Privacy Policy
Falcinelli

Sassuolo, Falcinelli: “Fame e umiltà per raddrizzare la stagione”

by • 7 dicembre 2017 • ConcretaCalcio, NeroVerde, U.S. SassuoloComments (0)42

“HO RICORDI bellissimi di Crotone, della città, della squadra e di tutto l’ambiente, però domenica non posso permettermi di guardare in faccia nessuno: dobbiamo cercare di vincere per superare in classifica una diretta avversaria. Sarà una partita complicata e delicata per entrambe, però noi vogliamo assolutamente rimettere in piedi questo campionato”. A parlare è Diego Falcinelli, assoluto protagonista della cavalcata che ha portato il Crotone ad un’epica salvezza nella passata stagione, con ben tredici gol segnati. Oggi, però, l’attaccante classe ’91 veste neroverde e sa bene quanto sia importante la sfida in programma domenica (ore 18) al ‘Mapei Stadium’. Il Sassuolo, infatti, ha solo un punto di vantaggio sul terz’ultimo posto, attualmente occupato dalla Spal, e, in vista di un finale di 2017 parecchio duro, deve a tutti i costi far risultato contro i calabresi, che li sopravanzano di una lunghezza.

SENZA NICOLA – Se Atene non piange, Sparta non ride. Se qui a Sassuolo la situazione non è delle più rosee, a Crotone infatti il mare è ancora più in burrasca. Dopo quattro k.o. di fila tra campionato e coppa, in settimana sono arrivate anche le dimissioni di mister Davide Nicola. “Secondo me – dice Falcinelli, uno che conosce bene l’ambiente – senza di lui la squadra ha perso tantissimo. Al di là del lato tecnico, è un motivatore, uno che ci mette sempre la faccia, una persona straordinaria che guarda sempre i lati positivi e non fa pesare gli errori. Tutti si fidavano di lui, lì era come Dio sceso in Terra. Penso che loro possano risentire del fatto di aver perso il condottiero, il punto di riferimento. Dovremo essere abili a sfruttare questa situazione, che per noi può essere un vantaggio. Mi aspetto, comunque, un Crotone agguerrito, che vorrà far punti e che saprà chiudersi: dovremo essere pazienti e avere l’atteggiamento giusto”.

FAME E UMILTA’ – A proposito di allenatori, l’attaccante umbro racconta i primi giorni sotto la guida di Giuseppe Iachini: “E’ un grandissimo lavoratore, cura ogni minimo dettaglio. Tiene tutti sulla corda e fino ad un’ora prima della partita non ci fa capire chi giocherà. In campo, tuttavia, non ci va l’allenatore, ma noi giocatori: dobbiamo mettere in campo fame, cattiveria, compattezza, cose che fin qui sono talvolta mancate. Così come un pizzico di umiltà: dobbiamo prendere atto del fatto che oggi siamo una squadra che lotta per la salvezza. Se non ci si cala in questa situazione, poi diventa difficile. Però sono convinto che domenica porteremo a casa la vittoria”.

DIEGO CHIARISCE – In chiusura di conferenza stampa, Falcinelli fa una precisazione a proposito di un’intervista uscita in estate nella quale si diceva che lo stesso attaccante non volesse tornare a Sassuolo: “Io non avevo assolutamente detto quelle parole, erano state riportate male da un giornale locale di Perugia”. Sui suoi primi mesi stagionali, poi, dice: “Il bilancio non è positivo, mi aspettavo molto di più. Ma oggi voglio solo ed esclusivamente che la squadra esca da questa situazione”.

 

Riccardo Corradini

 

Foto: sassuolocalcio.it

 

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this pageEmail this to someone
©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy