Cookie Policy

SASSUOLO IN SCIOLTEZZA: 3-0 AL CAGLIARI

by • 26 Gennaio 2019 • ConcretaCalcio, evidenza, NeroVerde, news, U.S. SassuoloComments (0)62

Sassuolo che inaugura la ventunesima giornata di Serie A con l’anticipo delle 15:00 al “Mapei”, esce vittorioso da una partita mai troppo in discussione, gli ospiti, il Cagliari, non sono mai stati pericolosi e capaci di fare male. La squadra di De Zerbi sembra aver reagito bene anche senza Boateng e qualche infortunio di troppo.

 

SASSUOLO-CAGLIARI 3-0

RETI: Locatelli (9′), rig. Babacar (49′), Matri (87′)

NOTE: Ammoniti: Barella (C), Peluso (S)

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio; Locatelli, Magnanelli (Duncan 75′), Bourabia; Berardi, Babacar (Matri 69′), Djuricic (Boga 65′). A disp. Satalino, Pegolo, Lemos, Scamacca, Ferrari, Di Francesco, Dell’Orco, Adjapong, Brignola. All. Roberto De Zerbi.

Cagliari (4-4-2): Cragno; Srna (Padoin 77′), Pisacane, Ceppitelli, Farago; Ionita, Barella, Cigarini (Birsa 63′), Lykogiannis (Farias 46′) ; Joao Pedro, Pavoletti. A disp. Rafael, Aresti, Pajac, Bradaric, Deiola, Verde, Lella, Romagna. All. Rolando Maran

Arbitro: Irrati di Pistoia.

 

Uno sguardo al mercato. Sassuolo che in settimana ha salutato il suo “principe” Boateng, l’attaccante ghanese ha sposato la causa blugrana per far parte di una delle squadre più forti del mondo; dopotutto a chi non piacerebbe giocare al fianco di Messi & Co.? Scelta comprensibile e condivisibile quindi la sua, che a 31 primavere non sembra volersi dare per finito: il suo prossimo obiettivo? Sarà provare a vincere la Champions League, mica poca cosa.

Come arrivano i Neroverdi. Archiviata l’ottima trasferta di “San Siro”, con un buon punto messo in tasca, il Sassuolo ha bisogno di invertire la rotta; infatti l’ultima vittoria risale a cinque giornate fa, la vittima fu il modesto Frosinone. La squadra di De Zerbi è stata elogiata in più occasioni per il suo gioco offensivo e spumeggiante, ma la difesa continua a prendere troppi gol e i cali di concentrazione non sono sporadici. Quale occasione migliore, quest’oggi, per tornare a vincere? La prima apparizione del 2019 dei neroverdi tra le mura amiche dovrà essere di quelle da incorniciare.

Ex al veleno. Pavoletti torna al “Mapei” da avversario vestendo la casacca cagliaritana, già nella partita d’andata è riuscito a far male al Sassuolo segnando addirittura una doppietta. Un’amore mai sbocciato quello tra l’ex Genoa (e Nazionale) ed i Neroverdi; Leonardo ha sempre faticato a trovare posto nello scacchiere di Di Francesco nonostante l’ottima esperienza al Varese. Lui ha risposto a suon di gol, insomma quello che meglio gli riesce.

 

La partita. Pronti, via ed il Sassuolo mette subito sul binario giusto la gara, impiega soli 9 minuti per portarsi in vantaggio. Berardi converge con la palla verso il centro del limite dell’area; è la mattonella giusta per il suo più classico dei gol e calcia: Cragno si oppone alla conclusione dell’attaccante calabrese, ma non è preciso e respinge a pochi centimetri dall’accorrente Locatelli che impensierisce la difesa sarda dall’area piccola; traversa gol.
Pochi minuti dopo, invece, l’estremo difensore degli isolani si riscatta con una parata degna di nota su calcio di punizione di Bourabia guadagnato da Djuricic (nell’occasione ammonito Barella), grazie ad una parata felina dice di no al centrocampista neroverde.
Cagliari che ora deve attaccare e reagire per cercare il gol del pareggio, ma fatica davanti a trovare la giusta giocata, il Sassuolo non sembra correre rischi.
Sassuolo che si rende pericolo a fine frazione con un tiro-cross basso velenoso di Lirola, Cragno è di nuovo provvidenziale.
Quando ormai le squadre sembrano pronte a prendere un thè caldo, il VAR richiama l’attenzione di Irrati per un possibile contatto in area Ceppitelli-Djuricic: il direttore di gara decreta il calcio di rigore in favore dei neroverdi. Dal dischetto si presenta Babacar (qualche scintilla con Berardi per appropriarsi della sfera) che insacca alle spalle del portiere; il centravanti del Sassuolo batte Cragno, che rimane impietrito come una statua di sale, ed è 2-0.

Seconda frazione che inizia come la prima, i più pericolosi sono i padroni di casa, il Cagliari si limita a mantenere il possesso della sfera, e ancora Cragno al 51′ si rende protagonista sulla conclusione ravvicinata di Lirola.
Dopo 10 minuti Rogerio ha l’opportunità di chiudere definitivamente la partita, ma spreca una colossale palla-gol sotto porta dopo l’ottimo servizio di Bourabia, la palla termina sopra la traversa.
Quando mancano cinque minuti al termine del match è Boga ad avere la sua opportunità da dentro l’area di rigore, ma si vede respingere la sua conclusione dall’ottimo Cragno (il migliore dei sardi per distacco quest’oggi); l’occasione del centrocampista neroverde è solo il preludio al terzo gol, che arriva all’ 87′.
Duncan porta palla sull’esterno di destra ed offre un assist d’oro all’ex Matri che, colpevolmente dimenticato dalla difesa sarda, insacca alle spalle di Cragno e mette il punto esclamativo sul match.

 

Foto: www.sassuolocalcio.it

 

Francesco Collioli

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy