Privacy Policy

Grandinano triple sulla Virtus a Cremona!

by • 31 marzo 2018 • evidenza, TimeOut, Virtus BolognaComments (0)432

Serie A PosteMobile – 24^ giornata

Vanoli Cremona – Virtus Segafredo Bologna 91-78

 

I tabellini 

Cremona: Johnson-Odom 19, Martin 9, Ruzzier 6, Fontecchio 13, Gazzotti, Diener, Portannese 6, Ricci 4, Diener Drake 20, Sims 12, Milbourne 2, coach Sacchetti

Bologna: Aradori 12, Gentile Alessandro 12, Pajola, Ndoja 7, Lawson 11, Baldi Rossi 3, Lafayette 8, Umeth 13, Gentile S, Slaughter 12, coach Ramagli

Parziali: 23-18, 14-17, 28-19. 26-24

 

La gara come previsto inizia a ritmi estremamente elevati, la Segafredo non cerca di ridurre il numero dei possessi Cremonesi ma prova a correre ancora più veloce in transizione con Aradori e Ale Gentile. Botta e risposta di alley-up, da una parte Gentile-Slaughter, dall’altra Ruzzier-Sims, Vanoli efficace anche dalla lunga distanza, la bomba dell’ex-Fortitudo Ruzzier in particolare segna il canestro del +8 che costringe Ramagli a chiamare il primo minuto. 6 punti filati per Lafayette e i successivi due di Lawson dal centro dell’area valgono la nuova parità. Finale del quarto con breve allungo dei padroni di casa guidati dalla bomba di Travis Diener. 23-18 il punteggio del primo periodo.

Si ricomincia con due bombe filate di Diener che continua a trascinare i suoi con un parziale di 11-0 a cavallo tra primo e secondo periodo: tutto da rifare per le V nere. Segafredo ancora punita con il tiro dalla lunga distanza di Portannese dopo 2 tiri dalla media sbagliati da Ale Gentile. Dopo un lungo digiuno la Virtus torna a segnare con il 2+1 di Slaughter. La Segafredo riesce a stringere le maglie difensive anche se la Vanoli continua a fare male soprattutto con le triple in transizione. Ultima fase del quarto con la Virtus che rientra molto più rapidamente in difesa, togliendo ai padroni di casa l’arma della transizione offensiva. Ancora degni di nota i minuti di Pajola con la grande pressione difensiva su Ruzzier e due bombe aperte tentate. 37-35 il punteggio del primo periodo. Virtus che ritorna a contatto e vince il secondo periodo dopo essere sprofondata a 14 lunghezze di distanza.

Pareggio della Virtus in apertura di secondo tempo con la tripla di Baldi Rossi. La Vanoli però si dimostra offensivamente più lucida della Virtus con diversi bei contropiedi, uno su tutti quello che porta alla schiacciata di Fontecchio. Segafredo non troppo efficace in attacco anche a causa dei tanti minuti senza Slaughter, zoppicante a seguito di un cattivo appoggio del piede sul finire del primo tempo. La Vanoli continua a tirare dalla lunga distanza con percentuali irreali con qualunque giocatore, in questo periodo, in particolare, si iscrive alla lista dei tiratori Johnson-Odom. I padroni di casa riescono quindi ad allungare nuovamente oltre le 10 lunghezze di distanza con Lawson che fatica a destreggiarsi nel pitturato lombardo.

Ultimo periodo aperto con la tripla di Umeth dopo cui la Segafredo scompare sotto le granate di Diener dalla lunga distanza, 5\6 di serata con la Vanoli che raggiunge il record di triple stagionale. Breve tentativo di ravvicinarsi della Virtus con tripla e penetrazione di Umeth. La Vanoli però continua a segnare dalla lunga distanza da ogni posizione possibile, per la truppa di Ramagli quindi c’è ben poco da fare contro tali percentuali. La Virtus non crolla fino alla fine ma esce sconfitta dal Pala Radi per 91-78.

Matteo Cremonini

 

foto: Virtus Segafredo Bologna

Iscriviti a  TimeOut Basketball e seguici su Facebook

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy