Cookie Policy
Spal Sassuolo

Sassuolo, un punticino con la Spal. Ora non c’è margine sulla zona B…

by • 11 marzo 2018 • ConcretaCalcio, NeroVerde, news, U.S. SassuoloComments (0)505

 

E’ UNA lotta accesissima quella che riguarda i bassifondi della Serie A. In soli quattro punti ci sono ben sei squadre, due delle quali dovranno retrocedere. Le vittorie di Verona e Crotone dimostrano che praticamente tutte possono ancora dire la loro: soltanto il Benevento, a cui serve un’impresa epocale, sembra spacciato. Questa la situazione: Cagliari 26, Chievo 25, Crotone 24, Sassuolo 24, Spal 24 (con una partita in più), Verona 22, Benevento 10. Come potete notare, i neroverdi non hanno più punti di margine sul terzultimo posto.

 

TUTTO IN 4′ – Al Mapei Stadium, tra Sassuolo e Spal, è maturato un 1-1 caratterizzato da un ‘botta e risposta’ nel giro di quattro giri d’orologio. Al minuto 27 gli ospiti, partiti complessivamente meglio, concretizzano la prima vera palla-gol del match: capitan Antenucci sfrutta la perfetta imbucata di Schiattarella e da pochi metri supera Consigli. La reazione dei padroni di casa è immediata: Babacar al 31′ spiazza Meret dagli undici metri, trasformando un rigore causato dal tocco col braccio di Lazzari sul cross di Politano. Nel finale del primo tempo, poi, il Sassuolo va per tre volte vicinissimo al vantaggio. Doveri, dopo aver consultato il Var, fischia nuovamente un penalty a causa di un fallo di mano commesso da Grassi sul cross di Babacar: questa volta, al 46′, sul dischetto va Politano, ma Meret intuisce. Nel secondo minuto di recupero, poi, il giovane portiere è bravissimo sulla conclusione di Magnanelli e deve, infine, ringraziare la traversa che dice ‘no’ al colpo di testa di Ragusa.

 

ORA UDINE – In una ripresa caratterizzata da ritmi piuttosto bassi, se c’è una squadra che va maggiormente vicina al gol del vantaggio è quella di Iachini, che modifica il suo assetto tattico abbandonando il 4-3-3 del primo tempo e passando al 3-5-2, che diventa addirittura un 3-4-3 nel finale. Le occasioni sono sostanzialmente due. Al 69′ Babacar, autore di una buona prova, trova prima la respinta di un difensore ospite e poi quella di Meret. A pochi minuti dal termine, poi, c’è un’interessante contropiede che mette paura alla Spal ma non viene concluso al meglio. Tra sei giorni (sabato alle 18) il Sassuolo andrà ad Udine: servirà fare risultato per avvicinarsi alla sosta per le nazionali con una classifica migliore di quella attuale.

 

SASSUOLO-SPAL 1-1

RETI: 27′ Antenucci (Sp), 31′ rig. Babacar (Sa)

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Lirola, Goldaniga, Acerbi, Peluso; Missiroli (76′ Matri), Magnanelli, Duncan (64′ Mazzitelli); Politano, Babacar, Ragusa (84′ Adjapong). A disposizione: Pegolo, Lemos, Biondini, Sensi, Pierini, Frattesi, Rogerio, Cassata, Dell’Orco. Allenatore: Giuseppe Iachini.

SPAL (3-5-2): Meret; Cionek, Vicari, Felipe; Lazzari, Grassi, Schiattarella (90′ Everton), Kurtic, Costa (82′ Dramé); Paloschi (70′ Floccari), Antenucci. A disposizione: Gomis, Marchegiani, Simic, Bonazzoli, Vaisanen, Schiavon, Salamon, Vitale, Viviani. Allenatore: Leonardo Semplici.

ARBITRO: Doveri di Roma 1 (Assistenti: Crispo e Tasso; Var: Mariani e Passeri).

NOTE: Ammoniti Ragusa (Sa), Peluso (Sa), Cionek (Sp), Lazzari (Sp), Grassi (Sp), Mazzitelli (Sa).

 

Riccardo Corradini

 

Foto: sassuolocalcio.it

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy