Cookie Policy

Sassuolo-Empoli 3-1 le parole di De Zerbi e Andreazzoli

by • 21 Settembre 2018 • ConcretaCalcio, evidenza, NeroVerde, news, U.S. SassuoloComments (0)689

A conti fatti non può che essere soddisfatto dei suoi Roberto De Zerbi, oltre alla vittoria di questa sera contro l’Empoli, si aggiungono il momentaneo secondo posto in classifica e il miglior attacco del campionato con 12 goal siglati, ovviamente in attesa delle altre partite. Il mister neroverde è consapevole di aver affrontato una squadra ben messa in campo: “Ammetto che non dormo da 5 notti, stasera abbiamo giocato contro degli avversari che giocano con le nostre stesse armi. Più che di occasioni concediamo un po’ di possesso e questo non mi piace”. I complimenti alla squadra empolese non mancano e De Zerbi ammette di aver vinto la partita con altri mezzi oltre al gioco espresso in campo: “Non dobbiamo avere vergona di vincere le partite in altri modi al di fuori dei tatticismi e del gioco. Stasera abbiamo usato il cuore, la testa, il carattere e abbiamo sfruttato a dovere un calcio piazzato a nostro favore. Inizialmente non avevamo la brillantezza giusta; non siamo ancora bravi ad aggredire il portatore di palla, dobbiamo porci l’obiettivo di migliorare questo aspetto.” Continuano gli elogi per i toscani: “l’Empoli crea tanto contro tutti, lo ha fatto sia contro la Lazio sia contro il Cagliari e sta raccogliendo poco rispetto a ciò che ha proposto”.
Miglior attacco ma anche ben 8 goal subiti in queste prime 5 partite, però l’allenatore bresciano non è d’accordo con chi sostiene che la fase difensiva sia da bocciare completamente: “Prendiamo tanti goal? E’ vero, ma vanno analizzati uno per uno, chiaro che noi per vocazione saremo sempre più orientati verso un calcio più offensivo proprio per caratteristiche dei miei giocatori.” Dopo i 3 punti si gode il secondo posto solitario ma frena gli entusiasmi su possibili piazzamenti finali in zone troppo prestigiose: “Siamo secondi perchè abbiamo fatto bene 5 partite, ma sappiamo che non è la nostra dimensione dove siamo al momento: chiaro che cercheremo in tutti i modi di difendere la nostra posizione. Abbiamo appena iniziato, siamo giovanissimi e non ci poniamo nessun obiettivo irrealistico come Champion’s o Europa League. Quello che dobbiamo fare è mantenere lo spirito del divertimento e provare ad andare oltre le nostre possibilità sapendo però da dove arriviamo, ciò non significa accontentarsi ma semplicemente viaggiare coi piedi molto per terra. Una piccola analisi su queste prime partite le schematizza così: “Abbiamo incontrato le due squadre sulla carta più forti del campionato e alcune squadre al nostro livello. Io di tabelle non ne faccio, penso sempre a preparare le partite puntando a un solo risultato ovvero la vittoria, e tra le prime 5 le migliori sono state quelle di Torino contro la juve e quella di Cagliari interpretata in maniera diverse l’un l’altra, potevamo raccogliere di più contro i rossoblù e a Torino, se contiamo le potenziali occasioni, forse tra qualche mese avremmo potuto raccogliere qualcosa in più. Detto tutto questo sono orgoglioso della mia squadra e ribadisco che l’ambizione non ci mancherà mai.”

Di poche parole il mister degli azzurri che non nasconde i tanti rimpianti: “Il rammarico c’è e non si può negare. Abbiamo avuto diverse occasioni per concretizzare contro una squadra stimolante che gioca molto bene con giocatori di qualità. Non siamo stati bravi e fortunati a concludere quello che abbiamo costruito per tutto il corso della partita. Chiaro che può succedere di tutto, anche prendere un goal da calcio d’angolo come ci è capitato questa sera. Purtroppo non siamo riusciti a giocarcela fino alla fine, data l’espulsione a 25 minuti dal termine della gara. Volevamo tenere viva la partita, poi il terzo goal ci ha dato la mazzata finale. Ora non voglio fare nessuna polemica, ma credo che la palla fosse uscita sull’azione del terzo gol del Sassuolo, a mio avviso l’arbitro ha visto male.”

 

 

Stefano Accardo

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy