Cookie Policy
Sassuolo Atalanta Coppa

Sassuolo, la sveglia suona tardi: ai quarti di Coppa Italia ci va l’Atalanta

by • 20 Dicembre 2017 • ConcretaCalcio, NeroVerde, U.S. SassuoloComments (0)412

RESTANO un tabù i quarti di finale di Coppa Italia per il Sassuolo, che nella propria storia non è mai riuscito ad entrare tra le prime otto squadre del torneo nazionale. A sfidare il Napoli il 2 gennaio, infatti, ci andrà l’Atalanta, capace di imporsi sui neroverdi per 2-1. Dopo una settantina di minuti dominati dai padroni di casa (due reti e due legni già nel primo tempo per gli uomini di Gasperini), l’ingresso di Politano ha dato la scossa, spaventando un po’ i nerazzurri che fino al gol del 2-1 non avevano mai rischiato. L’assalto finale del Sassuolo, tuttavia, non è bastato per portare l’incontro ai tempi supplementari. Da oggi si penserà solo al campionato, un campionato in cui ci sarà da lottare per mantenere la massima categoria.

LE SCELTE – Turnover massiccio per entrambi i tecnici. Iachini cambia ben dieci undicesimi rispetto alla formazione scesa in campo domenica scorsa a Genova: l’unica conferma è per Acerbi, giunto alla centunesima gara consecutiva. Nel 4-3-3 neroverde fra i pali c’è Pegolo, al centro della difesa insieme ad Acerbi c’è Cannavaro, con Gazzola e Rogerio larghi. In regia Mazzitelli, affiancato da Cassata e Frattesi. Tridente offensivo composto da Pierini, Matri e Ragusa. Tanti, quindi, i giovani in campo: per Frattesi, classe ’99, è l’esordio assoluto con la maglia del Sassuolo, mentre per i classe ’98 Rogerio e Pierini è la prima da titolari. Dall’altra parte, Gasperini li cambia addirittura tutti e undici rispetto al match di tre giorni fa con la Lazio: nel suo 3-4-1-2 l’ex Kurtic funge da trequartista alle spalle di Orsolini e Cornelius.

DOMINIO DEA – In un primo tempo quasi esclusivamente di marca atalantina, i padroni di casa trovano il gol del vantaggio al 16′: Cornelius scatta sul filo del fuorigioco per sfruttare il lancio lungo di De Roon, poi entra in area e da posizione defilata lascia partire un sinistro che sorprende Pegolo sul proprio palo. I nerazzurri sfiorano il bis al minuto 31 con un palo colpito da Orsolini, ma per il raddoppio c’è poco da aspettare: al 33′, sugli sviluppi di un corner calciato dallo stesso Orsolini, Toloi salta più in alto di tutti e di testa sigla il 2-0. Nel finale di tempo, precisamente al secondo minuto di recupero, l’Atalanta va vicinissima alla terza rete, ma la traversa dice di no alla gran conclusione di Kurtic.

SCOSSA POLITANO – Dopo una decina di minuti dall’inizio della ripresa Iachini opera un doppio cambio: dentro Magnanelli e Falcinelli, fuori Cassata e Pierini. Il Sassuolo, tuttavia, non riesce a rendersi pericoloso: al 74′ allora il tecnico neroverde prova il tutto per tutto, inserendo Politano per Frattesi. Non passa nemmeno un minuto ed ecco la rete del 2-1: subito decisivo Politano, che libera Gazzola sulla destra, il quale lascia partire un cross basso che Toloi devia nella propria porta nel tentativo di anticipare Matri. Si riaccende così una partita che sembrava in pieno controllo dell’Atalanta. Dopo soli due minuti gli ospiti sfiorano il pari: sugli sviluppi di un contropiede, Politano va vicinissimo al palo con una gran conclusione da posizione defilata. Al minuto 89 Kurtic lascia i padroni di casa in dieci uomini per un fallo di reazione, ma non bastano cinque minuti di recupero al Sassuolo che, pur provandoci fino alla fine, non riesce a riportare la gara in parità.

ORA L’INTER – Accantonata la Coppa Italia, il Sassuolo ha altre tre gare prima della sosta invernale. Questo trittico inizia sabato in casa con l’Inter, poi due trasferte: il 30 dicembre con la Roma e il 6 gennaio col Genoa. Tre sfide toste, nelle quali serve portare a casa qualche punto per affrontare con più serenità la seconda parte della stagione.

 

ATALANTA-SASSUOLO 2-1

RETI: 16′ Cornelius (A), 33′ Toloi (A), 74′ aut. Toloi (A)

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Mancini, Bastoni; Castagne, Haas (66′ Joao Schmidt), De Roon, Gosens; Kurtic; Orsolini (84′ Ilicic), Cornelius (88′ Gomez). A disp: Berisha, Rossi, Masiello, Caldara, Vido, Melegoni, Hateboer, Spinazzola, Barrow. All. Gian Piero Gasperini.

SASSUOLO (4-3-3): Pegolo; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Rogerio; Cassata (54′ Magnanelli), Mazzitelli, Frattesi (74′ Politano); Pierini (54′ Falcinelli), Matri, Ragusa. A disp: Consigli, Marson, Missiroli, Peluso, Scamacca, Lirola, Goldaniga, Berardi, Duncan. All. Giuseppe Iachini.

ARBITRO: Ghersini di Genova (Assistenti: Rocca e Lanotte; VAR: Giacomelli e Ranghetti).

NOTE: Espulso all’89’ Kurtic (A) per condotta violenta. Ammoniti Cassata (S) e Rogerio (S).

 

Riccardo Corradini

 

Foto: sassuolocalcio.it

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy