Cookie Policy
San Marino

Quarto pareggio consecutivo in trasferta per il Modena: contro il San Marino è 0-0

by • 23 Dicembre 2018 • ConcretaCalcio, CurvaMontagnani, evidenza, modenafc, newsComments (0)48

Il Modena pareggia a reti bianche allo stadio Todoli di Milano Marittima, contro il San Marino, cogliendo il quarto pareggio consecutivo in trasferta e vedendo rifarsi sotto la Pergolettese seconda, vittoriosa contro il Sasso Marconi (3-0) e ora a -3 dai canarini, campioni d’inverno. In una gara dalle poche emozioni, conclusasi dopo 11 minuti di recupero nella seconda frazione, a causa dell’infortunio del guardalinee Pizzi, il Modena fa la partita, ma non riesce a rendersi pericoloso, se non con una conclusione di Messori nella prima frazione e con una punizione di Ferretti nel finale. Dopo la pausa natalizia, i canarini torneranno in campo domenica 6 gennaio in casa della Vigor Carpaneto.

 

SAN MARINO-MODENA 0-0

SAN MARINO (3-5-2): Pozzi; Guarino, Cola, Gremizzi; Mingucci, Gasperi, De Cristofaro, Pasquini; Marconi; Rrasa (62′ Gasperoni), Cannoni (62′ Santoni, 92′ Salcuni). A disposizione: Benedettini, Tamagnini, Cevoli, Marconi, D’Addario, Donati, Evaristi. Allenatore: Simone Muccioli.

MODENA (4-3-3): Dieye; Ndoj, Dierna, Perna, Zanoni; Boscolo Papo (61′ Duca), Pettarin (98′ Loviso), Messori; Montella (78′ Ferretti), Ferrario, Baldazzi (92′ Sansovini). A disposizione: Piras, Magliozzi, Berni, Rabiu, Bellini. Allenatore: Luigi Apolloni.

Arbitro: Sig. Bianchini di Perugia (Assistenti: Biancucci-Pizzi).

Note: Ammoniti: Messori (M), Dierna (M), Guarino (S), Pettarin (M), Gasperi (S), Ferretti (M).

 

 

La partita

Per l’ultima gara del girone d’andata, allo stadio Todoli di Milano Marittima, contro il San Marino, Apolloni conferma il consueto 4-3-3, in cui Sansovini perde il ballottaggio con Baldazzi per affiancare Montella e Ferrario nel tridente d’attacco e l’influenzato Loviso parte dalla panchina, lasciando spazio in cabina di regia a Pettarin, ai cui lati operano Boscolo Papo e Messori. In difesa, nessuna novità: a protezione di Dieye ci sono i terzini Ndoj e Zanoni e i centrali Dierna e Perna. In panchina, si rivede Rabiu, al rientro dopo l’operazione al menisco che lo ha tenuto fuori circa un mese. Il San Marino di mister Muccioli, reduce da due vittorie consecutive, si oppone ai canarini con un coperto 3-5-2, in cui il tandem d’attacco è composto da Rrasa e Cannoni.

La prima frazione di gioco è molto combattuta ma povera di occasioni da gol: il San Marino si chiude in difesa, trasformando il 3-5-2 di partenza in un più difensivo 5-3-2, che impedisce ai canarini di trovare varchi nella metà-campo avversaria. I gialli provano a prendere nelle loro mani le redini della partita, ma riescono a calciare in porta solamente in due occasioni. Prima, al 6′, Boscolo Papo calcia da fuori area, ma il suo debole tiro viene bloccato facilmente da Pozzi, poi, al 28′, lo stesso portiere di casa si supera su una conclusione dal limite di Messori. Sulla respinta si avventa Boscolo Papo, che rimette in mezzo, non riuscendo a trovare nessun compagno al centro dell’area.

In avvio di ripresa, il San Marino prende coraggio e prova ad affacciarsi nella metà-campo dei canarini: al 52′, su azione di contropiede nata da un corner per il Modena, Gaspari è libero di calciare a tu per tu con Dieye, ma da pochi passi manda alto sopra la traversa. All’ora di gioco, arriva il momento dell’esordio del neo-acquisto Duca, arrivato nel mercato invernale dal Pavia. A lasciargli il posto è Boscolo Papo. Al 66′, però la gara viene sospesa per diversi minuti dal direttore di gara Bianchini a causa dell’infortunio rimediato dal guardalinee Pizzi, che, fortunatamente, riesce a riprendere il proprio posto e a concludere la gara. Apolloni cerca insistentemente la vittoria e lo dimostra con i cambi. Prima, al 78′, entra Ferretti per Montella, andando ad affiancarsi a Ferrario in un inedito 4-4-2. Poi, nel corposo recupero (11 minuti), dopo che il ‘Rulo’ ha sfiorato il gol del vantaggio all’85’, con un missile su punizione, respinto da Pozzi, il mister canarino si gioca le carte Sansovini per Baldazzi e Loviso per Pettarin, alla ricerca del gol che consegnerebbe la vittoria ai gialli. L’assalto finale del Modena, però, produce solamente una vigorosa protesta dei giocatori canarini per un presunto fallo di mano in area di Gremizzi, non sanzionato dal direttore di gara, al 94′.

Il Modena si deve, perciò, accontentare del quarto pareggio consecutivo in trasferta e vede ridursi a 3 i punti di vantaggio dalla Pergolettese seconda in classifica.

 

 

Simone Guandalini

Foto: modenacalcio.com

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy