Cookie Policy

Virtus, la coperta è corta: Trento vince e passa in zona Final Eight

by • 30 Dicembre 2018 • evidenza, Virtus BolognaComments (0)111

Legabasket Serie A – 13^ giornata

Dolomiti Energia Trento – Virtus Segafredo Bologna 71-65

(20-9, 41-26, 52-49)

I tabellini

Trento: Marble 18, Pascolo 3, Mian 2, Forray 7, Flaccadori 5, Craft 9, Mezzanotte ne, Beto 12, Hogue 9, Lechthaler ne, Jovanovic 6. All. Buscaglia, 1° Ass. Cavazzana, 2° Ass. Dusmet, 3° Ass. Molin

Bologna: Punter 24, Pajola, Taylor 11, Baldi Rossi 7, Cappelletti, Kravic 3, Venturoli ne, Berti ne, M’Baye 9, Cournooh 9. All. Sacripanti, 1° Ass. Griccioli, 2° Ass. Fedrigo

Arbitri: Lo Guzzo C. (PI) – Rossi M. (AR) – Bongiorni A. (PI)

Segnapunti: Alessio M. (VI)

Cronometrista: Valer S. (BZ)

24 Secondi: Chistè L. (TN)

Spettatori: 4000 ca.

 

30.12.2018, BLM Group Arena, Trento (TN) – Corta, stropicciata, molle e indisponente nel primo tempo; solida, precisa, arrembante e unita nel secondo.

E’ una Virtus a due facce quella che esce sconfitta dal Pala Trento, incassando una sconfitta dolorosa per le velleità di classifica (al momento sarebbe fuori dalle Final Eight di Coppa Italia) e per il morale che, nonostante le costanti altalene, la vittoria con Reggio Emilia aveva saputo risollevare.

Rotazioni corte (senza 3/5 del quintetto e con due ragazzi non entrati) e pochi margini di errore, ma un terrificante 9 su 21 ai liberi (in match concluso a -6) che condanna i bianconeri, sfibrati da un inverno molto duro, e che può diventare anche peggio: tra 7 giorni esatti si ritorna a Casalecchio, dove Sacripanti troverà una Germani Brescia appena strapazzata da Sassari, ma ancora in corsa per un posto tra le prime 8 della Lega.

La Virtus non trova continuità, alternando sprazzi di gioco corale a blackout imperdonabili per una squadra costruita e motivata per restare almeno fra le prime 8 della Serie A.

Si vedrà se è questione di giocatori assenti (Aradori e Martin sembrano prossimi al rientro) o di energie che mancano, ma le risposte che si attende Bologna tutta andranno tradotte in una prestazione più solida.

Tra 7 giorni, contro Brescia.

La cronaca

Subito Hogue per il 2-0 a 9’30”, Kravic stoppa Marble dopo l’errore di Taylor; Kravic perde il pallone e Marble ringrazia con la schiacciata del 4-0, seguito da Gomes con la tripla del 7-0 a 7’40”: timeout Sacripanti. Marble ancora si guadagna la lunetta (9-0), Taylor subisce la pressione e perde palla; la Virtus sembra assente e subisce da Craft il 12-0 a 7’. Entra Baldi Rossi per Kravic, ma è Cournooh a sbloccare la Virtus con la tripla del 12-3 a 6’, a cui segue la palla persa di Hogue; Virtus in bambola, Trento è più presente e aggressiva, mentre gli ospiti si affidano a giocate sporadiche e mal costruite. Anche Buscaglia inizia le rotazioni (Jovanovic e Pascolo) ma è Beto a segnare di forza il 16-3, prima del canestro in post di M’Baye per il 16-5 a 2’18”; Baldi Rossi è costretto a uscire per perdita di sangue, torna Punter per Cappelletti e Mian per Beto, ma è Marble a segnare 4 punti di fila per il 20-5 a meno di 1 minuto dal termine del primo quarto. Punter si sblocca con 4 punti consecutivi, e riporta Bologna sul -11, con Craft che prova la tripla allo scadere ma sbaglia.

Subito botta e risposta Flaccadori-Punter, ma Pajola si fa beffare da Pascolo a rimbalzo commettendo fallo e concedendo il canestro: gioco da 3 punti e +14 Trento; Virtus scollata e senza idee in attacco, molle e senza grinta dietro, con Hogue e Pascolo a dominare l’area bianconera. Sacripanti ordina la zona, ma Forray la punisce da 8 metri: massimo vantaggio Trento (29-12) e Virtus incapace di trovare senso al proprio attacco. Flaccadori attacca in palleggio per il 31-12, Punter butta via l’ennesimo pallone che, però, Trento non converte; M’Baye prova a scuotere i bianconeri dalla lunetta (1 su 2), insieme a Baldi Rossi per il 31-15 a 5’55”. Secondo fallo di Hogue, ma la Virtus perde l’ennesimo pallone del match senza nemmeno entrare nell’attacco, permettendo allo stesso Hogue di andare in lunetta (1 su 2) per il 32-15 a 5’20; Bologna si intestardisce nel tiro dalla lunga distanza, ma sono le troppe palle perse (9 al 16’) il vero problema, insieme ad un attacco sterile e mal organizzato. Marble fa +20, M’Baye trova la tripla del 35-18 e la Virtus recupera un buon pallone in difesa, a cui segue il timeout di Buscaglia a 3’30” dall’intervallo; bel canestro di Taylor per il -15 Virtus, errore di Craft e ci prova ancora Taylor, che si guadagna la lunetta (0 su 2) ma sul rimbalzo offensivo di Baldi Rossi è Punter ad infilare la tripla del 35-23; Beto segna su un piede solo (37-23), Baldi Rossi lotta a rimbalzo e segna il -12 Virtus. Marble subisce fallo su uno split sospetto e segna entrambi  i tiri liberi per il nuovo +14 Trento, Kravic si guadagna la lunetta (1 su 2) e porta la Virtus sul -13, ma sull’errore trentino, Pajola si fa scippare da Craft che appoggia il 41-26 di fine primo tempo.

Prova a riaccendersi Beto, così come Taylor e Kravic, ma tutte le conclusioni non vanno a bersaglio; Hogue spazza via Kravic, Cournooh risponde da 3 per il 43-29 a 8’18”, mentre Taylor prima subisce fallo, poi segna ancora da 3 per il -11 a 7’31”; Trento rimane in zona d’attacco grazie a Hogue, ma grazie a Baldi Rossi e a un concreto Cournooh, Bologna si rifà sotto sul 46-37. A nulla può il timeout di Buscaglia, perché Trento sbaglia ancora e viene punita dalla quarta tripla della Virtus, che con Punter arriva a -6, prima che una giocata solitaria di Marble riporti Trento sul +8. Taylor attacca e subisce fallo da Hogue, andando in lunetta (1 su 2) e aggiornando il parziale nel quarto sul 5-15 in favore della sua Virtus. Adesso è Trento che si ostina a tirare dalla distanza, cosa che fa più che bene Punter, segnando dai 6,75 un’altra tripla, per il -4 bolognese; Forray d’esperienza si guadagna un fallo da M’Baye, Hogue muove il tabellone per Trento (49-44), la Virtus non riesce con Taylor a correre in contropiede, ma si chiude bene in difesa, pur faticando a trovare conclusioni con Trento schierata in difesa. Hogue viene rimandato in lunetta (1 su 2) per il 50-44, ma Punter segna dal palleggio il 50-46; Flaccadori commette fallo a rimbalzo, torna Taylor per Bologna, ma è M’Baye a fare -3 dalla lunetta con poco più di un minuto dalla fine del terzo periodo, ma Mian approfitta di un altro rimbalzo offensivo per schiacciare il nuovo +5 trentino. Gomes rimane a terra, la Virtus gioca e trova Kravic per il nuovo -3, e Trento non riesce ad attaccare sull’ultima azione, segnando solamente 11 punti nel quarto.

Subito Punter per il pareggio a quota 52, Jovanovic fa valere i suoi 211 cm e segna il +2 trentino; Jovanovic trova spazio in area, e si guadagna la lunetta per il  +4 dei padroni di casa. Baldi Rossi insieme a Kravic per contenere Jovanovic, Sacripanti vuole parlarci sopra e spende timeout; arriva il sesto punto consecutivo di Jovanovic (58-52), seguito dal neo-entrato Hogue per la schiacciata del +8 trentino. Hogue sbaglia, battezzato, Marble cancella Taylor, ed entrambe le squadre costruiscono poco; M’Baye torna a dare punti alla Virtus (60-56) sbagliando il libero supplementare, Mian sbaglia con un tiro frettoloso, ma la Virtus non converte il rimbalzo offensivo di M’Baye, ma proprio M’Baye cancella il tentativo di Hogue riprendendo il possesso per la Virtus. Gioco di Bologna per Punter, che da 3 segna il -1 bolognese; Marble risponde dalla distanza, ma Taylor è bravo a guadagnarsi la lunetta (63-60). Ancora zona per la Virtus, Forray commette infrazione di passi, e ne approfitta Taylor da 3, per la seconda parità del match (63-63); Marble commette fallo in attacco su un grande Cournooh, e lascia la Virtus palla in mano con 2’35” dal termine. Brutta palla persa di Taylor, Craft legge bene la difesa virtussina e appoggia il +2 a 1’52”; Cournooh attacca Marble (4° fallo) ma fa 1 su 2, e Bologna rimane sul 65-64. Trento non ne approfitta e sbaglia, così come Punter e M’Baye a rimbalzo, ma Bologna rimane in attacco con 1’12” da giocare nel match; altro errore Bologna sulla rimessa, e 5° fallo di Baldi Rossi. Craft si gioca il mismatch con Kravic e segna il 67-64, Taylor provoca il 5° fallo di Hogue e segna il 67-65 a 25” dal termine, su azione fermata per invasione di Cournooh. Rimessa Trento e fallo su Forray: 2 su 2 e +4 Trento; Taylor si fa scippare da Forray, con Trento che ha palla in mano con 13”. Fallo di Pajola su Forray, 2 su 2 del #10 e 71-65, con Sacripanti a chiamare l’ultimo timeout del match, ma la tripla di Punter non va e il match finisce sul 71-65.

 

(Foto: Virtus Segafredo Bologna)

Lorenzo Gualandi

©2016 Concretamente Sassuolo Twitter Facebook

Related Posts

Privacy Policy