Privacy Policy

Reyer (dis)Umana: Tonut e Watt affondano una Virtus senza bussola

by • 4 novembre 2018 • evidenza, Virtus BolognaComments (0)133

Legabasket Poste Mobile Serie A – 5^ giornata

Umana Reyer Venezia – Virtus Segafredo Bologna 94-75

(21-19, 48-35, 69-50)

 

I tabellini

Venezia: Haynes 5, Stone, Bramos 4, Tonut 21, Daye 12, De Nicolao 6, Vidmar 12, Jerkovic, Biligha 12, Giuri 5, Cerella, Watt 17.All. De Raffaele, 1° Ass. Baioni, 2° Ass. Billio, 3° Ass. Tucci

Bologna: Punter 12, Martin, Pajola, Taylor 10, Baldi Rossi 4, Cappelletti 3, Kravic 9, Aradori 22, Berti ne, M’Baye 8, Cournooh, Qvale (K) 7. All. Sacripanti, 1° Ass. Griccioli, 2° Ass. Fedrigo

Arbitri: Lo Guzzo C. (PI) – Martolini A. (RM) – Quarta D. (TO)

Segnapunti: Zanella M. (VE)

Cronometrista: Alessio M. (VI)

24 Secondi: Posenato D. (PD)

Spettatori: 3500 ca.

 

04.11.2018, PalaSport “Taliercio”, Mestre, Venezia (VE) – Se la Coppa non basta.

Torna a perdere la Virtus, e nonostante l’imbattibilità di Coppa a lenire qualche malumore non riesce a scacciare via i fantasmi di Cremona, soccombendo ad una Reyer che pare inarrivabile per tasso fisico e qualità.

Dura appena 10′ il match dei bianconeri, che tengono il campo e il ritmo fino a che Daye diventa un bersaglio (3 falli in un amen) e Martin non deve lasciare il campo per un problema muscolare: da quel momento, il buio. De Raffaele ordina la zona, e i lunghi virtussini scompaiono dal campo, complice una serata piuttosto infelisce al tiro.

Ma l’hombre del partido per Venezia è Tonut, autore di 21 punti e vero fattore nel ribaltamento delle sorti della partita.

Domenica arriva Cantù, in quel PalaDozza che ancora non ha visto vincere la Virtus in campionato: una chiamata d’emergenza per una Virtus che, in estate, era stata indicata tra le invitate del ballo ma al momento fatica a trovare continuità e sicurezze.

La cronaca

Torna Qvale per la Virtus, Vidmar schiaccia dopo una bella combinazione, Bramos risponde a Punter per il 4-2. Fallo di Stone su Punter: 2 su 2 e nuovo pareggio a quota 4. Qvale controlla, Taylor attacca in penetrazione e scarica su Aradori per la tripla del 4-7. Haynes replica in sospensione, Venezia cerca di sfruttare i propri mismatch, in particolare con Daye nei confronti degli esterni bolognesi. Daye spintona Punter, Qvale in sottomano trova il +3 Virtus; Venezia fatica a creare in attacco, ne approfitta la Virtus per giocare a difesa schierata, e M’Baye provoca il 2° fallo di Daye a 5’45”. In lunetta il #24 fa 1 su 2, ma Qvale rimane dietro a Vidmar e segna l’8-10; Punter segna da 3 il 10-15 a 3’40”, De Raffaele lancia De Nicolao, Bramos sbaglia ma poi Venezia segna con Tonut; M’Baye è bravo a trovare il mismatch in post appoggiano il 13-17 a 3’. Entra Watt per la Reyer, ma la difesa Virtus lavora bene e non lascia correre i padroni di casa; altra palla persa di Venezia, Martin attacca il fondo ma senza fortuna, mentre per Venezia è Tonut l’uomo della Reyer, che segna  5 punti consecutivi per il 18-17 dei padroni di casa. Il libero aggiuntivo di Tonut entra, Cournooh combina bene con Baldi Rossi per il 19-19 ma Watt segna in semi gancio; ultimo possesso Virtus, ma Taylor va piuttosto lontano dal fondo della retina.

Pronti, via e Taylor alza per Kravic (21-21), torna Aradori proprio per Taylor che ha problemi di falli; Kravic spazza il ferro, Biligha stoppa Watt, M’Baye stoppa Cerella, poi arriva Watt e segna subendo il fallo: 23-21. De Raffaele tenta la carta della zona, m Baldi Rossi risponde presente, prima che ancora Tonut si prenda la scena con la tripla del 28-23, su cui Sacripanti è costretto a chiamare timeout. La Virtus sbatte contro la zona veneziana, ma trova con Aradori il canestro del -3; Kravic commette fallo su Watt che non sbaglia e porta Venezia sul +5, con la Virtus ad abbassare il quintetto schierando M’Baye e Baldi Rossi. Aradori segna in isolamento, la Virtus subisce le incursioni di Tonut e Watt (34-27 a 5’57”); Aradori risponde a Tonut, Daye si prende spazio in area contro Kravic e segna il 38-30 a 4’17”. Torna Qvale sotto canestro, Daye si vede fischiato il proprio 3° personale, ma la Virtus fa 0/2 con Qvale e non sembra avere idee per attaccare la difesa veneziana. Cappelletti lavora bene a rimbalzo e viene mandato in lunetta da Vidmar: 1 su 2 e -7 Bologna. Dopo il timeout è Bramos a ricevere in ritmo, con Venezia a segnare il +9 a 2’19” dall’intervallo. Qvale va in lunetta e fa 1 su 2 per il -8 virtussino, ma si accende Haynes con la tripla del +11, dopo un buon lavoro difensivo dei bianconeri. Vidmar manda in lunetta Punter (1 su 2), in una serata storta ai tiri liberi per la squadra bianconera; Watt segna da 3 e manda Venezia sul +13, ma sempre Watt si beve Kravic per la schiacciata del 48-35, punteggio su cui si chiude il secondo periodo di gioco.

Subito Vidmar per Venezia, Taylor risponde in sospensione per il 50-37; Daye segna dalla lunetta, Taylor perde palla nel tentativo di servire Qvale, Vidmar ne segna altri 2 in lunetta per il massimo vantaggio Umana (54-37). Qvale cerca di rispondere da centro area (56-39), e Sacripanti ordina la zona che recupera un pallone prezioso, ma Daye trova il canestro del +20 a metà terzo periodo. Punter stoppa Haynes, Aradori e Kravic non trovano il fondo della retina; Tonut continua a non sbagliare in attacco (64-41), Punter d’orgoglio fa -21. Bramos perde palla sull’ottima difesa di Cournooh, Kravic prende bene il tempo alla difesa veneziana e fa 64-47; ancora Kravic in lunetta, ma la Virtus non riesce a controllare un rimbalzo e subisce l’atletismo di Biligha. Antisportivo di Punter, che lascia il campo ad Aradori, ma ancora Biligha punisce i mismatch con 4 punti di fila per il 69-48, prima che Aradori faccia 69-50 all’ultimo intervallo.

Baldi Rossi perde palla contro Watt, Biligha schiaccia il 71-50; Taylor ci prova, ma la Virtus è sfilacciata e Tonut appoggia il nuovo +21. La difesa allungata di Bologna produce una palla persa di Venezia, ma Venezia si organizza in fretta e punisce la difesa alta virtussina, andando a segnare con Watt il 75-56; Aradori appoggia, Bologna subisce la presenza di Biligha che mantiene Venezia sul +18, prima che il ritorno di Daye faccia +21. Buona difesa di Pajola su Tonut, Qvale non sfrutta la propria posizione interna; segna Daye in sottomano, e Bologna continua nel suo momento di confusione. Punter risponde a Giuri, ma Biligha mantiene alta l’intensità e continua a segnare, fino al 94-75.

 

 

(Foto: Virtus Segafredo Bologna)

 

 

Lorenzo Gualandi

 

 

Iscriviti a Timeout Basketball

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy