Cookie Policy

SASSUOLO COMANDA: anche Pavullo si inchina ai Blackbirds.

by • 13 Gennaio 2012 • Prima Divisione, TimeOutComments (0)1230

 

 

Campionato di Pallacanestro Prima Divisione Maschile, Girone D:

ASD Polisportiva Pavullese 49 – 65  ASD Pallacanestro Sassuolo

 

I tabellini

Pol. Pavullese Basket: Sorbelli 6, Ricci, D’Andrea 2,  Mesini  8,  Donini 2, Gober 2, Ruggeri 9, Braglia 6, Marescotti M. 1, Marescotti S. 13

ASD Pall. Sassuolo: Nanni 17, Stefani G. 7, Ravazzini 17, Gruppioni  4, Stefani L.,  Casolari 6, Giovanardi 5, Turbati 2, Stefani Tommaso  5, Biagini 2; All. Fossali.

PARZIALI:  14-19, 9-15, 10-16, 16-15

ARBITRO: Sig. TRisiello di Maranello

 

La partita più attesa del girone D del campionato di 1°divisione non ha certo deluso le aspettative.
Alla palestra Da Vinci di Pavullo è andata in scena una gara emozionante e decisamente intensa, che ha visto prevalere gli ospiti, autori di una grandissima partita.
Per i Sassolesi era in gioco, oltre alla leadership del girone, anche l’esame “di maturità” viste le ultime prestazioni in cui il gioco espresso era in fase involutiva. Esame ampiamente superato.
Sassuolo si presenta a Pavullo con la miglior formazione disponibile, e confermando Gruppioni come esterno “atipico”. La Polisportiva Pavullese cerca di mantenere l’imbattibilità sull’asse Mesini – Ruggeri – Marescotti S.
Pronti-via, Marescotti segna il 2-0 che sarà il primo e unico vantaggio dei padroni di casa. Il capitano Nanni (MVP del match) si carica sulle spalle la squadra, firmando i primi 6 punti per gli ospiti (una tripla e un gioco da 3 punti). Giovanardi (Sassuolo) svolge egregiamente il suo ruolo di mastino, difendendo su Ruggeri che viene limitato e obbligato a forzare con scarsi risultati; Pavullo fatica a trovare la via del cesto, e sono alcune leggerezze difensive degli ospiti a permettere a Marescotti S. (miglior realizzatore dei suoi e ottimo assistman) di trovare compagni liberi sui raddoppi per canestri semplici. Sassuolo capisce che la chiave della partita è nel ritmo, e ogni volta che i sassolesi riescono a far correre la palla, Pavullo si trova in difficoltà, e solo ricorrendo ai falli riesce a limitare i danni. Al termine della primo quarto, gli ospiti sono al comando sul punteggio di 14-19.
Nel secondo quarto, Stefani G. prende le contromisure a Marescotti, e Pavullo ha un passaggio a vuoto. Ne approfittano gli ospiti, che trovano punti e precisione anche dagli uomini della panchina, e aumentano il vantaggio di altre 6 lunghezze, andando al riposo sul 23-34, e dimostrando sul campo una superiorità fisica e un gioco decisamente più fluido. Merito di questo vantaggio soprattutto l’attenzione  e la grinta difensiva che in tante altre occasioni era mancata.
Nella terza frazione di gioco, i padroni di casa tentano di cambiare le sorti del match passando a zona. Nanni ricomincia il suo show, e Ravazzini decide di fare l’abbonamento “premium” al tiro libero: per lui a fine partita 17 punti, con un 12/14 ai liberi. Durante un contropiede dello stesso Ravazzini, Ruggeri tenta la stoppata commettendo fallo e lamentandosi platealmente nei confronti dell’arbitro, che non ci pensa due volte a sanzionare un fallo tecnico che risulterà essere il 5° fallo personale. La partita di Ruggeri termina quindi decisamente in anticipo, e non è una bella notizia per i padroni di casa, anche perché il giocatore aveva iniziato a trovare la via del canestro proprio in questa frazione (7 i suoi punti dei 10 messi a referto da Pavullo nella 3° frazione).
Da qui in poi, solo zona per Pavullo, che viene punita per 2 volte dall’arco da Casolari, al rientro dopo 2 mesi. Sassuolo mantiene il controllo della partita trovandosi anche sul +18.
Nella prima metà dell’ultimo quarto, un momento di sbandamento degli ospiti pare ridare fiducia alla compagine Pavullese, ma è solo un’illusione. Sassuolo infatti, dopo aver buttato al vento 4-5 azioni consecutive per la troppa fretta, riprende a macinare gioco e a stringersi in difesa.
A 3’ dalla fine, il tabellone dice +12 Sassuolo, e Pavullo decide di giocare fino in fondo con il fallo sistematico. La partita diventa infinita, almeno 10 in falli sanzionati in queste ultime fasi . Ma la scelta dei padroni di casa risulterà sbagliata: grazie alla freddezza di Ravazzini infatti, Sassuolo aumenta il proprio bottino chiudendo la partita sul +16, 49-65.
Molto soddisfatto coach Fossali, consapevole di avere ancora margini di miglioramento per la sua squadra ma orgoglioso di quanto fatto sul campo, contro una squadra completa e determinata come il Pavullo.
Al di là dei 2 punti e dell’imbattibilità, per i Sassolesi è fondamentale anche aver vinto con uno scarto di queste dimensioni, in vista di eventuali classifiche avulse.
MVP della partita il capitano dei sassolesi Alessandro Nanni. Per lui 3/4 da 2, 2/5 da 3, 5/5 ai liberi, oltre a 5 rimbalzi e la capacità di gestire con ordine e intelligenza le varie fasi del match.
Ottima la prestazione corale difensiva, finalmente senza amnesie e con i lunghi in pieno controllo delle plance. Con qualche attenzione in più nei passaggi, e con qualche leggerezza in meno nelle cose semplici (leggi contropiedi sbagliati 1 contro 0) i Sassolesi possono davvero andare lontano.

Il Merlo

Diventa fan della pagina TimeOut & TimeOut Nba su Facebook 🙂

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy