Cookie Policy

Super Max, ma Lewis è Campione

by • 29 Ottobre 2018 • ConcretaBox, evidenza, newsComments (0)284

In Messico fin dal venerdì è la Red Bull la macchina da battere ed in effetti, se non fosse stato per l’ennesimo guasto subito dallo sventurato Ricciardo, i due tori rischiavano di fare una incredibile doppietta! Alla fine Verstappen porta a casa una bellissima e meritata vittoria, ma purtroppo per lui ancora una volta i riflettori sono tutti per Lewis Hamilton, l’uomo che si unisce di diritto e di forza a quel riservatissimo club dei cinque volte campione del mondo! Eguagliato un certo Fangio ed a caccia di un certo Schumacher, per chi non ne avesse mai sentito parlare due discreti piloti. Quindi complimenti ancora una volta allo straordinario Lewis che porta a casa un risultato incredibile anche se nella sua peggiore uscita stagionale forse!

Ottimi piazzamenti per entrambe le rosse, entrambe a podio ed entrambe molto veloci, ormai tuttavia anche il mondiale costruttori sembra aver preso la strada per Stoccarda, in ogni modo staremo a vedere…

 

Ordine di arrivo

Verstappen, Vettel, Raikkonen, Hamilton, Bottas, Hulkenberg, Leclerc, Vandoorne, Ericson, Gasly

 

PAGELLE:

HAMILTON 6: come fai a dare una sufficienza stiracchiata ad uno che vince il suo quinto titolo mondiale? Concordiamo che sia una assurdità, ma rimane il fatto che in Messico la prestazione sia stata alquanto deludente. Pronti via parte come un razzo, Ricciardo vede una freccia d’argento passarlo quasi parlassimo di categorie diverse, dopo però il nulla. Abbandonato per la seconda volta consecutiva da una macchina decisamente in difficoltà con le gomme, lontana parente dall’astronave a cui eravamo abituati, Lewis si limita a portare la macchina al traguardo. Dopo il “party mode” ecco che la Mercedes sorprende tutti con il “parata mode”, ma in fondo il suo lavoro Lewis lo aveva già abbondantemente fatto nelle puntate precedenti.

VERSTAPPEN 9: dategli la macchina, al resto ci pensa lui. Che campionato incredibile diventerebbe se anche la Red Bull arrivasse ai livelli di Mercedes e Ferrari in termini di continuità. A Max si possono fare tante critiche ma di certo impara in fretta il ragazzo! Dopo un avvio di stagione piuttosto incerto sembra aver trovato la giusta quadra tra velocità ed aggressività, insomma se la Red Bull punta su di lui un motivo ci sarà! Bravissimo a resistere a Lewis in partenza, ancora di più a volare via con un ritmo indiavolato dal primo all’ultimo giro; addirittura dal box gli devono chiedere di rallentare che tanto ormai la concorrenza si è persa per strada.

VETTEL 7.5: fa un ottimo lavoro per tutta la gara rischiando il giusto al momento giusto, spingendo il giusto con il ritmo giusto. Tutto giusto insomma, a parte il momento del campionato in cui lo fa. Purtroppo Seb è indiscutibilmente mancato nella parte di stagione in cui contava esserci ed il buon piazzamento di ieri è destinato a perdersi nel tempo perchè dei secondi purtroppo o per fortuna nessuno se ne ricorda. Molto bello il momento in cui va a congratularsi con Lewis e con tutto il team Mercedes, congratulazioni davvero meritate, i più maliziosi tuttavia lo hanno letto come un tentativo di primo approccio, chissà…

RAIKKONEN 7: ancora un podio per lui e terza posizione nella classifica piloti agganciata, certo non si può dire che il suo lavoro questo anno non lo abbia fatto. Lascerà un buco importante nel team il prossimo anno questo è certo, la domanda è come gestirà la tensione il giovane Leclerc nel tentativo di riempire quel buco.

RICCIARDO 6.5: peccato per quella maledetta partenza! Dopo una pole strepitosa al sabato, purtroppo una partenza davvero troppo lenta alla domenica lo ributta dietro a Max ed a Lewis. Costretto a ricostruire la propria gara, riesce a riconquistare la seconda posizione ma proprio sul più bello, quando era in piena lotta con Vettel, la macchina lo abbandona nuovamente. Daniel deve così parcheggiare con anticipo la propria monoposto; sempre a lui, sarà un caso?

BOTTAS 5: ormai sembra aver perso qualsiasi  motivazione. Dopo essere stato utilizzato come un burattino, o più precisamente come un tappo, per l’intera stagione sembra proprio non averne più. Vedremo se il pilota tornerà pilota queste ultime gare o se sarà proprio lui a dare un’opportunità alla Ferrari per reinserirsi nella lotta per la classifica costruttori. Per ora se continua come nelle ultime due uscite gli possiamo solo suggerire di proporsi come pilota per la safety car, la quale comunque rimane una Mercedes.

 

Classifica piloti

Hamilton 358, Vettel 294, Raikkonen 236, Bottas 227, Verstappen 216, Ricciardo 146

 

Classifica costruttori

Mercedes 585, Ferrari 530, Red Bull 362, Renault 114

 

 

Simone Annovi

 

 

Immagini:

in evidenza, immagine 1 2 e 3 Mercedes AMG Petronas Motorsport FB

 

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy