni paio di scarpe è realizzato con la tecnologia Primeknit con sovrapposizione di dettagli in nabuk e pelle, dando vita al pacchetto premium di questo modello.

Francesca Toschi & Francesco Zanti

Foto pagina Facebook Adidas

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy